Come liberare il prato dai lombrichi

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
18

Introduzione

In questa guida, pratica e veloce, vogliamo dare una mano concreta, ai nostri lettori a capire come e cosa fare per poter liberare il prato del proprio giardino da lombrichi, che molto spesso tendono a popolare e rendere inutilizzabile il terreno e le coltivazioni presenti in esso. Iniziamo questo articolo con il dire che i lombrichi sono soliti a vivere nel terreno sopratutto se umido, questo perché nutrono delle sostanze presenti nel terreno. Questo piccolo animaletto è completamente innocuo, ma può dare qualche problema al nostro prato. Infatti altre a creare dei piccoli buchi sul terreno, può rovinare le nostre piante, ed essendo un animale ermafrodito, ossia dotato di entrambi gli organi riproduttivi sia femminili che maschili, la sua riproduzione è molto semplice e veloce. Questo è un vero problema perché il nostro giardino si può ritrovare completamente invaso da questi piccoli animali. In questa guida quindi vedrete come liberare il vostro prato dai lombrichi.

28

Occorrente

  • Prodotti fitosanitari.
  • Scarpe chiodate.
38

La fase di sgombero, dev'essere effettuata nella stagione invernale. Questo perché grazie all'aiuto delle piogge il terreno e più umido, ed è proprio in questo periodo che le larve escono alla ricerca di cibo per l'inverno. I lombrichi escono dal loro nascondiglio e cominciano a nutrirsi con calma. La prima azione da fare consiste nell'eliminazione dell'erba secca. Quest'ultima protegge i lombrichi e rende più difficoltosa la loro eliminazione dal prato. In questo modo si potrà anche mantenere un giardino sempre pulito e ordinato.

48

Il secondo passo è legato all'utilizzo di prodotti fitosanitari. Essi consentono di controllare la proliferazione delle larve e dei lombrichi nel corso del tempo. Si deve acquistare quello giusto in base alle proprie esigenze, dato che ne esistono di diversi. Devono essere somministrati direttamente nel terreno con un'abbondante irrigazione. Nel caso in cui il terreno sia secco, si deve provvedere ad un'innaffiatura profonda anche il giorno prima del trattamento.

Continua la lettura
58

Dopo aver trattato tutta la zona, è fondamentale irrigare il prato in maniera saltuaria. Questo consentirà di evitare la produzione di un terreno umido e paludoso dove questi animali possono trovare un luogo accogliente per la loro vita. Per far arieggiare il terreno, si possono indossare delle scarpe chiodate. Esse permetteranno di forare il prato e di creare dei ricircoli dell'aria al suo interno.

68

La trasemina è un ulteriore pratico rimedio che si ha a disposizione. Si deve effettuare soprattutto nelle zone in cui l'erba è più rada. Quando essa si infittisce, creerà un ambiente ostile per i lombrichi e altre larve del suolo. Mettendo in pratica questi metodi, gli uccelli non verranno più attirati dalle larve e non effettueranno più dei fastidiosi buchi nel suolo.  

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Eliminare i lombrichi dal proprio girdino è molto utile ed anche molto importante, per avere una coltivazione e raccolto perfetta.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come liberare il prato dal dente di leone

Le erbe infestanti che invadono i manti erbosi sono molte e possono essere distinte in 2 categorie principali: quelle a foglia stretta o graminacee e quelle a foglia larga, tipologia cui appartiene il tarassaco o dente di leone. Le malerbe danno al prato...
Giardinaggio

Come far crescere rigoglioso il tuo prato

Un prato bello e rigoglioso è il miglior modo di "arredare" il proprio giardino. Crescere un prato non è difficile, e curarlo è un modo salutare di rilassarsi nel tempo libero. Un bel manto erboso uniforme regala luce ed allegria agli spazi all'aperto....
Giardinaggio

Consigli per realizzare un prato inglese

Un prato verde e rigoglioso, come quello inglese, in giardino non possiede solamente un valore estetico. Possiamo definire questo manto erboso il polmone verde della nostra casa: la nostra fonte di ossigeno. Nei mesi più caldi, inoltre, garantisce un...
Giardinaggio

Come evitare le malattie del prato

Un bel prato, verde e rigoglioso, è senza dubbio un segno distintivo per un giardino curato e gradevole. Avere un prato sano e bello può richiedere, però, una manutenzione costante ed intensa. Il prato, infatti, rischia talvolta di manifestare i sintomi...
Giardinaggio

5 modi per coltivare il prato

Il prato è uno dei fattori principali quando decidiamo di acquistare la nostra casa. Infatti avere un prato ci permette di provare quella bellissima sensazione di camminare a piedi nudi sull’erba, per sentire la freschezza che sale dai nostri piedi...
Giardinaggio

10 consigli pratici per un prato perfetto

Sognate da sempre un prato come quelli che si vedono nei giardini delle case inglesi o americane? Avete provato più volte a far crescere nel vostro giardino un prato verde e brillante ma non avete ottenuto i risultati sperati? Allora questa è proprio...
Giardinaggio

Manutenzione e cura del prato

Accanto a tutte le piante c'è sempre un prato più o meno folto e sparso per il terreno. In realtà anche questo come tutti gli altri vegetali è in grado di riprodursi. Ma ovviamente per mantenerlo perfetto va curato. La crescita dipende dalle attenzioni...
Giardinaggio

Come riseminare il prato in giardino

Un prato pulito, fresco e libero da erbacce infestanti è un toccasana per gli occhi e per il cuore. Purtroppo, per lo sporco e la crescita di fastidiose erbe invasive, il prato si riempie facilmente di fastidiosi elementi che ne ostacolano la bellezza....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.