Come levigare le porte di un armadio

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Se state pensando di rinnovare l'aspetto della vostra casa, questa guida farà al caso vostro. Ci occuperemo, infatti, di come levigare le porte di un armadio. In effetti, con il passare del tempo, il legno può presentare i segni dell'usura, scheggiature o buchi dovuti alla presenza delle tarme. Anche se non è uno degli arredamenti principali, "restaurare" il vostro armadio significa già essere a metà dell'opera di rinnovo. La levigatura è uno dei modi migliori per preparare qualsiasi superficie in legno alla finitura. Ecco come levigare le porte di un armadio.

27

Occorrente

  • Tavolo da lavoro, teli in plastica, levigatrice, carta vetrata.
37

Per prima cosa rimuovete le porte dell'armadio dai cardini, prima di iniziare il processo di levigatura. Per rimuovere i perni aiutatevi con un cacciavite a lama piatta. Iniziate dalla cerniera inferiore e assicuratevi di essere in grado di sostenere la porta, per evitare di farla cadere. Se le porte sono scorrevoli, è necessario seguire le istruzioni del produttore per smontarle. Per alcune porte fatte in questo modo, è necessario rimuovere anche i binari.

47

Ora che avete tolto le porte, munitevi di un ripiano ben solido e sgombro per appoggiarle: questo sarà il vostro tavolo da lavoro. Il consiglio è quello di levigare in luoghi come scantinati o garage, onde evitare di fare troppa polvere per la casa; inoltre, se ne avete la possibilità, è sempre bene coprire il pavimento con grandi teli (possibilmente in plastica) per non sporcare ulteriormente. Altro accorgimento è quello di indossare una maschera anti-polvere e una protezione per gli occhi. Munitevi poi di una levigatrice potente che sia in grado di rimuovere la maggior parte della finitura; per le superfici verniciate, utilizzate una levigatrice a nastro con carta vetrata a grana media. Per porte colorate o non finite, è più indicata una levigatrice orbitale con carta a grana fine.

Continua la lettura
57

Quando si leviga una porta, non è necessario rimuovere tutta la vernice. L'obiettivo principale, infatti, è quello di togliere la vernice superficiale (scrostata), affinché non lasci uno strato rovinato sotto la nuova finitura. Iniziate con della carta vetrata a grana 100 per rimuovere la maggior parte della vernice, facendo attenzione a non andare troppo in profondità con la levigatrice, soprattutto una volta che si riuscirete a vedere il legno attraverso la pittura.

67

Utilizzate una levigatrice orbitale per lisciare la superficie, impiegando all'inizio la carta vetrata a grana 150, per poi finire con la grana 220. Passate la levigatrice seguendo linee morbide e costanti in direzione delle venature. Fate attenzione poi a non rimanere fermi nello stesso posto troppo a lungo, soprattutto se state lavorando su porte alveolari. Se le porte sono colorate, utilizzate una levigatrice orbitale con carta a grana 100. Una volta che gran parte della vernice è stata rimossa, passate ad una grana più fine per la passata di finitura; 150 o 220 sarà sufficiente.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Indossare una mascherina e una protezione per gli occhi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Consigli per levigare i bordi del vetro

Il vetro è uno dei materiali più usati nella quotidianità, basta pensare ai vari contenitori, bottiglie e vasi, e tanti altri oggetti o componenti di uso comune. Il vetro si ottiene per solidificazione dell'ossido di silicio, o dell'anidride borica...
Materiali e Attrezzi

Come levigare l'intonaco deumidificante

Abbiamo notato che le nostre pareti si stavano riempendo di umidità. Per sanificare l'ambiente, però, non volevamo chiamare uno specialista. Abbiamo invece deciso di agire noi stessi sulla parete, risparmiando così un bel po' di soldi. Per evitare...
Materiali e Attrezzi

Come levigare l'intonaco termico

Tra le differenti tipologie di intonaco che è possibile utilizzare per proteggere e decorare le pareti ed i muri di un edificio, il più indicato è l'intonaco termico, grazie al quale permettere un completo isolamento termico delle pareti esterne in...
Materiali e Attrezzi

Come levigare la vetroresina

La vetroresina, chiamata in gergo tecnico VTR, è un materiale che si ottiene dalla lavorazione della plastica con le fibre di vetro. Essa è abbastanza utilizzata per la costruzione di oggetti di piccole e grandi dimensioni. È impiegata soprattutto...
Materiali e Attrezzi

Come levigare i coltelli

In ogni occasione nella quale siete costretti ad utilizzare un coltello affilato, dopo che lo avete lavato e asciugato, dovreste raddrizzare il suo bordo con l'ausilio di un "acciaino". Lo strumento dell'acciaino non servirà a rendere il vostro coltello...
Materiali e Attrezzi

Come levigare un manico di scopa

Sicuramente in casa quasi tutti possiedono un'aspirapolvere. Questa ci consente di rimuovere detriti e polvere dal pavimento in modo rapido e facile. Sicuramente un metedodo più indicato anche per chi soffred di allergia agli acari. Tuttavia la scopa...
Materiali e Attrezzi

Come levigare l'intonaco granulare

Se una o più pareti della nostra casa sono state ristrutturate con una finitura a base di intonaco granulare, magari per un fattore estetico legato alla presenza di mobili rustici oppure per compensare anomalie delle superfici stesse, è importante sapere...
Materiali e Attrezzi

Come rimuovere la vernice dalla modanatura delle porte

Occuparsi di piccoli lavori di restauro è abbastanza semplice per i più pratici con il fai da te. Restituire carattere ad un vecchio mobile può dare nuova vita alla nostra casa. Ma questo genere di modifiche si possono effettuare anche su porte e infissi....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.