Come montare un vaso di espansione

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Se nel vostro impianto idraulico avete installato un vaso di espansione ed intendete sostituirlo perché risulta difettoso, potete farlo in proprio senza necessariamente convocare un tecnico esperto. Il lavoro è del tutto manuale, e richiede soltanto l’uso di alcuni attrezzi e qualche piccola ed importante precauzione preliminare. In riferimento a ciò, ecco una guida su come montare correttamente un vaso di espansione.

27

Occorrente

  • Vaso di espansione
  • Chiave inglese o a brugola
  • Bulloni nuovi
  • Grasso al silicone
  • Teflon
37

Smontare il vecchio vaso di espansione

Il vaso di espansione ha una forma sferica ed è un contenitore di metallo (visualizzare il video annesso), con all’interno una membrana di gomma che svolge due fondamentali funzioni; infatti, l’interno si riempie d’acqua, mentre la parte esterna viene isolata dal suddetto contenitore con dell’aria compressa. Lo scopo di questo vaso di espansione è quello di regolare la pressione dell’acqua, che spesso in caso di cattivo funzionamento genera fastidiosi rumori nell’impianto idraulico quando si aprono e si chiudono i rubinetti. Alcuni modelli hanno un apposito foro con vite, da cui è possibile sostituire soltanto la membrana ed ovviare quindi all’inconveniente, ma tuttavia molti altri sono sigillati il che significa necessariamente sostituirli ex novo. Premesso ciò, nei passi successivi vediamo come smontare il vecchio vaso di espansione e montare quello nuovo.

47

Procedere al fissaggio del nuovo vaso

Per montare il nuovo vaso di espansione bisogna dunque smontare il vecchio, e quindi svitare due piccoli bulloni che lo tengono ancorato al tubo dell’acqua su due lati (entrata ed uscita). In tal caso, appare ovvio che va chiusa prima la chiave d’arresto dell’impianto idraulico. Fatto ciò, per svitare i suddetti bulloni basta usare una chiave inglese o a brugola, riuscendo in tal modo ad asportare il vecchio vaso e inserire il nuovo purché sia della stessa marca, abbia le medesime dimensioni e sia stato già caricato d’aria compressa dal rivenditore. In caso contrario, dovrete necessariamente usare un compressore ed un manometro, per verificare l’esatto numero di bar necessari per garantire la giusta pressione per l’espansione della membrana di gomma che si trova all’interno del contenitore. Una volta centrato il vaso nuovo nella sua corretta posizione, potete procedere con il fissaggio usando preferibilmente dei bulloni nuovi, poiché il filo della filettatura risulta sicuramente in un miglior stato di conservazione rispetto a quello rimosso dal vecchio vaso.

Continua la lettura
57

Usare grasso al silicone e teflon

Prima di inserire i bulloni nella loro naturale calettatura è tuttavia opportuno usare del grasso al silicone e del teflon, in modo da evitare rispettivamente attriti e perdite. A lavoro ultimato, se la pressione è stata già tarata dal rivenditore, potete procedere con il collaudo finale, riaprendo la chiave d’arresto dell’impianto idraulico e constatare con somma soddisfazione che l’operazione è andata a buon fine.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come fissare al muro dei fischer a espansione

Se abbiamo la necessità di dover fissare del cartongesso sulle pareti verticali o sotto al soffitto, possiamo ottimizzare il nostro lavoro utilizzando dei fischer a espansione. Questi, in commercio, sono disponibili di diversi modelli e lunghezze, ognuno...
Casa

Come riciclare un vaso in ceramica

I vasi in ceramica, a differenza di quelli di plastica o in altri materiali, si caratterizzano per la loro versatilità: possono essere utilizzati, infatti, in modi differenti. È sufficiente sfruttare tutta la propria fantasia e creatività per dare...
Casa

Come montare un press control

Per la distribuzione di acqua sanitaria negli impianti delle abitazioni si utilizzano due tipologie di sistemi: il press control e il vaso d’espansione. Il press control è oggi largamente utilizzato negli impianti idraulici delle case, perché è un...
Casa

Come montare una ringhiera

In casa ci sono sempre tanti piccoli lavoretti da dover fare. Uno di questi potrebbe essere il montaggio di una ringhiera. Montare una ringhiera potrebbe infatti servirvi per recintare un pezzo di cortile, oppure per mettere in sicurezza un balcone o...
Casa

Come montare una mensola in legno

Per abbellire la propria casa e fare spazio ai soprammobili spesso nasce la necessità di montare sulle pareti delle mensole in legno. Quest'ultime sono delle complementi di arredo pratiche ed esteticamente gradevoli. Ce ne sono di diverse forme e colori...
Casa

Come montare un box doccia con apertura angolare

Il box doccia è un'invenzione relativamente recente. Permette di risparmiare spazio rispetto alla classica vasca da bagno e risulta più comoda e meno pericolosa soprattutto per le persone anziane. Il box doccia viene solitamente montato in un angolo...
Casa

Come montare un faretto

L'installazione di un faretto da parete rappresenta un'ottima soluzione per poter concentrare un flusso di luce su una zona particolare della stanza, anche per far risaltare e valorizzare altri complementi di arredo o un quadro importante. In questa guida...
Casa

Come montare un controsoffitto in legno

Per poter conferire ad una stanza un'atmosfera calda e accogliente o per mimetizzare impianti elettrici, di aerazione, condizionamento o antincendio, si possono rivestire i soffitti con materiali appropriati, tra cui il legno. Tale finitura la si può...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.