Come ossidare il metallo galvanizzato

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il metallo galvanizzato è un materiale costituito da acciaio o ferro rivestito con un sottile strato di zinco che protegge la superficie sottostante dalla ruggine. Se si dispone di un elemento realizzato in metallo galvanizzato e si desidera ossidarlo, è necessario prima rimuovere il rivestimento in zinco, che il più delle volte viene applicato per dare al metallo un look "invecchiato". Il metodo più comune per eseguire questo lavoro prevede l'utilizzo di una soluzione acida per sciogliere lo zinco. Vediamo allora, attraverso i passi della seguente guida, come ossidare il metallo galvanizzato.

25

Occorrente

  • Aceto (o acido muriatico)
  • Pennello (o spruzzatore)
  • Ammoniaca
  • Guanti protettivi
35

Scelta dell'acido

Una soluzione molto valida sarebbe quella di utilizzare l'aceto, che contiene l'acido acetico; l'unico problema è che esso contiene solo il 10% circa di acido acetico, per cui impiegherà molto tempo per rimuovere lo zinco dal metallo galvanizzato. Per accelerare questo processo, è possibile utilizzare l'acido muriatico, che è possibile acquistare presso i rivenditori di materiale edilizio. L'acido muriatico è una soluzione che contiene circa il 25% di acido cloridrico, per cui scioglierà più velocemente lo zinco, ma bisogna evitare di respirarlo e di farlo entrare a contatto con la pelle.

45

Preparazione dell'area di lavoro

Se si utilizza l'acido muriatico, è necessario assicurarsi di eseguire l'intero lavoro in un ambiente ben ventilato, preferibilmente all'aperto. Inoltre, è opportuno indossare anche un paio di guanti per proteggere la pelle e tenere sempre a portata di mano dell'acqua o dell'ammoniaca nel caso in cui sia necessario neutralizzare rapidamente l'acido versato accidentalmente. Mettere la soluzione acida in un contenitore con un coperchio ed immergere l'oggetto per alcuni minuti, dopodiché asciugarlo bene.

Continua la lettura
55

Applicazione dell'aceto o dell'acido muriatico

Applicare l'aceto, o l'acido muriatico, sul metallo galvanizzato utilizzando un pennello se si tratta di un piccolo oggetto, o uno spruzzatore se l'oggetto da ossidare è di grandi dimensioni. Se si lavora con l'acido muriatico, è consigliabile utilizzare un pennello o uno spruzzatore a buon mercato che si può gettare via dopo l'uso. Se invece si utilizza l'aceto, è necessario lasciarlo agire sempre per un'intera notte; mentre l'acido muriatico impiegherà circa un'ora. Trascorso il tempo necessario, rimuovere la sostanza ossidante dalla superficie metallica: se si utilizza l'aceto, pulire il metallo con acqua, mentre l'acido muriatico va rimosso con l'ausilio dell'ammoniaca. Fatto ciò, lavare l'oggetto metallico con l'acqua.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come ossidare il rame verde

Ci sono vari metodi per ossidare e di conseguenza cambiare colore al rame. A differenza del ferro che quando si ossida comincia a diventare ruggine, il rame invece reagisce formando una patina sulla superfice a cui seguirà il cambiamento di colore. L'esempio...
Materiali e Attrezzi

Come Traforare Le Fasce Di Metallo In Gioielleria

In questa guida parliamo di un'arte, quella della gioielleria, che è affascinante ma anche molto complessa e impegnativa; in particolare illustrerò la tecnica della traforazione del metallo. Per traforare le fasce di metallo in gioielleria è necessario...
Materiali e Attrezzi

Come usare il fissante per vernice metallo

Può capitare a tutti di avere oggetti che necessitano di un piccolo restauro. L'usura del tempo o delle intemperie rovinano la superficie e spesso la struttura stessa di un oggetto. Questo accade, in particolare, sulle coperture in vernice. Nel caso...
Materiali e Attrezzi

Come trattare oggetti di metallo

Gli oggetti di metallo sono tra gli oggetti più belli e delicati che esistano. La loro bellezza è sempre in grado di impreziosire una casa, grazie al loro aspetto grazioso ed elegante. Tali oggetti possono anche essere molto funzionali, soprattutto...
Materiali e Attrezzi

Come rimuovere l'ossidazione dal metallo antico

Rimuovere la ruggine dal metallo antico è una procedura semplice ed immediata. Il processo di ossidazione, infatti, deriva dalla reazione del metallo in presenza di ossigeno ed umidità. L’ossidazione provoca una lenta corrosione, usurando lentamente...
Materiali e Attrezzi

Come rimuovere la gomma vulcanizzata dal metallo

La vulcanizzazione è un processo al quale vengono sottoposte sia le gomme naturali che quelle artificiali, al fine di migliorarne le prestazioni. Questa pratica industriale mira infatti ad incrementare gli indici di elasticità e di termostabilità dei...
Materiali e Attrezzi

Come lavorare i bordi di rifinitura del metallo

Se in casa amiamo eseguire dei lavoretti, e quindi senza affidarci a dei professionisti, per ottenere un lavoro perfetto, è necessario seguire però alcune linee guida specifiche atte a massimizzare il risultato. Se dunque abbiamo praticato dei tagli...
Materiali e Attrezzi

Come applicare la resina epossidica sul metallo

La resina epossidica è una colla molto particolare che si ricava dall'utilizzo di due componenti, appunto una resina che fa da collante e di un indurente. Il rapporto può che si utilizza per la miscelazione può variare da marca a marca, ma di solito...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.