Come leggere le etichette dei fertilizzanti

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Le etichette dei fertilizzanti contengono informazioni molto importanti in merito allo stoccaggio, il trasporto e la movimentazione del prodotto in questione: per tale motivo appare fondamentale imparare a leggere tali etichette in maniera perfetta. Nella seguente guida, passo dopo passo, vi daremo maggiori informazioni sulle notizie riportate sulle etichette dei fertilizzanti e vi suggeriremo come fare per leggerle. Vediamo insieme dunque come procedere.

25

Conoscere i principi attivi presenti nella confezione

Sull'etichetta di ogni fertilizzante sono indicati tre elementi: azoto, fosforo e potassio. Si tratta degli ingredienti presenti in genere in misura maggiore, indicati rispettivamente con le lettere N-P-K. Essi sono riportati sempre nel suddetto ordine e sono indicati con 3 numeri, ad esempio 30-10-10. Ciò sta a significare che se si hanno a disposizione 100 chili di quel fertilizzante ci sono 30 kg di azoto disponibili, 10 chili di fosforo e 10 chili di potassio. La parte rimanente ossia gli altri 50 chilogrammi saranno costituiti da ingredienti inattivi o inerti.

35

Conoscere a cosa serve ogni ingrediente

Nel leggere un'etichetta di un fertilizzante è possibile notare ulteriori elementi quali magnesio, calcio, zolfo, ferro, zinco unitamente ad azoto, fosforo e potassio in composti chimici. Si tratta di oligoelementi essenziali per lo sviluppo della pianta. La maggior parte di questi elementi si trovano naturalmente nel terreno: le piante le assumono dunque attraverso le radici e le foglie. È bene prestare attenzione al fatto che i fertilizzanti non contengano additivi o proteine e grassi: sono fortemente dannose per le piante le vitamine, gli alimenti per animali e qualsiasi altro elemento trasformato.

Continua la lettura
45

Conoscere le esigenze delle piante

È infine importante sapere a cosa serve ogni elemento indicato sulle etichette dei fertilizzanti. In particolare l'azoto è indispensabile per il verde e per la crescita delle piante, il fosforo e il potassio invece per i frutti e i fiori. Per far crescere velocemente un prato appare preferibile la soluzione 21-0-0 ossia il solfato d'ammonio. Per ottenere invece un prato florido e sano la soluzione migliore è 10-6-4. Quando acquistate un fertilizzante, in conclusione, è bene ascoltare il consiglio degli esperti in merito al tipo di piante che si sta coltivando. La conoscenza delle percentuali di N-P-K sarà fondamentale nella scelta. Ricordate infine che i fertilizzanti non producono risultati immediati ma occorrono settimane prima di notare dei miglioramenti nella salute delle piante.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

I migliori fertilizzanti per un campo di mais

Fare del giardinaggio è un hobby che richiede molta pazienza e tempo libero, e altrettanto dicasi se invece decidiamo di coltivare un campo di mais. Nello specifico si tratta infatti di un prodotto che deve essere adeguatamente arricchito di fertilizzanti,...
Giardinaggio

Come Preparare Fertilizzanti Fatti In Casa

Se siamo degli amanti del giardinaggio e ci piacere avere un piccolo angolo verde nella nostra casa, sicuramente sapremo che per farle crescere sempre belle rigogliose, dovremo curarle costantemente e per fare ciò dovremo utilizzare una serie di prodotti...
Giardinaggio

5 fertilizzanti biologici

Finalmente hai deciso di dedicarti alle tue piantine o addirittura hai deciso di coltivare un piccolo orto in casa? Bene hai trovato l'articolo giusto! Devi sapere che le piante, al pari di ogni altro essere vivente, hanno bisogno di vari elementi nutritivi....
Giardinaggio

come realizzare delle etichette resistenti per l'orto

Se siamo degli appassionati di giardinaggio, potremo provare a realizzare un bellissimo orticello sul balcone della nostra abitazione o nel giardino, piantando moltissimi ortaggi differenti. Se però siamo alle prime armi con questo mondo, prima di iniziare,...
Giardinaggio

Come ottenere un ottimo fertilizzante per l'orto

Chi possiede un orto o un picolo appezzamento di terreno in cui coltiva ortaggi sa bene quanto è importante usare un fertilizzante nella terra nel modo giusto. Per rispettare gli equilibri ambientali è preferibile evitare prodotti inquinanti, chimici...
Giardinaggio

Come coltivare la violacciocca

La violacciocca, diffusa nell'Europa meridionale, nell'Asia e in Africa, è una delle piante caratteristiche degli scogli e delle coste del Mediterraneo, dove il cespuglio, che può arrivare anche all'altezza di 1 m, s'incunea nelle spaccature della roccia...
Giardinaggio

Come usare i sali inglesi e il caffè per concimare

Per crescere rigogliose e sane, tutte le piante hanno bisogno di fertilizzanti. Con il tempo, infatti, il terreno in cui alloggiano s'impoverisce di sali minerali. Alcuni di questi, come azoto, potassio, magnesio e ferro, sono determinanti per lo sviluppo...
Giardinaggio

Come usare il fertilizzante liquido

Il fertilizzante liquido è una miscela nutritiva che fornisce i microelementi primari e secondari, come il potassio e il calcio, e anche altri micronutrienti come lo zinco e il ferro, ideali per piante e colture. Per questo motivo, vengono ampiamente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.