Come migliorare il suolo del giardino

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il terreno del giardino deve essere costantemente rifornito con additivi ricchi di nutrienti per mantenerlo fertile; ma se non si reintegrano i nutrienti, diventa povero e le piante si indeboliscono e e si ammalano. Applicare il fertilizzante a questo punto è troppo tardi perché non possono essere assorbiti dalle condizioni del suolo già impoverito. Per ripristinare o migliorare il terreno del giardino in un ambiente sano e ricco di piante, si possono utilizzare due metodi: l'aggiunta del letame e/o del compost, che sono i migliori prodotti organici e gli additivi più economici per rinforzare il terreno. Vediamo allora come migliorare il suolo del giardino.

26

Occorrente

  • Letame
  • Compost
  • Guanti
  • Mascherina
36

Controllare il terreno

A prescindere dal metodo che decideremo di utilizzare, è necessario controllare il terreno per assicurarci che non sia troppo umido. Per fare questo, raccogliamone un po' nelle nostre mani e proviamo a formare una palla: se quest'ultima riesce bene, il terreno è troppo umido; se invece si sbriciola, è pronto per essere lavorato. Il terreno ruvido e secco, infatti, è più incline a ricevere gli additivi organici.

46

Aggiungere il letame

Il momento migliore per aggiungere il letame al terreno è nel tardo autunno o all'inizio della primavera. Se viviamo in ​​una zona situata nei pressi di una fattoria, possiamo trovare il compost gratuitamente o al minimo dei costi "di trasporto". Se stiamo preparando il terreno per la primavera, cerchiamo di introdurre il letame ad una profondità minima di 30 centimetri; per i letti maturi non mescoliamo il letame al terreno, piuttosto posiamolo in superficie a circa 10 cm di profondità. In questo modo, i vermi e il clima invernale porteranno tali nutrienti alle radici in modo graduale e naturale. Assicuriamoci di indossare una maschera e dei guanti durante la diffusione del letame per ridurre al minimo il rischio di una possibile infezione batterica.

Continua la lettura
56

Aggiungere il compost

Il compost migliore per migliorare la qualità del suolo è costituito da erba tagliata, foglie sminuzzate, scarti di cibo e qualsiasi altro rifiuto organico. Il modo più semplice per verificare la qualità del compost è controllare i vermi nel terreno: se questi sono sani e grassi, il compost è di buona qualità e darà dei grossi benefici al nostro giardino. Il momento migliore per aggiungere il compost è in autunno. Piuttosto che aggiungere un ulteriore strato di letame dopo aver messo il compost, aggiungere il concime nel compost prima di introdurlo nel terreno. Nel momento in cui è necessario, esso si fonderà con la materia organica complessiva del compost.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come pacciamare il giardino con gli aghi di pino

Ogni terreno si deve, sempre saper mantenere, concimandolo perfettamente e proteggendolo dall'erosione e dai vari fenomeni atmosferici che, sicuramente provocano una crosta nella sua superficie e la crescita di erbacce che si potrebbero evitare se si...
Giardinaggio

Come avere un bel giardino spendendo poco

Con l'arrivo delle giornate calde ed estive, si ha l'abitudine di trattenersi più a lungo all'aria aperta: sul balcone, sul terrazzo, ma anche in giardino: averne uno elegante e raffinato, simile a quelli che si possono ammirare in Inghilterra, non...
Giardinaggio

Come migliorare la fioritura dei garofani

I garofani sono ornamentali, ideali per abbellire balconi e davanzali. Dalle ottime fioriture, sono anche molto semplici da coltivare in vaso. In natura, ne esistono oltre trecento specie. Fra annuali e perenni. Hanno tutte caratteristiche e colori variabili....
Giardinaggio

Come disporre le piante in giardino

Per rendere accogliente un giardino e ricreare un ambiente carino, rilassante e con un tocco di estetica in più, basta soltanto posizionare adeguatamente le piante, seguendo un certo criterio, ovvero scegliendole per altezza, larghezza e colori. A tale...
Giardinaggio

Come migliorare la fioritura

Avere piante con molti fiori e farli durare il più a lungo possibile è il vero sogno per chi ha l'hobby del giardinaggio. Ci sono diversi modi per riuscirci, uno di questi è iniziare a scaglionare la fioritura con piante diverse per migliorare la bellezza...
Giardinaggio

Come coltivare pomodori in giardino o sul balcone di casa

Nel settore dell'agricoltura pesticidi ed ed ormoni artificiali sono molto diffusi. Se volete essere tranquilli di ciò che mangiate, potete unire alla spesa biologica una vostra produzione casalinga. Coltivare pomodori per esempio è semplicissimo, non...
Giardinaggio

10 consigli per coltivare i legumi in giardino

Se avete un giardino ed intendete sfruttarlo come orto per coltivare i legumi, è importante conoscere a fondo le caratteristiche morfologiche di questi ultimi, in modo da regolarvi in base ad ogni singola specie. A tale proposito, ecco una lista con...
Giardinaggio

Come disinfestare il giardino

Disinfestare il giardino è un modo molto efficace per rimuovere i nematodi, i funghi, i batteri e le erbacce dal terreno ed anche fastidiosi insetti e parassiti. Ma occorre a tal proposito avere le conoscenze giuste, per non incorrere in interventi frettolosi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.