Come legare le piante ai sostegni

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Per poter crescere, svilupparsi correttamente e produrre frutti, molte piante necessitano di essere legate a dei sostegni che le possano sostenere durante il primo periodo di accrescimento. Lo scopo dei sostegni è, infatti, quello di mantenere in posizione verticale, e quindi di sostenere, le piante giovani in via di sviluppo o le pianti con un portamento tipicamente rampicante. I sostegni, mantenendo le piante sempre in posizione eretta, impediscono ai fusti di piegarsi o addirittura rompersi sotto l’effetto del vento, della pioggia o del peso stesso della pianta. Inoltre favoriscono una migliore esposizione al sole dei rami e delle foglie. Tutto ciò non può che favorire la produzione dei frutti. La legatura delle piante ai sostegni migliora anche l’aspetto e la salute dei frutti. Questi ultimi infatti, non toccando terra, sono protetti da eventuali insetti infestanti che potrebbero attaccarli. L’operazione di legatura ai sostegni è quindi molto importante, anche se a volte viene un po’ trascurata, soprattutto da parte dei contadini “non professionisti”. Vediamo in questa guida come legare le piante ai sostegni in modo corretto, così da evitare loro sofferenze che rischierebbero di diminuirne la produttività.

27

Occorrente

  • Pali
  • reti di sostegno
  • legacci
37

Filari o cavalletti di legno o bambù per gli ortaggi

Tra le piante che hanno bisogno di sostegni vi sono molti ortaggi come ad esempio i fagiolini, i piselli rampicanti, le zucchine, i cetrioli e i pomodori. Tra i metodi più diffusi per sostenere questi ortaggi vi sono sicuramente i pali di legno o di bambù. I primi (inseriti per circa 30-40 cm nel terreno e alti tra gli 80 e i 100 cm), dovrebbero essere sistemati a formare dei filari. I vari pali saranno poi collegati tra di loro da dei fili di ferro zincato (a circa 25 e 75 cm di altezza) così da fornire un ulteriore sostegno alle piante. Per assicurare gli ortaggi ai sostegni si possono utilizzare dei legacci, anch’essi di filo di ferro ricoperti da carta o da gomma o legacci fabbricati con scarti di tessuti (le cosiddette “cimosse”). Tutti questi legacci non devono essere legati troppo stretti al fusto per non “strozzare” la pianta provocando anche delle ferite al fusto, ma devono allo stesso tempo assicurare un sostegno sicuro e saldo. I pali possono anche essere disposti a formare dei cavalletti oppure possono essere utilizzate delle reti in nylon. Nel caso di reti, i legacci saranno posti in corrispondenza degli incroci delle maglie. Il momento migliore per legare le piante erbacee ai sostegni è sicuramente la primavera, periodo caratterizzato da una crescita molto intensa e veloce delle piante. Ovviamente, man mano che la pianta cresce, si deve procedere con la legatura dei nuovi fusti ai sostegni.

47

Pali saldamente fissati nel terreno per gli alberi da frutto

Anche gli alberi da frutto devono essere sorretti da dei sostegni artificiali al momento dell’impianto. Questo perché il loro fusto non è ancora in grado di sostenersi “da solo” e rischierebbe di spezzarsi sotto l’azione del vento. Il metodo migliore è quello di utilizzare dei pali conficcati nel terreno a circa 5 cm di distanza dal fusto ed alti fino a raggiungere il ramo più basso del giovane albero. I paletti, conficcati nel terreno per almeno 45 cm saranno poi legati al fusto con legacci di filo di ferro o con delle speciali fascette di materiale plastico per alberi. Questi legacci dovranno essere resistenti perché avranno il compito di sostenere l’albero al palo per almeno 2 o 3 anni (fino a quando le sue radici non saranno in grado di sostenerlo autonomamente e il fusto non sarà sufficientemente robusto da sostenere da solo la crescita in verticale dell'intera pianta).

Continua la lettura
57

Alcuni consigli utili

Un'attenzione necessaria per far sì che le operazioni di legatura possano dare benefici alle piante e non rovinarle, è quella di legare i fusti ai pali o ai fili solamente nelle prime fasi di crescita della pianta. Non è consigliabile legare fusti già molto sviluppati in quanto il rischio di spezzarli o rovinarli sarebbe molto alto. I fusti di ogni pianta, soprattutto gli ortaggi, presentano poi delle caratteristiche differenti. Ad esempio, il fusto del pomodoro rimane flessibile per tutta la vita della pianta, questo facilita le operazioni di legatura che quindi possono essere fatte tranquillamente ogni quattro o cinque giorni.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come costruire i sostegni per la crescita dei lamponi

Il lampone (Rubus ideaus), grazie al suo sapore fresco e intenso e all’inconfondibile aroma, rappresenta il frutto di bosco per eccellenza. Molto diffuso nei sottoboschi della nostra regione, viene frequentemente coltivato nei giardini dei masi montani...
Giardinaggio

Come moltiplicare le piante rampicanti

Coltivare le piante è un compito molto gratificante e lo è ancor di più quando si riesce a riprodurre con successo le proprie piante. Moltiplicare le piante, oltre a regalare numerose soddisfazioni, permette di ottenere un' ampia collezione di specie...
Giardinaggio

Come piantare le piante in un acquario

Avere un acquario in casa è una grande responsabilità. Poche persone ci pensano eppure l'hobby per eccellenza è, prima di tutto, un oggetto di arredamento le cui piante interne devono avere un "senso" logico, in relazione anche ai pesci che vi spaziano....
Giardinaggio

Come sorreggere le piante di pomodoro

Quando si coltivano specifiche piante bisogna prima di tutto conoscere a menadito tutte le loro caratteristiche, in modo da poterne garantire il benessere. In questo modo potremmo in un certo senso far crescere in maniera rigogliosa la pianta in questione....
Giardinaggio

Come proteggere le piante dalle gelate notturne

Avete un bel vaso di fiori e lo volete conservare per la prossima primavera?... Avete delle piante che volete proteggere dalle fredde correnti invernali?.... Ebbene, se così fosse, non vi preoccupate.Sappiamo tutti molto bene che in certe regioni del...
Giardinaggio

Come coltivare le piante di pomodoro sul balcone

Se volete provare a coltivare qualche ortaggio, le piante di pomodoro potrebbero fare al caso vostro. Si tratta infatti di piante adatte a quanti sono alle prime armi, in fatto di coltivazione, dato che sono molto semplici da gestire. Tuttavia non tutti...
Giardinaggio

Come identificare le piante succulente

Le Piante succulente fanno parte della categoria di vegetali che crescono nelle zone aride. Esse vengono dette anche piante grasse e ne esistono un'infinità di specie. Questo genere di piante sono capaci di raccogliere tanta acqua per tanto tempo. Per...
Giardinaggio

Come curare le piante carnivore in inverno

Le piante carnivore sono piante erbacee che si nutrono di insetti e piccoli artropodi. Il motivo di questo comportamento è dovuto all'adattamento agli ambienti ostili in cui si sviluppano quali paludi o rocce. Questi risultano poveri di azoto ed altri...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.