Come Liberare Il Giardino Dalla Gramigna

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La gramigna è un'erba infestante provvista di un lungo stelo strisciante, sottile e robusto, che propagandosi si radica dando così luogo a nuovi individui. La gramigna è comune nei terreni incolti ma lo è anche nei giardini, dove può rovinare ortaggi e aiuole fiorite. Per questo motivo è importante sapere come fare per liberare un giardino da questa ospite indesiderata. Nella seguente guida, a tal proposito, vi sarà spiegato come procedere.

25

Se il vostro giardino è infestato dalla gramigna non usare un diserbante da prato per eliminarla. Questo prodotto, infatti, è specificamente formulato per eliminare erbe infestanti a foglia larga ed è selettivo nei confronti dell'erba che compone il prato stesso. Quando preparate un terreno da coltivare a prato, dovete rimuovere accuratamente tutte le radici e i lunghi steli striscianti della gramigna prima della semina. È consigliabile bruciare tutto quello che siete riusciti ad estirpare. Ricordate che questa pianta ha radici lunghissime che possono arrivare fino a due metri di profondità; dovrete quindi fare attenzione di averla estirpata tutta.

35

Se, dopo aver compiuto quanto illustrato nel primo passaggio, la gramigna dovesse comparire lo stesso, potrete eliminarla con facilità falciando regolarmente l'erba durante la prima stagione. Se la gramigna è ben insediata nel vostro prato, dovrete estirpare del tutto ogni pianta madre per evitare proliferazioni. In alternativa potete utilizzare un erbicida sistemico totale che elimini qualunque pianta presente sul terreno, ma in questo modo ucciderete anche tutte le vostre piante e dovrete aspettare almeno sei mesi prima di poter piantare di nuovo!

Continua la lettura
45

Nelle aiuole la soluzione più efficace per eliminare la gramigna è l'utilizzo di un diserbante sistemico per monocotiledoni, acquistabile in un qualsiasi negozio specializzato in articoli per il giardinaggio. Provate a non utilizzare mai una zappa quando procedete all'estirpazione, perché rischiereste di frammentare gli steli della pianta in pezzetti piccolissimi, con l'effetto pratico di una moltiplicazione più facile e veloce. Questa ha infatti un'alta capacità rizogena. Uno dei rimedi utilizzabili in casi come questo, è quello di coltivare le rape nel terreno interessato seminandole vicinissimo le une alle altre. In questo modo, crescendo, andranno a soffocare la gramigna. Altra soluzione sarebbe quella di bagnare l'erba con l'aceto per farla seccare. Buon lavoro!

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Provate a non utilizzare mai una zappa quando procedete all'estirpazione, perché rischiereste di frammentare gli steli della pianta in pezzetti piccolissimi, con l'effetto pratico di una moltiplicazione più facile e veloce.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come liberare il prato dalle talpe

Le talpe sono costantemente alla ricerca di insetti sotterranei. Questa loro caccia al cibo però provoca gravi danni a prati, giardini e orti. Le talpe sono dei roditori che vivono in buche profonde nel terreno, sono cieche e possiedono un udito e...
Giardinaggio

Le migliori piante per il giardino verticale

Se pensate che non avere un giardino o uno spazio esterno alla vostra abitazione, significhi necessariamente dover rinunciare a piante e fiori, vi sbagliate di grosso. La tendenza degli ultimi anni infatti è quella di costruire ed allestire giardini...
Giardinaggio

Come liberare il prato dai lombrichi

In questa guida, pratica e veloce, vogliamo dare una mano concreta, ai nostri lettori a capire come e cosa fare per poter liberare il prato del proprio giardino da lombrichi, che molto spesso tendono a popolare e rendere inutilizzabile il terreno e le...
Giardinaggio

Come liberare il prato dal dente di leone

Le erbe infestanti che invadono i manti erbosi sono molte e possono essere distinte in 2 categorie principali: quelle a foglia stretta o graminacee e quelle a foglia larga, tipologia cui appartiene il tarassaco o dente di leone. Le malerbe danno al prato...
Giardinaggio

Come eliminare i topi dal giardino

Chi possiede un giardino prima o poi deve affrontare il problema dei topi. Questo problema è davvero molto seccante in quanto questi animaletti sono una minaccia non solo per le piante del giardino, ma anche per la propria salute. Infatti, i topi generalmente...
Giardinaggio

Giardinaggio: i lavori autunnali in giardino

La stagione calda, si sa, è quella nella quale il nostro giardino sembra davvero risplendere in tutta la sua bellezza di sapori e colori. Ma per presentare un giardino ordinato, elegante e in salute durante il periodo di primavera ed estate, occorre...
Giardinaggio

Come progettare un giardino botanico

Con il termine giardino botanico si intendere una sorta di museo di storia naturale all'aperto, ovvero un luogo dove è possibile ammirare specie di fiori e di piante, la cui conservazione è l'obbiettivo primario. Infatti all'interno di questa tipologia...
Giardinaggio

Come realizzare un giardino ecosostenibile

Per avere un giardino rispettoso della natura è importante prestare attenzione ad alcuni elementi apparentemente banali, come la scelta delle piante e del terriccio, per realizzare e mantenere nel tempo un giardino rigoglioso ma coltivato nel rispetto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.