Come organizzare un kit da sarta

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se intendete diventare una provetta sarta e realizzare tanti bei manufatti è indispensabile avere a disposizione tutti gli attrezzi necessari per misurare, tagliare e cucire la stoffa, in modo da seguire delle linee guida ben precise affinché il lavoro risulti di tipo professionale. In riferimento a ciò, ecco alcuni consigli su come organizzare un kit da sarta.

25

Occorrente

  • Macchina da cucire, aghi, filo, marcatori, spilli, tessuti, forbici, passamaneria, cartamodelli
35

Cominciamo con lo scegliere bene il posto: fate attenzione che ci sia tanta luce, per lavorare senza rischi e con maggior efficienza. Lo spazio deve essere adeguato, considerate che dovrete utilizzare anche l’asse da stiro, quindi nella stanza dovrà starci una volta aperto. Oltre questo, avrete bisogno del metro da sarta, della squadra per disegnare, della riga (meglio quella lunga 80 cm), del curvilineo (che utilizzerete per tracciare gli scolli, il segnaorli, forbici di buona qualità per il taglio della stoffa) e le forbici tagliafili.

45

Nel vostro kit non devono assolutamente mancare gli accessori di vario tipo come i puntaspilli; i gessetti; l’infila ago; il ditale, per proteggere le dita; il punteruolo, da usare per fare i fori; la scucitrice, per estrarre bene i fili; il passanastro, per infilare elastici e cordoncini. Per quanto riguarda il filo, esiste quello in poliestere adatto a tutti gli usi e anche alle fibre elastiche perché non cede e quello da merceria in cotone, disponibile in molti colori ma che non cede. Saranno necessari anche spilli e aghi di vario tipo. Questi ultimi sono fondamentali ed esistono di tante tipologie diverse. Tra tutti ricordiamo quelli per la cucitura a mano, che hanno la cruna arrotondata e misure diverse e quelli da ricamo, che hanno la cruna allungata. Le zip sono indispensabili per cappotti, jeans, pantaloni e altri indumenti. La chiusura può essere a catena o a spirale, possono essere tradizionali oppure invisibili. I bottoni, i ganci, le asole e gli occhielli sono molto importanti per lavorare.

Continua la lettura
55

Inoltre nel vostro kit da sarta non deve mancare la fettuccia che può ritornare utile in parecchie circostanze specie se si tratta di fare orli o creare dei pantaloni; infatti, questo tipo di stoffa acquistabile a rotoli, è facile da cucire, sottile e molto resistente. Ovviamente è essenziale avere il tessuto più adatto al vostro modello e ai vostri gusti, tenendo presente che ogni tessuto ha una certa trama e va cucito in un certo modo. Queste, in linea generale sono le attrezzature necessarie, oltre alla fantasia, la passione e la manodopera che si acquista solo con la pratica e con il tempo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come confezionare un runner per il tavolo

Vedere una tavola vuota, che sia un tavolo da cucina o da sala da pranzo, non fa un bellissimo effetto, ma per fortuna per decorare la propria tavola basta veramente solo un pizzico di fantasia e magari un po' di stoffa! Non è necessario, infatti, coprire...
Cucito

Come misurare fianchi e vita

Per riuscire a misurare correttamente fianchi e vita, sopratutto se non abbiamo mai eseguito questo tipo di operazioni, potremo mettere in pratica alcuni pratici consigli riportati in moltissime guide che potremo trovare con una semplice ricerca sul internet....
Cucito

Come disegnare un modello di abito su misura per te

Per una serata speciale o semplicemente per risparmiare dei soldi può essere molto utile imparare a cucire i propri abiti da soli. Se vuoi realizzare un abito su misura ma non sai da dove partire troverai molto utile questa guida. Scopri quindi, passo...
Cucito

Come Recuperare Un Giubbino Consumato

È sempre difficile buttare un capo di abbigliamento alla quale siamo particolarmente legati per via di ricordi o perché ci siamo particolarmente legati. Per risolvere questo problema e per risparmiare anche un pochino su eventuali altri acquisti, il...
Cucito

Come riciclare i polsini di pelliccia sintetica

Se avete una maglia con i polsini in pelliccia sintetica buttarla sarebbe davvero un grande spreco. Quando i capi di abbigliamento passano di moda, molto spesso vengono donati (la migliore scelta in assoluto!), oppure vengono riposti in una parte dell'armadio...
Cucito

Come confezionare abiti

A volte invece di farsi cucire un abito da una sarta si preferisce scegliere la comodità di comprarlo già confezionato all'interno dei vari negozi che sono presenti nei centri commerciali. Uno dei motivi di questa scelta è che si pensa al fatto che...
Cucito

Come modificare il cartamodello della camicetta per realizzarla con un collo a barchetta

L’arte di modificare i nostri cartamodelli è fondamentale per variare i capi di un guardaroba e renderlo più ricco, attraverso le stagioni. Inoltre, l’aver già sperimentato la confezione di un modello, ci agevola nel ripetere gli stessi passaggi...
Cucito

Come fare un copripoltrona con un vecchio lenzuolo

L'arte del riciclo può definirsi tale se utilizzando svariati tipi di materiali, si riesce ad ottimizzare il risultato con un lavoro creativo. Ad esempio se avete una poltrona che intendete proteggere dalle macchie o magari si presenta malconcia, potete...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.