Come moltiplicare le petunie

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La cura del proprio giardino o dei propri vasi è più difficile e ardua di quanto si possa pensare. Il pollice verde è un attitudine, o meglio una competenza, che la si acquisisce nel tempo. Non tutti infatti nascono con le nozioni di giardinaggio ben scolpite nelle propria mente. Solo il tempo e soprattutto l'esperienza riusciranno in qualche modo a farci conoscere e soprattutto appassionare a questo fantastico mondo. Se si cercano piantine semplici da coltivare e che siano anche resistenti, le Petunie sono la specie adatta. I suoi fiorellini possono declinarsi in una infinità di colori e rendere allegri giardini, terrazzi e balconi. Moltiplicare la bellezza di questa specie è semplicissimo. Sarà sufficiente una operazione composta da pochi passi come spiegato in questa guida.

26

Occorrente

  • Forbici
  • Vaso
  • Torba
  • Sabbia
36

Col termine Petunia si indica un genere appartenente alla famiglia delle Solanacee. All'interno di esso si distinguono numerose specie che possono essere annuali o perenni. Anche il portamento cambia. A tal proposito infatti esistono quelle che si sviluppano in maniera eretta. Maggiormente adatte ad essere piantate nel terreno o in grandi vasi. Oppure si sviluppano in maniera ricadente. Quest'ultime utilizzate spesso per i vasi di piccola dimensione appesi alle pareti o al soffitto. Le Petunie si trovano molto facilemente in commercio presso i vivai o anche nella grande distribuzione organizzata. Sono perlopiù ibridi per adattarsi al mercato e quindi si possono acquistare piante con fiori di ogni tonalitá e grandezza, a volte anche bicolori. La straordinaria lunghezza del periodo di fioritura, dalla primavera all'autunno, e la sua rusticitá, la rendono una delle piante più presenti nei giardini italiani.

46

Le Petunie sopportano bene gli sbalzi di temperatura, amano sia l'esposizione in pieno sole che l'ombra purché vengano ben annaffiate. Nelle giornate ventose, si consiglia di posizionarle in luoghi riparati perché la struttura dei rami è piuttosto fragile. Sono proprio loro i protagonisti della moltiplicazione. Infatti la talea è il miglior modo per propagare questa specie. L'operazione la si può fare in qualunque periodo dell'anno, ma in primavera il clima aiuta la buona riuscita. Si comincia scegliendo un vasetto, preferibilmente di ceramica, dove verranno messi i rami tagliati. Coprire il buco sul fondo con un pezzetto di coccio rotto. Quindi riempire il vaso con torba setacciata e aggiunta di sabbia nella stessa quantità in maniera che contenga il nutrimento necessario.

Continua la lettura
56

La scelta del rametto migliore non è difficile. Occorre scegliere la porzione nuova che nasce ogni primavera a partire da vecchie piante. Il nuovo getto contiene in sé tutte la vitalità necessaria per far nascere nuove radici. Una volta inserito nel terreno nuovo, chiudere bene il buco e annaffiare abbondantemente. Proteggere la talea in un luogo a temperatura costante (venti gradi circa) e dopo qualche settimana si vedranno comparire le nuove foglioline.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Da maggio a settembre si consiglia di procedere alla fertilizzazione ogni 15 giorni.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come moltiplicare l'oleandro

Originaria del Mediterraneo e dell'Asia sud-occidentale, la pianta dell'oleandro è un arbusto amante del tepore che fiorisce tutto l'anno. I suoi fiori extra-large, della grandezza che varia dagli otto ai venti centimetri di diametro, e dal colore rosso,...
Giardinaggio

Come Moltiplicare Le Piante Di Oleandro E Fucsia

Siete degli appassionati di piante e fiori e vorreste averne sempre un numero maggiore sulla vostra terrazza? L'idea di spendere tanti soldi non vi aggrada molto e vorreste ricreare queste bellissime piante da voi? Se la risposta a queste domande è si,...
Giardinaggio

Come moltiplicare le piante rampicanti

Coltivare le piante è un compito molto gratificante e lo è ancor di più quando si riesce a riprodurre con successo le proprie piante. Moltiplicare le piante, oltre a regalare numerose soddisfazioni, permette di ottenere un' ampia collezione di specie...
Giardinaggio

Come moltiplicare i gigli

Le piante per loro stessa natura amano moltiplicarsi, diventare sempre più grandi, creare semi e diffondersi. I gigli sono, tra i fiori, quelli che si prestano maggiormente alla moltiplicazione tramite bulbo o da seme. Se leggerai questa guida ti spiegherò...
Giardinaggio

Come Moltiplicare La Pianta Di Rosmarino

Il rosmarino, noto anche come Rosmarinus officinalis, sorge nell'area mediterranea, dal livello del mare fino alla zona collinare, ma attualmente anche nella Pianura Padana e nei luoghi sassosi. La pianta di rosmarino è una delle più profumate della...
Giardinaggio

Come moltiplicare le calle

Uno degli hobby più gratificanti in assoluto è senza alcun dubbio il giardinaggio. Occuparsi di piante e fiori è piuttosto rilassante e ci permette di creare un ambiente ricco di profumi e colori nel nostro giardino o sul balcone di casa. Soffermiamoci...
Giardinaggio

Come moltiplicare le rose

I principali metodi di riproduzione agamica delle rose sono le seguenti: la talea, l’innesto e per finire la margotta. Quest'ultimo metodo appena citato, richiede un intervento particolare e di una certa durata sulla pianta da riprodurre, mentre l’innesto...
Giardinaggio

Come moltiplicare l'edera

L'edera è una pianta particolare, infatti, viene anche chiamata pianta rampicante, poiché, grazie alle sue ventose, riesce ad attaccarsi alle pareti, crescendo rigogliosamente. Molto spesso, l'edera, viene utilizzata per rivestire muri o pareti nel...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.