Come Montare Il Filo Di Ordito Sul Telaio Dopo La Fase Di Preparazione

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il ricamo è un'arte piuttosto antica, che veniva tramandata da generazione in generazione. Chi si cimenta nel ricamo non può imbattersi nella conoscenza del telaio, uno tra gli strumenti che permettono la realizzazione di vere e proprie opere d'arte. Per poter eseguire un lavoro di tessitura su un telaio, è necessario preparare il filo di ordito, e poi montarlo sul telaio per eseguire la tessitura. Una volta imparato per bene il procedimento, potrete provare anche voi stessi a lavorare sul telaio e realizzare delle bellissime opere, come ad esempio tappeti e tende. Continuate leggere per scoprire come montare in modo coretto il filo di ordito sul telaio in seguito alla fase di preparazione.

26

Occorrente

  • un telaio a subbi
  • fini per tessere
  • pettine separatore
  • verga
  • spago
  • forbici
36

Innanzitutto è bene procurarsi un telaio, il filato e tutto ciò che occorre per lavorare sul telaio. La prima cosa da fare è quella di preparare l'ordito sul telaio, quindi dovrete montarlo su questo e, per farlo, dovrete iniziare a slegare l'asta del subbio posteriore e infilarla nel cappio dell'ordito formatosi sul cilindro di destra. A questo punto dovrete avvolgere l'altra estremità dell'ordito intorno al subbio anteriore per tenerlo temporaneamente teso. Detto questo, procedete nel modo seguente.

46

Una volta fatta questa operazione, dovrete alzare l'ordito con la mano sinistra e sistemare il pettine separatore a sette centimetri davanti al subbio dell'ordito. Eseguita questa operazione, dovrete stendere l'ordito sul pettine separatore, posizionando ogni gruppo di fili da un centimetro in ciascuno degli spazi. A questo punto passate uno spago tra i chiodi del pettine separatore per tenere i fili in posizione. Adesso non vi resta che togliere la legatura. Fatto questo dovrete procedere nel modo seguente.

Continua la lettura
56

Dovrete bloccare il subbio dell'ordito e quindi fissate le verghe di passo al telaio ai due lati dell'incrocio. Quando avrete finalmente concluso anche questa fase di montatura, passate a togliere la legatura posteriore. A questo punto svolgete l'ordito dal subbio del tessuto e girate all'indietro il subbio dell'ordito. Adesso, mantenendo l'ordito in mano, tagliate in corrispondenza della piegatura anteriore. Una volta fatto ciò, togliete le altre legature. Giunti fin qui legate l'ordito al subbio anteriore in gruppi di otto fili, iniziando dai primi gruppi di destra e sinistra. Infine legate gli altri gruppi dai lati verso il centro, quindi togliete il pettine separatore e la verga di passo anteriore. Buon lavoro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Quando avrete finalmente concluso anche questa fase di montatura, passate a togliere la legatura posteriore.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come calcolare l'ordito

Quando si parla di ordito si intendono generalmente un certo numero di fili che uniti alla trama formano un tessuto. In tessitura esso viene principalmente adoperato per creare oggetti di una certa grandezza come ad esempio un tappeto, un copriletto oppure...
Cucito

Come Utilizzare Il Pettine Liccio Per Tessere Sul Telaio A Subbi

I subbi sono una parte del telaio, per la tessitura artigianale e/o industriale. Dalla forma cilindrica, sono in legno o metallo, posizionati tra le spalle del macchinario. Il subbio posteriore porta l'ordito; mentre quello anteriore raccoglie il tessuto...
Cucito

Come lavorare con il telaio

Il modo migliore, con cui potere affrontare il lavoro al telaio, è quello di raccogliere un po' tutti i filati che avete sparsi per casa e di usarli, anche su uno stesso ordito, per vedere gli effetti che si possono ottenere con essi. Con uno stesso...
Cucito

Come lavorare a maglia con il telaio

Il telaio è uno strumento molto utile per coloro che non riescono a lavorare all'uncinetto, permette infatti di creare veri e propri capolavori senza investire cifre economiche esagerate, risparmiando tempo ed utilizzando un apposito strumento di lavoro....
Cucito

Come realizzare un telaio per uncinetto

Ecco un articolo, davvero molto utile ed allo stesso tempo, veramente interessante, mediante il cui aiuto e stimolo, poter capire come e cosa fare, per poter realizzare un bellissimo telaio, per unicinetto, in modo da poterlo impiegare per la creazione...
Cucito

Come scegliere il telaio per ricamare

Il telaio per ricamare è un oggetto usato da secoli, E in tutto questo tempo ha subito dei mutamenti e dei rinnovamenti. Ciò ha portato ad avere tante tipologie diverse di telaio per ricamare, ma sostanzialmente i telai oggi in commercio possono dividersi...
Cucito

Come Costruire Un Telaio A Cerchio Per Il Ricamo

Il ricamo è una delle forme d'arte più praticata, e per alcuni si tratta addirittura di un lavoro. I telai su cui si possono eseguire i vari lavori sono davvero molteplici, di varie forme e dimensioni a seconda del tipo di lavoro che si intende svolgere,...
Cucito

Come fare il ricamo d'arazzo

In questo articolo che seguirà, vi diamo spiegazioni relativamente a come fare il ricamo d'arazzo. Il ricamo d'arazzo è una forma di arte tessile. Veniva creato tradizionalmente su un telaio in posizione verticale. Oggigiorno viene realizzato invece...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.