Come ottenere il nitrato di potassio

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Il nitrato di potassio trova utilizzo ancora oggi nella produzione di fertilizzanti. È tipicamente prodotto dalla combinazione di cloruro di potassio e nitrato di sodio; per un lungo periodo di tempo, però, è stato prodotto con materia organica in decomposizione come lo sterco o l'urina. È tutt'ora possibile creare il nitrato di potassio alla vecchia maniera, ma prima di iniziare tenete presente che è un lavoro che richiede molto tempo. Inoltre, il prodotto finale, in determinate circostanze, può comportare rischi per la sicurezza. Ma vediamo insieme come ottenere il nitrato di potassio.

26

Temperatura inferiore ai venti gradi

Il nitrato di potassio o salnitro è uno degli ingredienti principali della polvere da sparo, famosa già nel Medioevo come arma da guerra, finché la polvere senza fumo la sostituì tra la fine del diciannovesimo secolo e l'inizio del ventesimo. Prendete una pentola di acciaio con dell'acqua a temperatura inferiore ai venti gradi e aggiungeteci il nitrato di ammonio e il potassio a granuli. Occorre mescolare a fondo, affinché il composto si sciolga completamente.

36

Salita della temperatura

Mettete la pentola in frigo e lasciatela raffreddare fino a quando il nitrato di potassio si cristallizza, dopodiché stendete i cristalli di potassio su un pezzetto di stoffa di nylon e schiacciateli leggermente per ridurli a scaglie. Trasferiteli in una ciotola di plastica, aggiungete del ghiaccio tritato e rimettetelo nella scodella bassa. Riversateli di nuovo sul tessuto di nylon e, utilizzando dei guanti, modellateli a forma di palla, lasciandoli poi asciugare per una notte intera. A questo punto aggiungete gradatamente altro potassio (un piccolo pugno per volta), e continuate a mescolare fino a consumarlo del tutto. La temperatura del liquido, dapprima di venti gradi, tende a salire fino a circa trenta gradi a seguito della reazione chimica tra i due nitrati. Trasferite la pentola su un fornellino elettrico e riscaldatela delicatamente per circa venti minuti, quando il termometro segna una temperatura intorno ai centocinque/centotto gradi.

Continua la lettura
46

Evaporazione

La miscela tra i due nitrati genera ammoniaca che scaldandosi tende ad evaporare. Una volta che si è dissolta completamente nell'aria (usate una mascherina), spegnete il fornello elettrico e lasciate raffreddare la pentola con il liquido ottenuto. Quando la miscela ha raggiunto la temperatura ambiente, analizzatene il PH che dovrebbe risultare con un grado di acidità intorno al valore di otto.

56

Aggiunta di aceto

A questo punto aggiungete l’aceto utilizzando un contagocce, fino a quando il PH non si stabilizza intorno al valore acido PH 6. Lo scopo di questa operazione è quella di eliminare le impurità che sono state sciolte nel liquido. Il nitrato di potassio ora è pronto, ma occorre fare molta attenzione perché è altamente infiammabile, ed in grado di bruciare proprio come la polvere da sparo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come accendere il fuoco usando l'acqua

Acqua, terra, fuoco e aria. I quattro elementi su cui si basa il ciclo naturale della vita. Appaiono distanti fra loro, ma sono più legati di quanto possa sembrare. Difatti, grazie ad alcune semplici reazioni chimiche, è possibile ottenere una palla...
Altri Hobby

Come estrarre oro dalle CPU

Molte componenti del nostro PC contengono materiali molto importanti come l'oro. Uno tra questi è la CPU. In particolare, l'elemento viene utilizzato sui perni e sulle piastre di montaggio degli stampi del processore. Inoltre, i piccoli fili che collegano...
Altri Hobby

Come identificare le monete antiche cinesi

Se siete degli appassionati di storia antica o se semplicemente avete ritrovato una vecchia moneta e volete sapere a che periodo appartiene allora siete capitati sulla guida giusta. Oggi infatti vi parleremo delle antiche monete cinesi. In particolare...
Altri Hobby

Come creare un paesaggio natalizio in un barattolo di vetro

Come ogni anno, la magia del Natale tinge di mille colori il grigio cuore dell'inverno. Un tocco leggero che di colpo illumina le strade, fa scintillare le vetrine dei negozi e rende le nostre case più accoglienti. Perché allora non lasciarci ispirare...
Altri Hobby

Come creare un fumogeno colorato

Un fumogeno colorato è un dispositivo capace di sprigionare una certa quantità di fumo una volta che viene attivato, motivo per cui viene utilizzato in caso di sommosse e per fare giochi pirotecnici. Esso genera una potenza ed una quantità di fumo...
Altri Hobby

Come realizzare delle lanterne volanti

Le lanterne volanti sono degli oggetti che possono creare giochi di luce davvero molto interessanti. Realizzarle non è cosi complicato come si può pensare, poiché basterà un po' di manualità e di passione per il bricolage, senza però creare troppi...
Altri Hobby

Come riutilizzare i gherigli delle noci

I gherigli delle noci vengono spesso impiegati in cucina per la preparazione di ricette dolci e salate, oltre che come orpelli organici capaci di incorniciare voluttuose composizioni gastronomiche. Il loro consumo rappresenta un beneficio per la salute,...
Altri Hobby

Come fare delle piccole sculture di sapone

Il sapone è generalmente un sale di sodio o di potassio di un acido carbossilico alifatico a lunga catena; viene prodotto e usato per sciogliere le sostanze grasse nei processi di pulizia. Si prepara per mezzo di un processo denominato saponificazione,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.