Come livellare il terreno

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Prima di coltivare qualsiasi pianta in giardino, o se bisogna installare una piscina, è necessario il terreno sia ben livellato. Se si effettua questa operazione, il terreno degrada più lentamente e non occorre poi dover agire per pareggiare eventuali strutture che verranno costruite su di esso. In ogni caso, il lavoro non è affatto complicato e gli strumenti necessari per lo studio del terreno sono di facile reperibilità e di utilizzo. In primo luogo, poiché potrebbe essere necessario trasportare il terreno da un punto più alto ad un punto più basso, bisogna fare in modo di avere almeno una carriola o un altro mezzo simile sempre a portata di mano, e vi consiglio di scegliere una pala deve avere il manico lungo e una lama squadrata. Premesso questo, vediamo come si procede per livellare il terreno.

26

Occorrente

  • picchetti da 40 cm, possibilmente graduati dall'alto
  • filo
  • martello
  • bolla
  • tavola di legno di 2 metri abbondanti
  • rastrello
  • rullo
36

Piantare i picchetti

Piantate i picchetti a circa 2 metri di distanza l'uno dal'altro partendo dalla parte più alta del terreno. Posizionate dunque una tavola oppure un'asta di legno sopra i picchetti e, aiutandovi con la bolla oppure con una livella laser, piantate i paletti in profondità nel terreno fino a rendere perfettamente orizzontale l'asta di riferimento. Ripetete questa procedura per l'intera area da livellare, utilizzando un reticolo il più regolare possibile, in modo tale da poter fare un piano operativo il più chiaro possibile. Come potrete immaginare alcuni picchetti potrebbero risultare quasi interamente inseriti nel terreno, mentre altri saranno invece molto sporgenti. Alla fine del livellamento tutti i picchetti devono risultare egualmente sporgenti dal terreno e con la cima alla stessa altezza.

46

Creare la griglia

Piantati tutti i picchetti legateli tra loro con del cordino o dello spago, facendo attenzione che il filo sia posizionato equidistante dalla sommità del picchetto. A tal proposito sarebbe utile, anche se non indispensabile, l'utilizzo di picchetti graduati dall'alto, anche se basta semplicemente un pennarello per segnarlo su paletti fai da te. Il filo rappresenta il livello finale che raggiungerà il terreno del vostro giardino dunque regolatevi di conseguenza. Se desiderate utilizzare delle zolle d'erba, tenere in considerazione, nella vostra altezza ideale, 5 cm per lo spessore della zolla. Se invece intendete seminare l'altezza finale da considerare è proprio quella indicata dal filo.

Continua la lettura
56

Livellare il terreno

A questo punto utilizzate la pala per spargere la terra da riporto sul terreno riempiendo i dislivelli, fino a raggiungere dunque il livello indicato dal filo precedentemente teso e regolate o spessore con il rastrello. Per ottenere un risultato ottimale ultimate la procedura di rastrellamento con il passaggio di un rullo ed eventualmente correggete eventuali imperfezioni aggiungendo altra terra. Ripetete il ciclo "terra, rastrello, rullo" fino ad ottenere il risultato desiderato. Per completare l'opera levate i picchetti dal terreno e con essi eventuali pietre ed altri rifiuti che si possono essere prodotti nel corso delle operazioni.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per preparare dei picchetti fai da te non usate legno più largo di quattro centimetri, perchè può essere faticoso piantarli.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Consigli per una perfetta aratura di un terreno argilloso

Se stiamo imparando le tecniche di coltivazione di alcuni tipi di piante o di ortaggi, è importante sapere che prima di tutto chi svolge un ruolo primario per la corretta propagazione dei semi è il terreno, che a seconda delle sue caratteristiche strutturali,...
Giardinaggio

Come arricchire un terreno sabbioso

Un terreno si definisce sabbioso quando la presenza di sabbia è superiore al 70%. Esistono diversi tipi di sabbia con granuli di diverse dimensioni. Solitamente la grandezza dei granelli va dai 50 micron ai 2 millimetri. La sabbia viene anche classificata...
Giardinaggio

Cosa coltivare su un terreno sabbioso

Un terreno sabbioso presenta lo svantaggio di trattenere scarsamente l'acqua, ma compensa questo difetto con la maggiore lavorabilità del terreno. Se vogliamo coltivare su terreni sabbiosi, dovremo quindi ricordarci di annaffiare poco e spesso le nostre...
Giardinaggio

Come rendere il terreno acido

Alcuni alberi e arbusti il più delle volte necessitano di un terreno con un PH acido, ossia al di sotto di 7.0, altrimenti si svilupperebbero con un eccesso di clorosi ferrica. Per esempio, se intendete coltivare la betulla, i mirtilli, le azalee e...
Giardinaggio

Come Arare Il Terreno

Arare un terreno potrebbe sembrare un lavoro da poco, ma chi lo fa da anni sa bene che invece è necessaria molta pazienza e bravura per ottenere degli ottimi risultati e fare in modo che il terreno diventi adatto per la semina. Da secoli gli uomini hanno...
Giardinaggio

Come determinare il pH del terreno

Coltivare un terreno è un ottimo modo per avere sempre frutta e verdura di stagione sempre fresca da mangiare, oppure venderla per poterne ricavare un introito che possa ovviare alle spese di mantenimento del terreno stesso. Ma per coltivare qualsiasi...
Giardinaggio

Come riconoscere le caratteristiche del terreno e migliorarlo

Chi possiede un piccolo o grande giardino sa bene quanto sia importante possedere le giuste conoscenze e competenze al fine di dare il giusto benessere alle piante che coltiva. L'elemento principale, senza il quale evidentemente le piante non potrebbero...
Giardinaggio

Come rendere più drenante un terreno

Un terreno con problemi di drenaggio risulta essere costantemente umido o bagnato, con conseguente presenza di molte pozze di acqua stagnante. Dopo un temporale, o semplicemente dopo anche una piccola pioggia, alcuni terreni tendono a trattenere l'acqua...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.