Come levigare e lucidare un fossile

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

In paleontologia, un fossile (parola derivante dal latino "fodere", che significa scavare) indica solitamente i resti parziali o integri di organismi vissuti nel passato (come le ossa, i denti, le uova. Le foglie e i tronchi), ma viene utilizzato anche per una testimonianza di una vita trascorsa geologicamente. La trasformazione di un organismo vivente in fossile (fossilizzazione) potrebbe avvenire tramite un processo che dura milioni d'anni, ma rappresenta un evento molto improbabile perché l’animale o la pianta morta subisce immediatamente una decomposizione, seppure le loro parti maggiormente dure rimangono a lungo se non vengono disgregati dagli agenti esterni oppure dagli animali necrofagi. Per un geologo o paleontologo, la ricerca dei campioni mineralogici e paleontologici è un’attività abbastanza interessante: una delle azioni più complicate ed interessanti da compiere è quella di dedicarsi meticolosamente alla preparazione del fossile rinvenuto. Nella seguente pratica e dettagliata guida, vi fornirò alcuni suggerimenti utili su come bisogna levigare e lucidare un fossile.

26

Lavare il fossile con acqua

Innanzitutto, dovete sapere che esistono: tecniche ed operazioni basilari che bisogna eseguire per mettere in luce i campioni raccolti; e procedure maggiormente complesse e specialistiche, con delle apparecchiature di laboratorio non facilmente realizzabili. Per pulire un fossile, è necessario procedere con il proprio lavaggio con l'acqua del rubinetto, purché riesca a tollerare il trattamento con questa sostanza naturale (non idrosolubile): infatti, prima di cominciare l’operazione, è meglio accertarsi che il campione non rischi di sciogliersi o perdere il colore o la propria lucentezza, facendo la prova su un frammento che si è scartato.

36

Detergere grossolanamente il campione

Adesso, tramite l’ausilio di un'apposita spazzola, potrete detergere il campione grossolanamente, immergendolo dentro una bacinella riempita d'acqua: sarà necessario cambiarla diverse volte e lasciare a mollo il campione stesso (anche per un giorno completo). Considerando che l’acqua del rubinetto contiene tanti sali minerali sciolti e potrebbe lasciare delle patine saline che possono fare reazione sul campione, occorre agitare bene quest'ultimo nella bacinella, metterlo sotto l’acqua corrente (se desiderate rendere il processo di pulizia più veloce), utilizzare in aggiunta un pennello bagnato o ricorrere alla pistola a getto d'acqua (quando è presente uno sporco resistente e infiltrato).

Continua la lettura
46

Asciugare il reperto

Successivamente, procedete all'asciugatura del campione in un ambiente ben areato e su un supporto fatto di rete (non sotto ai raggi solari, perché lo potrebbe scolorire o causare shock termici), allo scopo di eliminare la possibilità di depositi/tracce di sali minerali oppure impedire dei residui d’acqua nei pori dello stesso e, quindi, la formazione delle muffe. Le patine e i materiali grossolani possono anche essere rimossi meccanicamente con l‘utilizzo di un punteruolo e tanta pazienza. Si potrebbe fare anche la pulizia con gli ultrasuoni, ma ha un costo eccessivo troppo elevato: infatti, questo metodo viene utilizzato solitamente in oreficeria e nelle industrie, impiegando l'acqua distillata. Anche l’uso degli acidi o dei reagenti chimici permette di togliere le patine o i sali minerali ancora resistenti, ma devono essere adottati cautamente per evitare dei danni (specialmente alle persone inesperte).

56

Levigare e lucidare il fossile

Per lucidare il campione, è possibile utilizzare una tecnica abbastanza grezza che prevede il taglio della superficie piatta, attraverso un "frullino" da uso domestico. Questo sistema non è semplicissimo, poiché occorre: fissare saldamente la roccia; sgrossare con la carta vetrata e l’acqua; lucidare la superficie ritagliata, strofinandola sopra una lastra di vetro con un movimento circolare, mediante una pasta abrasiva e l'acqua. Il vetro deve essere molato, altrimenti ci si potrebbe far male. Naturalmente, è indispensabile l'olio di gomito, ovvero parecchia forza e resistenza al lavoro. Se non possedete una morsa per fissare il campione, è preferibile non provarci nemmeno, ma bisogna comunque fare molta attenzione a non farsi male.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • In alcune situazioni, potrebbe risultare necessario l'utilizzo dell’acqua distillata, ma sommariamente l'acqua uscente dal rubinetto va benissimo.
  • Per gli spazi più piccoli, bisogna utilizzare un ago.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come trovare, pulire e lucidare le conchiglie

Durante una passeggiata al mare è irresistibile la voglia d'avere un ricordo di una piacevole giornata, anche perché il mare rilascia mille tesori dalle molteplici forme e colori e la vena creativa si fa forte nel trovare un piccolo bottino da poter...
Altri Hobby

Come lucidare il pianoforte

Chi non possiede un pianoforte forse non sa che esso richiede molta manutenzione. Cominciamo col dire che il pianoforte, anche se apparentemente risulta essere un mobile ingombrante, è molto delicato che, non tollera troppi sbalzi di temperatura o umidità...
Altri Hobby

Come verniciare un telaio

Guidare una moto o andare in bicicletta sono due tipi di attività che per ogni appassionato sono fonte di gioia e divertimento. Per fare in modo che le emozioni che questi due veicoli suscitano in ogni appassionato è bene di tanto in tanto provvedere...
Altri Hobby

Come cancellare i graffi sul vetro dell'orologio

Gli orologi non sono solo strumenti per controllare il tempo, per determinare l'ora, ma veri e propri oggetti di design che ci accompagnano durante la giornata. A volte ne siamo così attaccati, perché ci ricordano qualcuno che ce lo ha regalato, o semplicemente...
Altri Hobby

Come realizzare un portacenere in pietra leccese

Se il nostro hobby preferito è la scultura, possiamo utilizzare la pietra leccese che è di origine calcarea e molto antica. La sua denominazione è dovuta al luogo di origine; infatti, è meglio conosciuta come pietra bianca, che si presta molto per...
Altri Hobby

Come verniciare una roulotte

Se possediamo una roulotte e la utilizziamo per fare dei lunghi viaggi nel periodo estivo è fondamentale la manutenzione; una particolare cura dobbiamo averla per la carrozzeria. Avere una roulotte pulita e perfettamente verniciata dà la possibilità...
Altri Hobby

Come costruire una chitarra elettrica

Costruire una chitarra elettrica può sembrare un compito difficile, ma in realtà se si è pratici con il fai da te è possibile realizzare una chitarra elettrica in modo semplice e veloce. In questa guida cercheremo di capire come procedere al meglio...
Altri Hobby

5 idee per ristrutturare un vecchio pensile

Gli elementi di arredo di un appartamento, dopo molti anni ed un costante utilizzo nel tempo, devono necessariamente andare incontro ad un'operazione di manutenzione. I mobili, anche quelli di ottima fattura e di buona qualità, possono rovinarsi nel...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.