Come mettere in equilibrio le gambe dei mobili

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Quante volte vi sarà capitato di fare a caso a delle gambe traballanti di un tavolo, di una credenza o di altri mobili della vostra casa. Con il trascorrere del tempo è normale e naturale che i mobili cedano in qualche punto, ma questo non vuol dire che si debbano buttare necessariamente e sostituirli con altri. Tuttavia farli sistemare da un falegname qualche volta potrebbe risultare piuttosto dispendioso. In questo articolo vogliamo aiutarvi a capire in che modo poter mettere in equilibrio le gambe dei mobili in modo del tutto autonomo.
Iniziamo subito con il dire che l'instabilità di una sedia, di un tavolo o anche di una cassettiera, può essere causat dalla diversa lunghezza di una o più gambe. Vediamo insieme dunque come procedere per mettere in equilibrio le gambe dei mobili.

26

Occorrente

  • strisce di legno
  • cartone
  • livella
  • seghetto
  • colla epossidica
  • piedino in plastica o gomma
36

La prima cosa che dovrete fare sarà appoggiare del cartone sotto la gamba corta e che barcolla un poco. Potrete accertarvene con l'aiuto di una livella da poggiare sulla superficie superiore del mobile. Potreste quindi scoprire magari che per risolvere il problema, dovrete cercar di allungare le due gambe dei mobili o della sedia, per far sì che, per esempio, il piano di un tavolo stia perfettamente orizzontale.
Se il vostro mobile ha le gambe in legno, dovrete cercare di reperire un listello, che abbia una sezione di poco inferiore e cercate di tagliarne diversi strati sottili. Per farlo potrete usare una sega circolare o un seghetto con i denti molto fini.

46

Quindi potrete iniziare ad inserire questi strati, sotto la gamba corta fino a quando non sarà stabile ed anche perfettamente orizzontale. Dovranno essere incollati sotto la stessa gamba, così da sfruttare anche il peso del mobile, in modo da poter tenere fermi i vari pezzi, fino alla completa asciugatura della colla. Nel caso si potrebbe anche appoggiare qualche oggetto pesante sulla seduta della sedia.
Sicuramente questa parte aggiuntiva sarà poco visibile, ma qualora dovesse essere visibile e non dovesse essere di vostro gradimento, niente paura: potrete verniciare o mimetizzare tutta la riparazione in modo da far apparire tutte le gambe uguali.

Continua la lettura
56

Se invece dovrete mettere in equilibro una sedia in metallo, sarà sufficiente applicare, sotto la gamba corta, una sorta di piedino in plastica o gomma, in sostituzione di quello già presente. Per riequilibrare le quattro gambe, applicatene uno più alto sotto la gamba da riparare.
L'adesivo migliore per fissare questi materiali è la colla epossidica, che indurisce molto e ha una durata notevole. Non ci resta dunque che augurarvi buon lavoro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

5 consigli per verniciare i mobili

Se avete appena costruito alcuni mobili, è importante sapere che per verniciarli ci sono svariati modi tutti in grado di ottimizzare il risultato, e nel contempo renderli consoni al vostro gusto personale. Si tratta tra l'altro di un lavoro non difficile,...
Casa

Come fare la manutenzione dei mobili antichi

Se siete degli amanti dell'antiquariato, soprattutto dei mobili antichi, sapete bene che nel tempo questi preziosi e cari oggetti possono andare incontro a usura e danneggiamento, pregiudicandone la bellezza. Tuttavia, con un po' d'attenzione e di pazienza,...
Casa

Come ravvivare i mobili di legno

Bastano semplici accorgimenti per ravvivare i mobili di legno e farli tornare come nuovi. Premessa necessaria restano la cura e la manutenzione costanti, imprescindibili per superfici lucide e legni ben nutriti. I mobili di legno subiscono l'azione del...
Casa

Come preparare la cera per mobili

La cera per i mobili, che è conosciuta anche con il nome di “carnauba", si ricava dall'essudazione della foglia della Copernica Cerifera, una pianta subtropicale. La carnauba è una cera pregiatissima, di colore giallo-verde, ma difficilmente solubile...
Casa

Come proteggere gli spigoli di mobili e tavoli

In casa possono capitare piccoli incidenti; ad esempio è possibile sbattere con la testa o con i fianchi contro gli spigoli di mobili quali: librerie, mensole, tavoli rettangolari o quadrati. Oltre a causare danni alle persone gli spigoli si possono...
Casa

Come pulire i mobili con prodotti naturali

I mobili di qualità, resistenti e robusti, vengono solitamente realizzati in legno. Alla praticità, si associa l'eleganza e la raffinatezza. Laccato, in teak, lucido, come al naturale, il legno va periodicamente curato e protetto da umidità, polvere...
Casa

Come realizzare dei mobili in cartongesso

Il design degli interni moderno è mirato non solo alla creazione di pezzi unici ed originali, ma anche a delle soluzioni pratiche per un utilizzo ottimale dello spazio. Quando si tratta del design delle pareti e dei soffitti, uno dei metodi più efficaci...
Casa

Come fare il trattamento antitarlo ai mobili

Se in casa avete dei mobili antichi e molto pregiati è opportuno curarli con degli appositi prodotti per la loro pulizia, inoltre di tanto in tanto non dimenticate di verificare se stanno per essere invasi dai tarli. Se quindi dopo un'accurata ispezione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.