Come organizzare la recinzione alle pecore

tramite: O2O
Difficoltà: facile
19

Introduzione

Suffolk, Merino, Laticauda sono solo alcuni nomi delle specie ovine che nel corso dei millenni sono state allevate per il vello, la carne pregiata o il latte prodotto. Fino ad un centinaio di anni fa, la pastorizia rivestiva un ruolo portante nell'economia di molti Paesi, ma al giorno d'oggi pastori ed allevatori professionisti sono relegati a rare realtà territoriali. Se siete amanti della natura e disponete di un'area verde in cui far crescere alcuni ovini allora questa guida fa per voi. Vediamo insieme come organizzare la recinzione alle pecore.

29

Occorrente

  • Per la recinzione esterna: pali massicci in legno alti 2 metri, recinzione metallica per pecore alta almeno 230 cm, cancelletto a cerniera, attrezzi da scavo, martello, chiodi ad uncino.
  • Per la recinzione interna (opzionale): pali massicci in legno, recinzione per pecore alta 180 cm, cancelletto a cerniera, attrezzi da scavo, martello, chiodi ad uncino.
  • Terreno da destinare al pascolo, gregge, tettoia/ricovero, abbeveratoio, mangiatoia, alimenti per pecore (fieno, roccia salina).
39

Stabilite un'area di pascolo di dimensioni adatte al vostro gregge. Le esigenze alimentari degli ovini vanno modulate in base al numero dei capi posseduti, razza ed età media. Per un gregge di animali di dimensioni modeste (4 adulti) ipotizzate di riservare almeno un ettaro di terreno libero da destinare al pascolo brado degli animali. Dopo aver definito il luogo ed averne tracciato idealmente i confini, scavate lungo il perimetro un fossato di almeno 40-60 cm di profondità: servirà ad accogliere la recinzione esterna.

49

Concluso il fossato, delimitatene il perimetro interno con una serie di pali di medio diametro, posti ad una distanza di 2-3 metri l'uno dall'altro: la palizzata vi permetterà di fissare saldamente il recinto esteriore fisso. Tale struttura ha un duplice scopo: da una parte impedisce alle pecore rinchiuse di evadere, dall'altra protegge il gregge dalle intrusioni dei predatori esterni. Una buona recinzione deve essere quindi interrata ad almeno 40-60 cm di profondità per evitare che grossi canidi selvatici (volpi, cani randagi, lupi, etc..) possano aggirare l'ostacolo scavando e deve presentare un altezza di almeno 180 cm dal livello del suolo per non essere scavalcata sia dagli ovini, sia dai predatori più agili.

Continua la lettura
59

Durante la collocazione della rete, se potete, piegate leggermente la parte inferiore delle maglie metalliche verso l'esterno, creando una piccola ansa a forma di "L" sulla porzione che andrà interrata. Questo accorgimento garantirà maggiore stabilità alla recinzione e costituirà un ulteriore deterrente contro le scorrerie sotterranee di volpi o lupi. Man mano che procedete nell'installazione della rete, ricordatevi di tenerla ben tesa e di assicurarla con martello e chiodi alla palizzata di legno: ovviamente, non completate l'intero perimetro del terreno destinato a pascolo. Una sezione della recinzione esterna dovrà infatti essere costituita da un cancello con meccanismo a cerniera per permettervi di accedere all'interno del recinto.

69

Realizzate ora l'area destinata al ricovero. In questa parte di terreno dovrete ricreare una piccola tettoia per proteggere gli animali dal sole e dalla pioggia, inserire l'abbeveratoio, ipotizzare una mangiatoia per il foraggio secco e lasciare a disposizione degli animali la pietra salina. Per creare questa zona di ricovero potrete sfruttare una vecchia struttura dismessa (un porticato inutilizzato da tempo o una casetta da giardino senza più una parete) oppure costruire l'edificio da soli. Vi basteranno una serie di pali infissi sul terreno, un trapano, dei pannelli in plastica ondulata ed una serie di fascette da elettricista per realizzare un ricovero chiuso su tre lati e protetto contro le intemperie.

79

Infine, allestite la zona del ricovero con l'acqua e gli alimenti destinati agli ovini. Prediligete un abbeveratoio in acciaio inox poiché questo materiale è duraturo, facilmente igenizzabile e non arrugginisce con il passare del tempo. Scegliete una mangiatoia abbastanza lunga e poco fonda per alloggiare l'eventuale foraggio fresco o secco: la conformazione di questo modello permette al gregge di alimentarsi all'unisono, riducendo le dispute per il cibo. Lasciate infine a disposizione degli animali una buona quantità di sale pastorizio, in blocco o a rullo.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • utilizzare rete metallica abbastanza spessa
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come costruire una recinzione in legno

A volte, chi possiede un giardino, sente la necessità di realizzare una recinzione. Ciò, è utile principalmente per creare una barriera ed a tutelare maggiormente la propria privacy. Spesso, una recinzione non è sufficiente ad evitare l'intrusione...
Bricolage

Come tosare le pecore suffolk

La tosatura è un'operazione molto importante per il benessere della pecora e va compiuta agli inizi della primavera. Il periodo ideale va da fine marzo fino ai primi di giugno perché questi animali patiscono molto il caldo, soprattutto la razza Suffolk....
Bricolage

Come realizzare una recinzione di legno in giardino

Chi possiede nella propria abitazione un bel giardino può decidere di delimitarlo con una recinzione sia per motivi di sicurezza che per motivi estetici. Sarebbe bello però se tutto ciò venisse fatto con le proprie mani anche per impegnare un po' di...
Bricolage

Come ridipingere una recinzione in ferro battuto

Una recinzione in ferro battuto, per rimanere a lungo in buone condizioni, ha bisogno di una regolare manutenzione: l'abitudine di trascurare i periodici ed adeguati interventi può, nel tempo, essere causa di un graduale deterioramento. In questo caso,...
Bricolage

Come costruire una recinzione

Sapere come è possibile costruire esattamente una determinata recinzione potrebbe risultare abbastanza utile. Questo lavoro potrebbe sembrare molto complicato, ma basterà avere un pochino di buona volontà e una minima esperienza nel bricolage: infatti,...
Bricolage

Come Creare Delle Pecore - Segnaposto Con Cartoncino E Lana

Alcune volte ci capita di perdere molto tempo girando per i vari negozi alla ricerca di un decoro unico e particolare per le nostre feste e spesso dopo tanta fatica per la ricerca il suo costo risulta anche molto elevato. Potremo quindi provare a realizzare...
Bricolage

Come realizzare delle pecore decorative con i cotton fioc

Per coinvolgere i nostri bambini in giochi creativi, possiamo insegnarli a realizzare dei disegni decorativi, utilizzando materiale di uso comune, come ad esempio i cotton fioc. Si tratta in effetti di una realizzazione semplice, istruttiva e divertente,...
Bricolage

Come organizzare una festa di carnevale

Carnevale è senza dubbio la festa per eccellenza, in cui trionfano divertimenti ed eccessi. Se avete in mente di organizzare una festa, che sia per adulti o per bambini, di seguito troverete alcuni consigli utili per effettuare questa operazione al meglio....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.