Come Mettere Le Piante Nell'Acquario

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se abbiamo appena allestito un acquario tropicale, è importante sapere che affinché sia funzionale al massimo, è necessario aggiungere le piante che rappresentano il fulcro dell'intero dell'ecosistema. Le vegetazione infatti serve a creare l'ossigeno, purificare l'acqua e generare il plancton necessario per la sopravvivenza dei pesci. In riferimento a quanto sin qui descritto, ecco dunque una guida in cui ci sono le istruzioni su come mettere le piante nell'acquario.

26

Occorrente

  • Acquario
  • Piante acquatiche
  • Pinzetta per le ciglia
36

Vi sono molte piante acquatiche adatte al nostro scopo, come per esempio l'Echinodorus e la Blyxa japonica, reperibili in commercio ed in vasetto. Entrambe hanno bisogno di radicare nel fondo roccioso dell'acquario, e per fare ciò, dobbiamo innanzitutto estrarle dal vasetto con delicatezza, e rimuovere tutta la lana di roccia che avvolge le radici. Quest'ultima è un elemento fertilizzante che potrebbe essere molto dannosa per i pesci, quindi bisogna prestare attenzione ad eliminarla completamente da ogni più piccolo spazio.

46

Un'altra importante cosa da fare, è di controllate le radici per accertarci che non ve ne siano di marce; infatti, in caso contrario possiamo tranquillamente rimuoverle, poiché questo non pregiudica l'integrità delle piante. Successivamente le raggruppiamo e le preleviamo dolcemente, aiutandoci con una pinzetta per le ciglia. A questo punto dovremo interrarle nel fondo dell'acquario, evitando di lasciare scoperto il colletto, cioè la piccola zona intermedia tra il fusto e la radice. Esistono diversi tipi di flora acquatica adeguata per il nostro lavoro, come l'Hygrophila polysperma e la Rotala rotundifolia, caratterizzate da radici piccole e corte. Il procedimento per questo genere di vegetazione, è identico a quello fin'ora descritto, ma nei casi come la Rotala fornita di foglie minute, è bene sistemarle ad almeno 2 cm di distanza l'una dall'altra.

Continua la lettura
56

In altre situazioni come ad esempio per la Vesicularia dubyana e la Anubias barteri, la vegetazione cresce ancorandosi a tronchi o rocce, e se dunque abbiamo acquistato anche dei vasetti di queste piante, conviene procurarci qualche legnetto o pietra magari in riva al lago o al mare, fissandoci sopra la piantina con dello spago oppure con dei fili di nylon, in modo da far aderire per bene tutto l'apparato radicale. Fatto ciò, il nostro acquario acquisterà un aspetto più bello e soprattutto salubre per i pesciolini, grazie alla corretta scelta e posa delle piante.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare le piante nel terrario

Un bel terrario può essere anche oggetto di arredamento, tanto quanto un acquario, quindi se decidiamo di metterlo in casa dobbiamo procurarci un contenitore di vetro o di plastica che si adatti al meglio al nostro arredamento. Per un terraio da terrazza...
Giardinaggio

Come piantare le fragole nell'orto

Con l'arrivo della primavera è stimolante svolgere degli hobby all'aria aperta. Il giardinaggio, oltre che divertente, da molte soddisfazioni: allontana infatti lo stress, allunga la vita e dona cibo naturale privo di pesticidi. Molti desiderano scoprire...
Giardinaggio

Come coltivare piante acidofile nel terreno calcareo

Possedete un giardino o un bel balcone dove sono posizionate diverse piante ma molte di queste nonostante tutta la nostra cura ed amore nell'innaffiarle regolarmente, tendono a morire vanificando i nostri sforzi? Nessun problema perché allora questa...
Giardinaggio

Come accelerare la crescita delle piante

Coltivare le piante e farle crescere al meglio non è semplice e richiede sia pazienza sia passione. Per tutti gli amanti del verde far crescere le proprie piante è sempre motivo di orgoglio, ma bisogna conoscere profondamente le caratteristiche delle...
Giardinaggio

Errori da evitare nell'innesto a gemma dormiente

Per tutti coloro che stanno cercando un modo per far rinvigorire le vostre piante, dovete utilizzare la tecnica dell'innesto.L'innesto è una tecnica che viene utilizzata per la propagazione agamica delle piante, che viene realizzata con la fusione di...
Giardinaggio

Come annaffiare e concimare correttamente le piante di casa

Oggi abbiamo deciso di proporre una guida, del tutto interessante e molto utile, nei confronti dei lettori che amano avere nel proprio appartamento delle piante, che donano colore, vivacità e profumo, a tutti gli ambienti. In particolare vogliamo approfondire,...
Giardinaggio

Come controllare la cocciniglia sulle piante all'aperto

Quando si parla di cocciniglia, si fa riferimento ad un insetto in grado di infettare le piante all'aperto e di diffondere l'infestazione alle piante circostanti. Si tratta di insetti che si nutrono del nettare delle piante o della linfa, uccidendolo....
Giardinaggio

Cura delle piante grasse: 5 consigli utili

Le piante grasse, note anche come "piante succulente" sono famose per la loro capacità di adattamento ad ogni tipo di habitat, anche agli appartamenti, dove possono crescere rigogliose e dare soddisfazioni anche alla più scettica padrona di casa, grazie...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.