Come ottenere talee di sedum

Tramite: O2O 25/03/2017
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il Sedum è una pianta che si compone di oltre seicento specie ed appartiene alla famiglia delle Crassulaceae. Si tratta di un esemplare che proveniente sia da regioni con clima freddo che caldo sopporta bene qualsiasi temperatura. Il Sedum strutturalmente si presenta con un fusto lineare che comprende foglie rotonde, ovali oppure verticali. I fiori invece sono singoli su ogni cespo con una forma tipica a grappolo. Per coltivarla è abbastanza semplice per cui nei passi successivi di questa guida ci sono alcuni consigli utili su come massimizzare il risultato ed ottenere anche le talee.

26

Occorrente

  • Sabbia
  • Torba
  • Cesoie
36

Proteggere la pianta con dei teli

La maggior parte di queste piante resistono molto bene a temperature rigide anche intorno ai -15°C, ma tuttavia è importante proteggerle con dei teli trasparenti per evitare che il ghiaccio depositato, possa far cristallizzare i fiori e le fogli con conseguente sbriciolamento e quindi perdita totale del pianta stessa.

46

Tagliare gli apici degli steli

I Sedum si coltivano all?aperto con un terreno decisamente fertile, ma soprattutto con un perfetto drenaggio. Le specie più delicate vanno tuttavia coltivate in un mix a base di terriccio grasso, con l'aggiunta di ghiaia e foglie, ed in una zona abbastanza arieggiata. Le specie di sedum di tipo perenni si possono moltiplicare anch'esse per talea oppure per divisione, operazione questa da effettuare verso la fine della stagione primaverile. Tutte le altre specie si moltiplicano invece con talee ricavate direttamente del fusto oppure con germogli. Le talee di Sedum in genere si ricavano in un modo abbastanza semplice; infatti, basta tagliare gli apici degli steli ad una lunghezza di circa 10 centimetri, dopodiché bisogna attendere il tempo necessario affinché avvenga la cicatrizzazione. In questo caso per maggior sicurezza, è opportuno usare della resina naturale proveniente da altri alberi, in modo da scongiurare infezioni. Quando ciò avviene si può poi piantate la talea in un mix a base di terriccio, torba sminuzzata e sabbia.

Continua la lettura
56

Eseguire un'abbondante pacciamatura

Il vaso contenitore va successivamente esposto in una zona all'ombra, fin quando non appaiono o dei nuovi getti che confermano l'avvenuta radicazione. Per massimizzare il risultato conviene tuttavia eseguire un'abbondante pacciamatura sulla superficie del terriccio, coprendola del tutto ed utilizzando delle foglie secche, oppure applicando semplicemente delle tavolette di torba, in modo da rendere la pianta maggiormente impermeabile all'umidità, e quindi creare le condizioni ottimali per la la fioritura delle talee.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come preparare il terriccio per le talee

Per qualsiasi tipo di pianta è necessario preparare adeguatamente il terriccio, e a seconda della specie renderlo ben drenato. Questa condizione è specifica per piantare le talee, che necessitano di una costante umidità del suolo per propagarsi. In...
Giardinaggio

Come moltiplicare le piante da talee di fusto

Molte piante possono essere moltiplicate per talee di fusto, il periodo più indicato è quello estivo in quanto le alte temperature favoriscono la radicazione delle talee. Se in casa si possiedono delle piante da appartamento verdi, come la Euonymus...
Giardinaggio

Come preparare le talee legnose

La talea è un particolare metodo di riproduzione delle piante, in quanto, sono dotate di ottime capacità riproduttive. Questo metodo comporta l’utilizzo di un fusto, di un ramo, di una radice o anche solo di una foglia e, il procedimento, avviene...
Giardinaggio

Come fare talee di rosa

Il fiore che più di tutti è presente nei giardini e nei balconi è certamente la rosa. Alcune specie di rose vengono coltivate all'interno di aiuole per creare un contrasto di colore, altre invece sono sfruttate per creare pergolati o in alternativa...
Giardinaggio

Come preparare le talee semilegnose

Quando abbiamo un impianto floreale in un giardino, ed intendiamo riprodurre qualche esemplare a cui teniamo in modo particolare, possiamo adottare la cosiddetta tecnica per "talea". Si tratta di un metodo che consente di moltiplicare una pianta prelevando...
Giardinaggio

Come fare le talee per le piante grasse

La riproduzione vegetativa è un tipo di riproduzione che permette di ottenere da una pianta originaria, detta pianta madre, altre piante "figlie", in tutto e per tutto uguali a quella di partenza: ciò presenta un indubbio vantaggio quando, per esempio,...
Giardinaggio

Come moltiplicare le piante con le talee di foglia

Volete un giardino molto più ampio o una balconata più ricca delle vostre piante preferite? Il giardinaggio richiede tempo, fatica e molta pazienza, curare ogni pianta è sinonimo di impegno ed attenzione, esiste però un metodo molto semplice e soprattutto...
Giardinaggio

Come realizzare un giardino alpino

Con il termine di giardino alpino si intende una parte di terreno in cui coltiviamo piante alpine e fiori che si possono solitamente ammirare nei boschi di montagna, sui prati e sui pascoli, nei ghiaioni, fino ai contrafforti rocciosi. Per prima cosa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.