Come mettere a dimora le ortensie

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il pollice verde è un attitudine che si rende necessaria soprattutto nel mettere a dimora piante molto particolari, che richiedono una conoscenza approfondita del giardinaggio, come le ortensie.
Sono delle piante ornamentali molto apprezzate e indicate se volete decorare in modo maestoso i giardini, i balconi o i recinti.
Seguite questi consigli, per vederle crescere anche nel vostro giardino.

25

Le ortensie sono originarie del continente asiatico e in particolare si trovano in Giappone e in Cina, ma in Europa è maggiormente diffusa la qualità Hydrangea macrophylla. Quest'ultima, si presenta con un infiorescenza ricca e con colori che vanno dal bianco al rosa, al fucsia, a viola, fino al blu con cespugli tondeggianti.  Potete mettere a dimora le ortensie sia direttamente nel terreno del giardino che su terrazzi e balconi ma è importante scegliere con cura il terriccio.  Nel caso del giardino dovete principalmente scavare una buca profonda circa 40 cm per poi riempirla con 3 strati di terreno diverso. Fate attenzione a scavare prendendo come misura l'altezza del vaso da dove estrarrete la pianta e ripulite il terreno da eventuali pietre, rami o altri detriti che metterebbero a rischio la crescita delle ortensie.

35

Dovete sapere che le ortensie sono arbusti che richiedono un terreno acido, possibilmente umido e non calcareo. Scegliete quindi un terreno neutro, meglio se mescolato a un terreno di brugheria e a quello di compost fatto di foglie secche e letame. Avrete cosi tutti i nutrienti che le ortensie richiedono per avere una ricca fioritura. Conoscete anche le ortensie sicuramente per la loro particolare coloritura blu che deriva dal terreno; questo deve avere due particolarità e cioè essere poco acido (con un pH intorno a 5) e contenere alluminio.  Se avete necessità di piantare e mettere a dimora le ortensie in un vaso, questo deve essere profondo mezzo metro circa e contenere principalmente 3 strati di terreno.

Continua la lettura
45

Cominciate da quello alla base composto di sfere di argilla, quindi terra derivata da compost e infine quello che contiene concime naturale come il letame (va bene di qualsiasi derivazione animale). Coprite con il tutto con un po di terra dove cresce solo erba (brugo) e annaffiate abbondantemente ogni giorno.  Riuscirete a mettere a dimora le ortensie tra maggio e settembre collocandole in zone ombrose per almeno metà della giornata, possibilmente sul lato nord della casa.  La qualità di ortensie rampicanti è quella che preferisce essere messa a dimora proprio in un vaso.  Distanziate le piante almeno 1, 5 mt sia che si trovino nel terreno che sul terrazzo, perché avranno una fioritura abbondante e saranno alte fino a 1,30 mt. Eccetto quella rampicante i cui rami raggiungono anche i 6 mt.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Le ortensie devono essere trapiantate nel terreno sempre tenendole a livello e annaffiando subito dopo aver terminato l'operazione di travaso.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare le ortensie in vaso

Le ortensie sono delle piante ornamentale arbustive, che si caratterizzano per la loro grande infiorescenza sferica, quest'ultima è formata da tanti piccoli fiori di colore bianco, azzurro, rosa oppure rosse, le foglie di questa pianta si presentano...
Giardinaggio

Come coltivare ortensie

Il clima preferito per coltivare le ortensie è umido e temperato, senza grandi sbalzi di temperatura, anche se molte specie resistono fino ad una decina di gradi sotto zero. Le ortensie si spuntano specialmente nel periodo invernale ma sanno essere molto...
Giardinaggio

Come dare colore alle ortensie

Tutti coloro che si appassionano al giardinaggio e vantano un pollice più o meno verde conoscono le ortensie. Queste piante, infatti, hanno un alto numero di estimatori fra chi vuole abbellire il giardino o il balcone. All'origine dell'apprezzamento...
Giardinaggio

Come essiccare le ortensie

Le ortensie sono tra i fiori più amati e presenti nei nostri giardini e balconi. Se desideriamo essiccarle per creare un grazioso elemento d'arredo per la nostra casa il procedimento non è difficile. Una volta essiccate, le ortensie potranno essere...
Giardinaggio

Come fare la messa a dimora delle rose

La messa a dimora delle rose è un'operazione che va effettuata, di regola, nel periodo che va da aprile a ottobre. È fondamentale scegliere una giornata in cui il tempo è buono, considerando che è sconsigliato fare il tutto quando piove.In questo...
Giardinaggio

Come eliminare i parassiti sulle ortensie

Le ortensie sono dei fiori ornamentali, grazie al loro colore, nate in Cina ed importate in tutto il mondo. È molto facile da coltivare sia in vaso che in giardino, e sono molto decorative dato che il colore dei loro fiori, muta in base al ph del terreno...
Giardinaggio

Come riprodurre le ortensie

Regine dell'estate, sfoggiano i loro grandi fiori vistosi in giardini e terrazzi: si tratta delle ortensie. Originarie dell' Asia, sono tra gli arbusti legnosi più diffusi e scenografici presenti in Italia; di esse esistono numerose varietà, ottenute...
Giardinaggio

Come effettuare la potatura delle ortensie

Le ortensie, che appartengono alla famiglia delle Hydrangeaceae, vennero importate in Europa nel XVIII secolo e oggi sono molto diffuse in tutta Italia, dove vengono utilizzate come piante decorative sia nei giardini che nei vasi, come piante d'appartamento....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.