Come Moltiplicare La Pianta Di Rosmarino

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il rosmarino, noto anche come Rosmarinus officinalis, sorge nell'area mediterranea, dal livello del mare fino alla zona collinare, ma attualmente anche nella Pianura Padana e nei luoghi sassosi. La pianta di rosmarino è una delle più profumate della famiglia delle aromatiche. Il suo odore inebriante conferisce a ogni alimento un gusto particolare e intenso, che lo rende immediatamente riconoscibile. Per la coltivazione richiede una zona soleggiata, un terreno sabbioso-torboso e va collocata al riparo da climi rigidi e prolungati. Per chi fosse già avvezzo al giardinaggio o anche alle prime armi, in questa guida insegneremo come moltiplicare la pianta di rosmarino con diverse tecniche semplici ed efficaci.

27

Occorrente

  • rosmarino
  • cesoie
  • terriccio
  • torba
  • sabbia
37

La moltiplicazione per divisione

Innanzitutto il rosmarino può essere moltiplicato attraverso l'impiego della tecnica (meno nota, ma ugualmente valida) della divisione. Anche questa tecnica va eseguita in primavera e preferibilmente su piantine giovani, di massimo uno o due anni. Fino a quando le piante non attecchiscono perfettamente, è sempre consigliabile tenerle in un luogo ventilato per poi trapiantarle definitivamente in estate.

47

La moltiplicazione per talea

Un'altra tecnica impiegata per lo scopo appena menzionato è sicuramente quella della talea. Con questa tecnica è possibile ottenere un gran numero di giovani piante e selezionare come pianta madre un arbusto che si dimostri particolarmente profumato. Infatti, ci sono sfumature di aroma non indifferenti tra una varietà e l'altra. Per questo motivo il rosmarino risulta una pianta dalla quale è difficile ricavare talee. Tuttavia, se preparate un numero relativamente alto di talee, avete buone probabilità di ottenere qualche pianta vigorosa. Tra il mese di agosto e settembre nelle regioni calde è consigliabile scegliere dei nuovi getti, che siano sani e vigorosi.

Continua la lettura
57

Il periodo in cui effettuare la moltiplicazione per talea

La moltiplicazione per talea va effettuata in primavera. Solitamente le talee sono lunghe 15-20 cm e vanno prelevate da piante che godono di ottima salute. Vanno piantate per due terzi della loro lunghezza in un composto di sabbia e torba e tenute in una serra alla temperatura di circa 10°, per poi essere trapiantate la primavera successiva.
Generalmente, dopo aver asportato dalla pianta madre delle talee abbastanza lunghe, per aumentare le probabilità di successo al momento di trapiantarle bisogna immergerle in una polvere radicante, scuoterle ed eliminare l'eccesso residuo. Poi procedete a interrarle regolarmente.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

5 consigli per coltivare il rosmarino

Quando si parla di spezie non può che venire in mente il rosmarino, ovvero una pianta sempreverde che regala estratti ideali per preparare molti piatti saporiti, come ad esempio l'agnello o altri tipi di carne alla griglia, il pollo arrosto oppure semplicemente...
Giardinaggio

Come raccogliere il rosmarino

Il rosmarino è una pianta erbacea perenne. Con il suo stelo legnoso e le foglie ad ago sempreverde, rappresenta un ottimo paesaggio vegetale. Le sue foglie vengono utilizzate fresche o secche per la cucina e l'artigianato, in quanto forniscono un'erba...
Giardinaggio

Come coltivare il rosmarino in giardino

Il rosmarino è un arbusto perenne e sempreverde che viene coltivato facilmente sia in vaso che nel giardino di casa. Fa parte delle erbe aromatiche più utilizzate e le sue foglie strette e lunghe hanno un profumo particolare ed invitante, se si pensa...
Giardinaggio

Come propagare il rosmarino

Nella cucina italiana, il rosmarino è un aroma molto utilizzato. Profumato e dagli effetti curativi, arricchisce di sapore patate, arrosti, carni in umido, anatra, coniglio, pasta e fagioli e quant'altro suggerisce la fantasia. L'arbusto spontaneo è...
Giardinaggio

Come coltivare e moltiplicare la yucca: l'alberello della felicità

La Yucca è una pianta d’appartamento che si riconosce per il fusto legnoso e ruvido e perché in cima ha ciuffi di foglie ensiformi. Questo genere comprende una quarantina di specie; allo stato spontaneo la pianta può raggiungere anche l’altezza...
Giardinaggio

Come moltiplicare l'edera

L'edera è una pianta particolare, infatti, viene anche chiamata pianta rampicante, poiché, grazie alle sue ventose, riesce ad attaccarsi alle pareti, crescendo rigogliosamente. Molto spesso, l'edera, viene utilizzata per rivestire muri o pareti nel...
Giardinaggio

Come moltiplicare le piante con le talee di foglia

Volete un giardino molto più ampio o una balconata più ricca delle vostre piante preferite? Il giardinaggio richiede tempo, fatica e molta pazienza, curare ogni pianta è sinonimo di impegno ed attenzione, esiste però un metodo molto semplice e soprattutto...
Giardinaggio

Come moltiplicare le piante rampicanti

Coltivare le piante è un compito molto gratificante e lo è ancor di più quando si riesce a riprodurre con successo le proprie piante. Moltiplicare le piante, oltre a regalare numerose soddisfazioni, permette di ottenere un' ampia collezione di specie...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.