Come moltiplicare il fico d'India

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il fico d'India è una pianta succulenta della famiglia delle Cactaceae, originaria del Messico ma naturalizzata in tutto il bacino del Mediterraneo e nelle zone temperate di America, Africa, Asia e Oceania. È una tipica pianta arido-resistente che richiede temperature superiori a 0 °C, al di sopra di 6 °C per uno sviluppo ottimale. È una pianta molto adattabile alle diverse condizioni pedologiche. I suoli idonei alla coltura hanno una profondità di circa 20-40 cm, i cui valori di pH che oscillano tra 5.0 e 7.5. Dal punto di vista altimetrico, le superfici destinate alla coltivazione possono andare dai 150 ai 750 metri sul livello del mare. Questo tipo di pianta è una delle più resistenti e duttili. Bastano infatti pochi centimetri di terra e tanto sole per consentire la crescita e la proliferazione. Nella seguente guida, passo dopo passo, vi daremo dei consigli su come moltiplicare il fico d'India. Vediamo insieme come procedere,.

27

Eseguire la concimazione

La moltiplicazione del fico d'India avviene per talea, ovvero tagliando longitudinalmente in due parti cladodi di uno due anni, che vengono lasciati essiccare per alcuni giorni e poi immessi nel terreno, dove radicano facilmente. La potatura, da eseguirsi in primavera o a fine estate, serve ad impedire il contatto tra i cladodi, nonché ad eliminare quelli malformati o danneggiati. Per migliorare la resa è opportuna una concimazione fosfo-potassica, preferibilmente organica.

37

Mettere la pianta a dimora

Il fico d'india fiorisce nel periodo primaverile e cresce quasi esclusivamente in luoghi con clima mite in cui gli inverni non sono eccessivamente rigidi. La pianta è un cactus che presenta un fusto dal quale si dipartono numerosi "articoli carnosi" di forma piatta ed ellittica, chiamati comunemente pale. Le pale sono cosparse da noduli sui quali sono presenti setole gialle e della lanugine, mentre i fiori presentano numerosi petali e sono di color giallo. Questa pianta viene allevata per il suo frutto e per l'aspetto estetico molto caratteristico. Gli esemplari giovani possono essere allevati in vaso, mentre gli esemplari adulti vanno posti preferibilmente in piena terra. I frutti sono delle bacche ovali, rivestite da una buccia verde che con la maturazione cambia il colore virando dal giallo all'arancio, fino al rosso e al viola. La polpa di tali frutti è profumata e zuccherina mentre la buccia presenta fastidiose spine, motivo per cui la raccolta è difficoltosa.

Continua la lettura
47

Eseguire la riproduzione per talea

La riproduzione delle piante di fico d'india si effettua per talea e si opera staccando alcune pale e collocandole in un terreno normale da giardino. Le annaffiature delle talee, ma anche delle piante di fico d'india in genere, devono essere moderate durante l'intero periodo estivo e devono essere più abbondanti durante la fioritura. Le pale da trapiantare devono essere scelte in base al loro aspetto, prediligendo pale giovani e ben strutturate, quest'ultime, mediante l'ausilio di appositi guanti, necessari per proteggere le mani dalle lunghe spine presenti, andranno recise con un coltello, e poste in terriccio che deve essere mantenuto umido. Porre le talee in luogo riparato e a mezzo sole. Il periodo migliore per effettuare le talee è quello primaverile, anche se i cactus, come la maggior parte delle piante grasse possono essere riprodotte anche durante l'inizio dell'estate o alla fine della stessa.

57

Travasare le piante

Nel periodo invernale le piante poste in vaso e le giovani talee andranno ricoverate in luogo riparato onde evitare che le gelate possano rovinarle o ucciderle. Le piante adulte poste in terra, andranno pacciamanate al piede ed eventualmente riparate con incannucciate. In primavera aggiungere un po' di concime organico per favorirne lo sviluppo e la fruttificazione. Con il clima idoneo questa pianta è di facile coltivazione e riproduzione.

67

Distribuire i semi

Anche se in casi più rari, il fico d'India si moltiplica anche per seme. In questo caso però occorre sapere che non si ha la certezza di avere piante uguali alla pianta madre. Subentra infatti la variabilità genetica mentre nel caso di moltiplicazione per talea è possibile avere tale certezza. Bisogna poi sapere che la pianta attraversa una lunga fase giovanile e che la fruttificazione inizia dopo diversi anni. Per poter raggiungere la piena produzione, sarà poi necessario attendere almeno 7 anni. Le giovani piantine hanno infatti una crescita molto lenta, a differenza della riproduzione tramite talea. La moltiplicazione per semi si effettua generalmente in autunno; i semi devono essere lavati per bene così da eliminare la polpa del frutto e si lasciano poi asciugare. I semi sono dotati di una cuticola molto spessa che deve essere rimossa mettendoli in una bacinella con acqua calda. Fatto ciò, i semi si distribuiscono poi in modo uniforme sul terreno formato da terriccio per semi e in parte da sabbia.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Fico d'india: come coltivarlo in giardino

Il fico d'India è una pianta che cresce allo stato selvatico dappertutto, e i suoi frutti, oltre che deliziosi sono anche particolarmente belli, tali da poterli coltivare in un giardino per arricchirlo ulteriormente di colori. Questa pianta si rivela...
Giardinaggio

Come coltivare il fico d'india

Il fico d'India è una pianta originaria delle aree centrali del continente americano ed è da sempre apprezzata per le sue proprietà nutrizionali, essendo ricca di minerali, calcio, fosforo, ferro e vitamina C. È inoltre un ottimo integratore alimentare...
Giardinaggio

Come raccogliere i fichi d'india con il coppo

Il fico d'India è una pianta originaria del Messico che appartiene alla famiglia delle Cactaceae. Il frutto del fico d'India ha un notevole valore nutrizionale in quanto è ricco di calcio, fosforo, vitamina C e sali minerali. I frutti oltre ad essere...
Giardinaggio

Come effettuare l'innesto sul fico

La coltivazione dell'albero di fico è conosciuta fin dai tempi antichi. I primi cenni storici risalgono addirittura alle primissime civiltà agricole di Egitto e Palestina. Ben presto però il fico si diffuse in tutta l'area mediterranea, per poi essere...
Giardinaggio

Come Coltivare La Pianta Di Fico

Il Fico è un albero avente delle origini provenienti dall'Asia, specialmente nella sua zona ovest. Per quanto riguarda l'Italia, esso è facilmente visibile al sud, specie in Puglia, in Calabria e in Campania. Lo troviamo nei frutteti, negli orti, come...
Giardinaggio

Come potare un albero di fico

L'agricoltura, per molti, non rappresenta soltanto un lavoro ma è anche una passione estremamente gratificante. È meraviglioso coltivare delle piante come gli alberi da frutto, che non soltanto danno soddisfazione nell'arco della crescita ma saranno...
Giardinaggio

Gli errori più comuni nella potatura del fico

Secondo recenti sondaggi su tutto il territorio nazionale, sono sempre di più le persone che si dedicano al giardinaggio, occupandosi soprattutto di piante da frutto. Tra gli alberi più coltivati in tutto il paese, vi è sicuramente il fico per via...
Giardinaggio

Come potare un fico

Il fico è un albero da frutto molto diffuso in Italia. Originario dell'Asia Minore, ha avuto molto successo per il suo frutto estremamente dolce e gradevole al palato, tanto che ben presto si è diffuso rapidamente in tutto il Mediterraneo, dove ha conosciuto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.