Come levigare un manico di scopa

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Sicuramente in casa quasi tutti possiedono un'aspirapolvere. Questa ci consente di rimuovere detriti e polvere dal pavimento in modo rapido e facile. Sicuramente un metedodo più indicato anche per chi soffred di allergia agli acari. Tuttavia la scopa risulta essere comoda in tante occasioni. Ad esempio qualora si volesse spazzare il pavimento di un balcone è più indicato l'utilizzo della scopa tradizionale piuttosto che l'aspirapolvere. Ma la scopa classica non è utile solo per questo. Tuttavia il manico delle scope tende ad usurarsi. In questa guida troverete una serie di consigli per ovviare all'usura del manico di scopa evitando quindi di gettarlo via alla prima scheggiatura ma imparando a levigare il legno. Scopriamo come fare.

24

Può capitare che l'usura danneggi il manico della scopa o dello spazzolone. Il legno, infatti, nonostante la sua elasticità può comunque sfibrarsi o scheggiarsi sia a causa di botte o cadute sia a causa dell'esposizione alle intemperie, se posizionato all'aperto. È davvero un peccato buttar via del legno ma al tempo stesso usare una scopa con un manico ruvido o addirittura scheggiato è una vera tortura. Una soluzione può essere quella di avvolgere attorno al manico della pellicola trasparente evitando che le mani tocchino il legno ma questa è solo una soluzione momentanea. La soluzione migliore è invece quella di levigare il legno portandolo alla liscezza originaria.

34

Per prima cosa bisogna staccare la scopa, ovvero la parte con le setole, dalla mazza e assicurarsi che il legno sia perfettamente asciutto. Nel caso risulti umido è consigliabile attendere e non forzare l'asciugatura con un phon o esponendolo al sole in quanto il calore eccessivo potrebbe deformare il manico di scopa. Una volta asciutto completamente è possibile procedere carteggiando con una carta vetrata a grana grossa in modo da uniformare leggermente la superficie scheggiata.

Continua la lettura
44

A questo punto è possibile passare ad una carta vetrata a grana fine e procedere finché la superficie non risulti più ruvida a contatto con la pelle. È consigliabile carteggiare solo le parti danneggiate e non l'intero manico di scopa. È fondamentale controllare molto attentamente la superficie della mazza in legno in quanto anche la più piccola scheggia potrebbe aprirsi e quindi creare una sporgenza in legno tagliente che impedirà l'utilizzo della scopa. Accertandoci che ogni parte ruvida o scheggiata sia stata carteggiata via è possibile procedere con il flatting ovvero passare sulla mazza una vernice protettiva che renderà il legno più compatto e diminuirà le possibiltà che si scheggi nuovamente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come sostituire il manico di una cazzuola

La cazzuola è un attrezzo indispensabile per lavori di muratura e viene utilizzata principalmente per spalmare la malta su mattoni, per distribuire l'intonaco sulle murature e per miscelare e impastare materiali vari. La forma tipica è quella di una...
Materiali e Attrezzi

Come riutilizzare una vecchia scopa

Il riciclo è senza dubbio la soluzione migliore per tutti gli oggetti che non possiedono più le caratteristiche adeguate per una pulizia efficace. Le setole della scopa, ad esempio, specialmente quelle di paglia, sono ottime per creare tantissimi oggetti...
Materiali e Attrezzi

Come realizzare una chitarra a doppio manico

Una chitarra a doppio manico è una soluzione che ogni chitarrista sogna. Non soltanto per l'indubbio effetto scenico che la presenza sul palco di una chitarra così particolare produce, ma anche per migliorare ed arricchire lo stile generale del suono....
Materiali e Attrezzi

Come levigare il legno sugli angoli

State realizzando un oggetto in legno? Se vi trovate in difficoltà su come levigare il legno sugli angoli, siete nel posto giusto. Infatti, in questa guida cercherete di porre maggiore attenzione su questo argomento. In particolare come levigare il legno...
Materiali e Attrezzi

Consigli per levigare i bordi del vetro

Il vetro è uno dei materiali più usati nella quotidianità, basta pensare ai vari contenitori, bottiglie e vasi, e tanti altri oggetti o componenti di uso comune. Il vetro si ottiene per solidificazione dell'ossido di silicio, o dell'anidride borica...
Materiali e Attrezzi

Come levigare l'intonaco deumidificante

Abbiamo notato che le nostre pareti si stavano riempendo di umidità. Per sanificare l'ambiente, però, non volevamo chiamare uno specialista. Abbiamo invece deciso di agire noi stessi sulla parete, risparmiando così un bel po' di soldi. Per evitare...
Materiali e Attrezzi

Come levigare l'intonaco termico

Tra le differenti tipologie di intonaco che è possibile utilizzare per proteggere e decorare le pareti ed i muri di un edificio, il più indicato è l'intonaco termico, grazie al quale permettere un completo isolamento termico delle pareti esterne in...
Materiali e Attrezzi

Come levigare le porte di un armadio

Se state pensando di rinnovare l'aspetto della vostra casa, questa guida farà al caso vostro. Ci occuperemo, infatti, di come levigare le porte di un armadio. In effetti, con il passare del tempo, il legno può presentare i segni dell'usura, scheggiature...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.