Come ottenere la lana cotta

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La lana cotta viene usata principalmente per tessuti di grosso spessore, caldi e compatti. Questo procedimento viene ottenuto tramite la follatura, ovvero il processo che tende a restringere i tessuti in lana fino al 30%. In casa vostra è possibile eseguire la procedura attraverso due metodi, con e senza la lavatrice. Continuate a leggerci per capire come poter ottenere la lana cotta.

26

Occorrente

  • Lana
  • 2 pentole
  • Lavatrice
36

Per il primo metodo, quello che non necessità l'utilizzo della lavatrice, dovrete procurarvi due pentole di dimensioni abbondanti, capaci di contenere la lana che desiderate follare. Iniziate prendendo una delle pentole, riempitela con dell'acqua, solo la metà, e quindi mettetela sul fornello e aspettate finché non inizia a bollire. Ora dovete immergere il vostro capo in lana avendo cura di farlo ricoprire completamente d'acqua. Lasciate bollire il capo di lana e nel frattempo muovetelo con una mestola di legno, fino a raggiungere lo spessore e la consistenza desiderata.
Quando avrete ottenuto il grado di follatura desiderata, togliete il capo dalla pentola contente l'acqua calda, e mettetela nella seconda pentola insieme a dell'acqua fredda.

46

Successivamente scolate il capo cercando di togliere l'acqua assorbita da esso in eccesso. Evitate di strizzarlo in quanto al momento si trova in uno stato delicato. Si consiglia invece di stenderlo su di un asciugamano, successivamente arrotolarlo, e quindi torcerlo con massima delicatezza possibile. Se necessario ripetete l'operazione diverse volte.
Quindi, mettete il vostro capo di lana sopra a un asciugamano asciutto, dategli la forma che desiderate, e infine lasciatelo asciugare.
Se il risultato finale non è di vostro gradimento, non preoccupatevi, potete ripetere l'intero processo senza problemi.

Continua la lettura
56

Invece il secondo metodo, quello che prevede l'utilizzo della lavatrice, concettualmente è simile a quello precedente con le due pentole. Iniziate mettendo la lana in lavatrice e effettuando un primo lavaggio a 60° C, e successivamente, subito un lavaggio a freddo. Con questo procedimento le fibre di lana si restringeranno come nel procedimento delle pentole.
Come nel caso precedente anche qui potete ripetere il procedimento quante volte desiderate per ottenere il risultato voluto. Se volete amplificare l'effetto della follatura, potete mettere nella lavatrice un oggetto abbastanza duro come una scarpa.
Una volta che avete finito con la lavatrice, per asciugarla seguito l'esempio descritto nel paragrafo riguardante il metodo con le due pentole. Ricordatevi sempre di evitare di stringere troppo e torcere con delicatezza l'asciugamano.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se l'effetto finale non è quello desiderato potete ripetere l'intero procedimento

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come utilizzare la lana d'acciaio

La lana d'acciaio è uno strumento molto utile e versatile. I campi di applicazione sono tantissimi ma viene principalmente utilizzata nel fai da te per lucidare mobili o levigare superfici. La lana d'acciaio, comunemente detta retina o anche paglietta,...
Materiali e Attrezzi

Come infeltrire la lana

Si chiama "felting" o "fulling" il processo per infeltrire la lana, ed ottenere un materiale compatto e morbido, perfetto per la realizzazione di spille, borse, cappelli e pantofole. Tuttavia, in commercio è disponibile in pannelli pronti, già lavati...
Materiali e Attrezzi

Come costruire pupazzi con lana e polistirolo

Spesso prima delle feste di Natale si tende ad acquistare oggetti decorativi. Questi serviranno per decorare la casa. Ovviamente senza prendere in considerazione l'eventualità di realizzarli con il fai da te! Infatti, osservandoli ci si rende conto...
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare la lana di roccia

La lana di roccia è un materiale di origini vulcaniche. Tra le sue peculiarità più importanti vanno annoverate in particolare le qualità fonoassorbenti e quelle isolanti, dovute alla sua singolare struttura a celle aperte. Oltre a ciò essa ha la...
Materiali e Attrezzi

Come fissare la lana di roccia al muro

La lana di roccia è un particolare silicato amorfo che si ricava dalla roccia; esso viene utilizzato in edilizia per coibentare le pareti. L’isolamento termico e acustico che si realizza con questo tipo di copertura prevede costi abbastanza contenuti....
Materiali e Attrezzi

Come tagliare i pannelli di lana di roccia

Combattere l'umidità nelle case è diventata sempre di più una priorità, e le operazioni non riguardano soltanto il fattore estetico; infatti, isolare una parete umida che genera macchie di verderame, significa anche salvaguardare la salute delle...
Materiali e Attrezzi

Come isolare con la lana di vetro

Chi abita in una casa molto antica, magari risalente a quaranta o anche cinquanta anni fa, può riscontrare il problema di un'umidità ed un freddo continuo, pur se la casa è riscaldata. Questo perché in passato per risparmiare, le abitazioni non venivano...
Materiali e Attrezzi

Come calibrare un termometro per la carne

Un termometro per la carne è uno dei cosiddetti termometri alimentari, ed è utilizzato appunto per misurare la temperatura della carne, così da poterla cuocere perfettamente. Uno strumento molto utile sopratutto per cotture e arrosti particolari che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.