Come moltiplicare il ficus benjamina per talea

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il Ficus Benjamin è una pianta tipica dei paesi con clima tropicale; esso ha assunto carattere ornamentale negli appartamenti attraverso la coltivazione in vaso. È una pianta sempreverde che non ama la luce diretta; sviluppa una folta chioma che ha bisogno di una costante umidità. È abbastanza facile da curare ed i metodi per la riproduzione sono diversi. In questo tutorial vengono fornite delle indicazioni su come è possibile moltiplicare il Ficus Benjamina per talea.

26

Come riprodurre per talea

La riproduzione per talea è il metodo che viene più utilizzato per la produzione di nuovi esemplari vegetali. La primavera è la stagione più adatta per chi si vuole cimentarsi in semine e moltiplicazioni. Nei paesi più freddi è consigliabile fare questa operazione verso giugno. La potatura può essere l'occasione per raccogliere alcuni rametti che servono per riprodurre nuove piantine. I rametti che radicano più facilmente sono quelli apicali, ma si possono utilizzare anche i germogli laterali.

36

Come preparare il ramo

Dai rametti tagliati appena al di sotto di un nodo, devono essere eliminate le ultime 2/3 foglie per lasciare libero il gambo. Per eseguire il taglio è necessario munirsi di grosse forbici in modo da incidere il ramoscello senza sfilacciare il legno. È fondamentale pulire e disinfettare tutti gli attrezzi che vengono utilizzati. Si consiglia di indossare un paio di guanti da giardinaggio in modo da proteggere le mani dalla fuoriuscita del lattice; quest'ultimo è irritante sia per la pelle che per gli occhi. La "ferita" del rametto deve essere tamponata con un batuffolo imbevuto in acqua fredda.

Continua la lettura
46

Come interrare il ramo

A questo punto, il piccolo ramo può essere interrato in un miscuglio di sabbia e terra a 2/3 cm di profondità. Il vaso deve essere posto in ombra "luminosa", ma bisogna mantenere elevata l'umidità. Il ramo va inserito in un vaso in cui va distribuita l'argilla espansa e poi posto in un altro colmo di acqua. Si deve poi immergere nel cosiddetto "ormone radicante" e mettere in una fitocella che va riempita di terra ed esposta al sole. L'ormone favorisce l'accumulo di ormoni vegetali che aiutano a farlo radicare.

56

Come curare le nuove piante

Le nuove piante, come gli esemplari adulti, devono essere tenute all'interno durante i mesi rigidi e portate all'aperto nei mesi più miti. Se si ha un po' di accortezza e si utilizzano le indicazioni appena fornite in questa guida si dovrebbe ottenere un buon successo. Di fatti, nell'arco di uno oppure due mesi si possono notare le nuove foglioline nel ramo.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come aiutare il Ficus a star bene

Avere una casa arredata bene e curata è auspicabile da chiunque. Esibire quadri, mobili, tende e piante esatte è un prerequisito essenziale affinché questo obiettivo finale venga realizzato. Purtroppo, non è sempre facile da ottenere. Talvolta, a...
Giardinaggio

Come moltiplicare la clematide per talea

Riempire la propria casa di piante è il modo migliore per abbellire la propria abitazione e renderla ancora più calde ed accogliente. Esistono una moltitudine di piante che possono essere scelte ed utilizzate per dare più colore, bisogna però avere...
Giardinaggio

Come moltiplicare i geranei

Se si vuole provare a riempire un giardino o un balcone di colorati gerani, senza necessariamente comprare molte piante, o seminarle e aspettare che crescano, si può procedere possedendo un'unica pianta e realizzando una talea. In questa guida si potrà...
Giardinaggio

Come coltivare il ficus ginseng

In casa vengono poste, nelle varie camere, le piante. Le piante ci rendono più felici, ma soprattutto abbelliscono la casa stessa. Tra le varie piante che possiamo acquistare, troviamo i classici fiori come le margherite, le betulle. Ma anche le piante...
Giardinaggio

Come moltiplicare le piante grasse

Le succulente (denominate impropriamente piante grasse), sono quelle piante dotate di particolari tessuti "succulenti" capaci di assorbire liquidi durante le stagioni piovose e usare l'acqua nei periodi di siccità. Molteplici e interessanti sono i sistemi...
Giardinaggio

Come moltiplicare le rose più belle con il metodo della talea di ramo

Se desiderate avere delle rose come quelle che già possedete nel vostro giardino, o magari come quelle presenti nel giardino del vicino, potrete riprodurre le piante con una spesa minima. Uno dei metodi più utilizzati per moltiplicare le rose più belle...
Giardinaggio

Come moltiplicare le rose

I principali metodi di riproduzione agamica delle rose sono le seguenti: la talea, l’innesto e per finire la margotta. Quest'ultimo metodo appena citato, richiede un intervento particolare e di una certa durata sulla pianta da riprodurre, mentre l’innesto...
Giardinaggio

Come Preparare una talea di legno tenero

Le piante sono esseri viventi e in quanto tali si riproducono. Come ben sappiamo la riproduzione può avvenire per via sessuale o vegetativa. Nella prima fase, la produzione avviene per seme e nella seconda invece, si utilizza una parte della pianta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.