Come leggere i Kilowatt su un tester digitale

Tramite: O2O 08/09/2020
Difficoltà: media
18

Introduzione

Il kilowatt è un'unità di misura che non si può verificare in modo diretto con un tester analogico poiché deriva dalla combinazione della tensione e dell'intensitá di corrente. Premesso ciò, è tuttavia importante sottolineare che è possibile ricavare il valore in modo indiretto, e con l'ausilio di alcuni semplici passaggi matematici oltre che con l'aiuto di un tester digitale professionale noto anche come multimetro e disponibile sul mercato terrestre ed online con svariate fasce di prezzo. In riferimento a quanto appena accennato, qui di seguito ci sono alcuni utili suggerimenti su come leggere i kilowatt con un tester digitale.

28

Occorrente

  • Multimetro digitale
38

Inserire i puntali negli appositi fori

Prima di spiegare come leggere i Kilowatt su un tester digitale è importante conoscere a fondo questo strumento che tra l'altro consente di misurare tantissime cose. Infatti i modelli standard permettono di rilevare la resistenza in Ohm, la tensione espressa in Volt ovvero la corrente che può essere continua ma anche alternata. Questo strumento inoltre è dotato di due cavi con all'estremità un puntale di cui uno negativo e l'altro positivo, che vengono distinti tra loro tramite i colori nero per il primo e rosso per il secondo. Detto ciò, va altresì aggiunto che nei tester di solito sono presenti 4 fori nei quali si devono inserire i suddetti cavi. A margine è importante sottolineare che in corrispondenza di COM (comune) va il nero, mentre V, mA e 20A sono gli atri 3 fori in cui va inserito il cavo rosso a secondo dell'esigenza. A questo punto dopo aver iniziato a conoscere il tester digitale, per cominciare a leggere i Kilowatt mettiamo il cavo rosso sulla lettera V e procediamo poi come descritto nei passi successivi della presente guida, in cui troveremo le istruzioni per misurare i KW generati rispettivamente dalla corrente continua e da quella alternata.

48

Misurare la tensione della corrente continua

Prima di continuare in base a quanto accennato nel passo precedente della presente guida, è opportuno ricordare che in ordine si misurano prima i Volt, poi gli Ampere e successivamente si esegue il calcolo per ricavare i KW. Tale premessa è importante poiché misurare in modo errato può essere pericoloso o dannoso per gli strumenti sotto tensione. Dopo questa doverosa citazione, per procedere nel lavoro di lettura prendiamo un foglio e una penna per segnare le misure che otterremo dal tester. Fatto ciò, possiamo procedere come descritto nel passo successivo. In primo luogo misuriamo la tensione mettendo il cavo nero su Com e il rosso su V. A questo punto bisogna sapere cosa si sta effettivamente calcolando; infatti, se stiamo considerando una tensione di corrente continua come ad esempio quella di una batteria, impostiamo il tester su Vcc= o Va. In secondo luogo se la tensione è continua, si dovrà mettere il puntale nero sul terminale negativo in corrispondenza di ciò che si sta misurando (di solito è contrassegnato con nero o blu), e quello rosso sul positivo (anche di colore bianco). A questo punto dopo aver conosciuto l'intensità di corrente continua per annotare anche quella alternata, basta leggere quanto riportato nel passo successivo della presente guida.

Continua la lettura
58

Rilevare la tensione della corrente alternata

Se invece di misurare la tensione generata dalla corrente continua si intende optare per la rilevazione di quella alternata, qualunque puntale può essere messo sui terminali in quanto consente di leggere il valore dei Volt da annotare sulla carta. Premesso ciò, per procedere prendiamo il tester ed inseriamo il cavo rosso su A. Successivamente impostiamo lo strumento in A mettendo nello specifico i puntali in serie con un carico qualsiasi (una lavatrice, un frigorifero etc) dopodichè andremo a misurare quanti Ampere consuma l'oggetto in queste condizioni. Il risultato ci consente di leggere il valore che possiamo quindi annotare sul suddetto foglio. A questo punto non ci resta che fare un semplice calcolo: W=V*A ossia potenza in W è uguale al prodotto di tensione in Volt per l'intensità di corrente in Ampere. Per ottenere la misura in KW dobbiamo tra l'altro ricordare che 1 KW corrisponde a 1000 Watt quindi da ciò la formula derivante è del tipo W=(V*I)/1000. Da come si evince in base a quanto sin qui descritto, misurare i kilowattori con un tester digitale non è affatto difficile purché l'apparecchio sia di tipo professionale.

68

Scegliere un tester digitale professionale

A margine di questa guida come accennato in fase introduttiva, è importante sapere che un tester digitale del tipo semi-professionale è particolarmente adatto per chi deve eseguire piccole rilevazioni per le varie misure elettriche domestiche. Per chi invece svolge un'attività altamente professionale è dato sapere che sul mercato sono disponibili degli apparecchi All-in-one che se scelti comprendono tutte le funzionalità per misurare resistenza, amperaggio, voltaggio e di conseguenza a livello industriale offrono anche la possibilità di conoscere il numero di kilowattori.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • La misurazione è sempre consigliabile farla eseguire da un esperto perchè è rischioso lavorare con la corrente
  • Mai toccare i terminali con le mani, è preferibile usare guanti in lattice
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come trovare la fase con il tester

Per controllare la tensione monofase nella vostra abitazione o trifase nei motori presenti nel laboratorio in cui lavorate, è importante usare correttamente dopo un eventuale corto circuito un tester. Questo funzionale strumento infatti, è in grado...
Materiali e Attrezzi

Come leggere la pressione barometrica

Per leggere la pressione barometrica è necessario possedere un barometro, uno strumento che può essere utilizzato per la pressione atmosferica. Questo strumento può essere usato per prevedere i cambiamenti del tempo. La lettura della pressione barometrica...
Materiali e Attrezzi

Come leggere uno schema elettrico

All'interno della presente guida, andremo a occuparci di schema elettrico. Nello specifico, come avrete potuto già comprendere tramite la lettura del titolo stesso della nostra guida, ora andremo a spiegarvi Come leggere uno schema elettrico.Saper leggere...
Materiali e Attrezzi

Come testare un fusibile

I fusibili sono dei piccoli dispositivi che vengono utilizzati per fornire una protezione ai circuiti elettrici. Essi includono un filo molto sottile che si fonde o si vaporizza quando il flusso di corrente che passa attraverso è superiore rispetto agli...
Materiali e Attrezzi

Come leggere un flussometro per ossigeno

Il flussometro per ossigeno è un apparecchio utilizzato per misurare il flusso e la capacità di questo particolare gas. Ne esistono numerosi generi, che si differenziano l'uno dall'altro per la funzionalità, la tipologia del meccanismo e per l'obiettivo...
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare un voltmetro

Un voltmetro, conosciuto anche come multimetro, è uno strumento molto utile che può essere utilizzato facilmente anche da coloro non hanno tanta dimestichezza in materia di elettrotecnica. Questo strumento viene impiegato per diagnosticare una vasta...
Materiali e Attrezzi

Come leggere il mostimetro

Il saccarosio (lo zucchero da tavola) contenuto in una soluzione, può essere misurato con un mostimetro. Questo dispositivo utilizza la densità relativa di una soluzione zuccherina per stimare la concentrazione dello zucchero. L'aggiunta del saccarosio...
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare la pinza amperometrica

Uno strumento di misurazione dell'intensità di corrente davvero pratico è la pinza amperometrica. Si usa in particolare per stabilire l'intensità di corrente all'interno di un filo conduttore. La sua comodità si può determinare in due fattori precisi....