Come legare due ami

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Siete degli appassionati della pesca e vorreste aumentare le vostre possibilità di pescare qualche bel pesce? Se la risposta è sì, questa guida fa proprio al caso vostro! Infatti, nei seguenti passi, vi spiegherò come legare due ami, la quale aumenterà sensibilmente le vostre possibilità di successo. Il doppio amo serve anche a fissare un’esca lunga e viva, infilzandone la coda al primo amo e la testa al secondo. Potrete stare tranquilli, perché non si tratta di un'operazione difficile anzi, è alquanto semplice da fare ed ora vi mostrerò come procedere.

27

Occorrente

  • filo da pesca
  • 2 ami girelle o occhielli
  • forbici
37

Come prima cosa, dovrete far passare il capo dello spezzone di filo attraverso l’occhiello del primo amo dal davanti, inserendolo solo per circa 1 centimetro. Dopo aver fatto ciò, tenendo fermo fra le dita lo stelo dell’amo con la punta verso il basso, dovrete afferrare l’estremità di filo lunga 1 centimetro ed avvolgerla attorno allo stelo, facendogli fare almeno 6 o 7 giri. Adesso, dovrete far ripassare il capo del filo attraverso l’occhiello dal retro dell’amo, tenendo ben tirato il trave mentre tirate l’amo per serrare il nodo; tenete presente che non dovrebbe avanzare filo una volta realizzata la legatura, ma in caso dovesse, provvedete a rifilare con le forbici.

47

Successivamente, se dovreste notare che l’amo si piega verso la lenza, significa che avrete effettuato la legatura in maniera corretta, in quanto il filo agirà come una sorta di molla, migliorando il funzionamento dell’amo. In questo modo, avrete legato il primo amo. Vi ricordo che è buona abitudine lubrificare sempre, con un po' di saliva o del prodotto apposito a base di silicone, ogni nodo. Oltre a ciò, vi consiglio di utilizzare del filo multifibre o trecciato, più sensibile e resistente. Proseguite col secondo amo: innanzitutto, dovrete definire la distanza fra gli ami; indicativamente dovrebbe corrispondere a circa i due terzi della lunghezza dell’esca che intendete utilizzare.

Continua la lettura
57

Una volta determinata la distanza, dovrete far passare l’estremità del filo attraverso il retro del secondo amo, dopodiché avvolgete attorno al gambo in 6 o 7 spire, ripassate nell'occhiello e procedete fino alla legatura, esattamente come col primo. Mantenere gli ami in linea, incrementa notevolmente le possibilità di pesca e consente una migliore tenuta di esche vive o particolarmente morbide. A questo punto, sarete in grado di legare due ami assieme, autonomamente, da soli, senza alcun problema. Buon lavoro!

67

Guarda il video

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come legare un amo

La pesca è un'attività davvero molto rilassante che appassiona tantissimi amanti. Esistono varie tipologie di pesca, comunque tutte si basano su un elemento principale fondamentale, stiamo ovviamente parlando dell'amo. Lo scopo di questa guida è quello...
Altri Hobby

Come costruire una lenza a mano

In passato rappresentava un mezzo di sopravvivenza per le popolazioni che vivevano in prossimità del mare, nel tempo la pesca ha invece assunto i caratteri di attività dilettosa e sportiva. È una pratica molto amata, sia per la soddisfazione che regala...
Altri Hobby

Come non farsi rubare la bicicletta

Purtroppo al giorno d'oggi il detto "fidarsi è bene, ma non fidarsi è meglio" è più vero che mai. Per cui tante volte si è vittima di furti, spesso anche ingiustificati, di oggetti per noi molto preziosi o importanti. I possessori e gli amanti della...
Altri Hobby

Come identificare le monete antiche cinesi

Se siete degli appassionati di storia antica o se semplicemente avete ritrovato una vecchia moneta e volete sapere a che periodo appartiene allora siete capitati sulla guida giusta. Oggi infatti vi parleremo delle antiche monete cinesi. In particolare...
Altri Hobby

Come innescare pellet carpfishing

Andare a pescare con i nostri amici o coi colleghi di lavoro, è un'attività piacevole e divertente. In particolare, se si pratica il "carpfishing", ovvero la pesca delle carpe, si dovranno utilizzare delle esche buone e allo stesso tempo molto attraenti...
Altri Hobby

Come realizzare i principali nodi

I nodi sono fondamentali in diverse situazioni, in barca quando si deve legare una cima, in campeggio, per creare la base per tende o per costruire capanne, o, ancora, nelle attività alpinistiche, per imbragare, assicurare, ancorare alle soste, bloccare...
Altri Hobby

Come smontare una canna da pesca

Se abbiamo deciso di dedicarci ad un hobby rilassante come la pesca con la canna, prima di acquistare quest'ultima, è importante sapere che alcuni modelli vanno smontati totalmente dopo l'uso, per cui l'operazione deve essere eseguita ogni volta che...
Altri Hobby

Consigli per riparare la rete del canestro

Il canestro è un attrezzatura sportiva utilizzata per giocare a basket. Il canestro è composto da un cerchio di ferro robusto di colore rosso e da una rete fissata al cerchio tramite dei nodi e dei ganci realizzata con un filo particolare simile ad...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.