Come Modificare L' Intensità Della Fiamma Di Un Accendino

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Se avete un accendino magari firmato o con un involucro di argento o di oro e la fiamma non è possibile regolarla nonostante l'apposita levetta, è importante sapere che esiste un metodo per massimizzare il risultato. Nei passi successivi di questa guida vediamo dunque come modificare l'intensità della fiamma su un accendino.

25

Occorrente

  • Pinze a punte sottili
  • Cacciaviti
35

La prima cosa da fare quando si deve modificare la fiamma è quella d rimuovere l' involucro che copre la parte superiore dell' accendino, esattamente dove esce la fiamma. Per fare questa operazione è possibile utilizzare un cacciavite, un coltellino, una pinza o un altro qualsiasi attrezzo appuntito. A questo punto siamo pronti per iniziare il nostro lavoro di riparazione della parte che non ci consente di aver una fiamma regolabile.

45

Dopo la suddetta operazione preliminare solleviamo la levetta che serve a modificare la fiamma e alziamola fino a farla fuoriuscire dall'ingranaggio. Assicuriamoci quindi che, ruotando la levetta, la rotellina sottostante rimanga perfettamente ferma e che non si muova. Adesso per avere una fiamma meno vivace, dovremo spostare la levetta verso destra (nel caso specifico, quando la levetta è fuori dall'ingranaggio). A questo punto procediamo abbassando la levetta per incastrarla di nuovo e facciamola quindi ruotare verso sinistra (agendo in senso orario) assieme, ovviamente, alla rotellina. Viceversa per avere una fiamma di intensità maggiore procediamo in direzione opposta alla precedente. A questo punto proviamo ad azionare la fiamma con l'accendino sia con la levetta al minimo sia con la levetta al massimo, in modo tale da poterci rendere conto delle modifiche apportate e procedere in maniera definitiva al riposizionamento della parte di ferro che avevamo precedentemente staccato dall'accendino stesso.

Continua la lettura
55

Giunti a questo punto del nostro lavoro non ci resta che procedere con il riposizionamento del ferretto, aiutandoci magari con una pinzetta per le ciglia ed il gioco è fatto. Il nostro accendino personalizzato è adesso pronto per l' uso e possiamo adoperarlo con la fiamma che maggiormente ci soddisfa e soprattutto senza il pericolo che se troppo alta ci brucia le sopracciglia. A margine vale la pena aggiungere che se di tipo pregiato, l'involucro lo possiamo pulire approfittando di averlo tra le mani, adottando le stesse tecniche specifiche che si usano in oreficeria, quindi facendolo bollire in acqua e sapone se di oro oppure usando il bicarbonato di sodio misto ad acqua se invece è di argento.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come aprire una bottiglia di birra con un accendino

Aprire una bottiglia di birra è un operazione molto semplice, se si dispone di un apribottiglie, soprattutto perché la maggior parte delle volte è il commerciante che ce la vende a compiere questa operazione. Alcune volte però capita che non si dispone...
Bricolage

Come accendere un fuoco senza accendino o fiammiferi

Il fuoco è una scoperta che risale a moltissimi secoli fa, ed è un elemento indispensabile per la sopravvivenza umana. Grazie ad esso possiamo riscaldarci, cuocere i nostri cibi, allontanare gli animali, asciugare qualcosa, far luce la notte ed un gran...
Materiali e Attrezzi

Come cambiare la pietra focaia dello zippo

L'accendino zippo nasce attorno al 1932, nella città di Bradford negli Stati Uniti d'America. Venne creato per prendere in giro un accendino austriaco che non ottenne lo stesso successo. Il suo nome nasce dalla moda che in quegli anni imperversava per...
Bricolage

Come riciclare gli ovetti come porta sale o porta pepe

Quanti ovetti porta sorprese vi saranno passati dalle mani!! Quante volte avreste voluto conservarli per poterli sfruttare per altri scopi. In questa guida realizzeremo insieme un porta sale e un porta pepe. Si tratta di un progetto che ci impegnerà...
Bricolage

Come fare un fiore con una bottiglia di plastica

Grazie all'arte del riciclo creativo è possibile dare vita a oggetti e decorazioni originali, usando materiali che di solito finiscono nell'immondizia. Con una bottiglia di plastica si può ad esempio realizzare un fiore ornamentale, seguendo un procedimento...
Bricolage

Come realizzare una palma con i fondi di bottiglie

In questa guida vi spiegherò come realizzare una palma utilizzando i fondi di bottiglie di palstica. Tutto ciò che vi serve, oltre alle bottiglie, sono: un paio di forbici e della carta crespa. Quando avrete acquisito una certa manualità potrete creare...
Altri Hobby

Come realizzare un bouquet di fiori di plastica

Il bouquet è una composizione di fiori variopinti che si usa in varie occasioni. Quella più tradizionale è il bouquet della sposa che si reca all'altare il giorno del suo matrimonio. Oppure si regala un bouquet di fiori per una laurea, o anche semplicemente...
Bricolage

Come fare degli orecchini con una bottiglia in plastica

In questi ultimi anni si fa un gran parlare di riciclo, campagne pubblicitarie, conferenze, raccolta differenziata.Anche noi nel nostro piccolo possiamo riciclare e creare degli oggetti di design e alla moda, da poter sfoggiare tutti i giorni, in qualsiasi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.