Come pacciamare il giardino con gli aghi di pino

Tramite: O2O 22/02/2020
Difficoltà: media
17
Introduzione

Ogni terreno deve sempre essere protetto dall'erosione e dai vari fenomeni atmosferici che provocano una crosta nella sua superficie, oltre alla crescita di erbacce che si potrebbero evitare se si attuasse un'operazione di giardinaggio particolare, ricoprendo il suolo con uno strato di componenti vegetali e non. In questa utilissima guida vi spiego in parole semplici come pacciamare il giardino con gli aghi di pino, un materiale naturale ed economico oltre che molto valido. Buona lettura a tutti!

27
Occorrente
  • Aghi di pino
  • Barba di mais
  • Alcalinizzante per terreno
  • Sminuzzamenti vegetali
37

Miscelare gli aghi

Sono davvero tanti i materiali che si prestano ottimamente per la tecnica della pacciamatura e molto spesso non si impiega una sola materia ma la combinazione di tante, possibilmente organiche e dunque legnose ed erbacee, ricavate da sminuzzamenti di piante coltivate nei terreni limitrofi. Talvolta viene usata la potatura, una tecnica antichissima conosciuta da tutti i contadini che praticata in determinati periodi dell'anno serve a migliorare la forma e la robustezza dei vegetali. È importante puntualizzare che la pacciamatura si può anche attuare tramite teli pacciamanti in film bioplastici o sintetici. Questa tecnica viene sempre più utilizzata sia per la sua praticità che per la sua efficacia. Una novità sta prendendo piede ultimamente: si tratta di un particolare tipo di teli di origine naturale, che vengono fabbricati usando come materia prima la cosiddetta barba delle pannocchie di mais, dopo una lunga lavorazione destinata a ricavare dei filamenti molto robusti che proteggono le piante dal freddo e da ogni problema in modo molto efficace. Tuttavia alcuni agricoltori preferiscono ancora adesso usare i teli sintetici per pacciamare, anche se sono meno economici. Se scegliete la tecnica della pacciamatura naturale potete agevolmente utilizzare gli aghi di pino, una materia molto facile da trovare e molto valida per raggiungere lo scopo, cioè proteggere efficacemente il terreno. In questo caso è possibile mescolare gli aghi di pino con la barba di mais, poiché questi due elementi agiscono simultaneamente, rinforzando ognuno la funzione dell'altro.

47

Alcalinizzare la terra

Fatta questa piccola e doverosa precisazione è molto importante capire come ricoprire il giardino con gli aghi di pino creando una pacciamatura combinata, in modo da evitare esuberi di acqua ed intrusioni nocive, per far crescere in maniera sana l'intera vegetazione. Poiché gli aghi di pino provocano cambiamenti della terra rendendola acida, con un PH molto basso, è importante alcalinizzare il terreno quando si procede ad eseguire la pacciamatura. Per raggiungere lo scopo dovete acquistare un prodotto apposito da mescolare agli aghi di pino: lo potete trovare in ogni buon negozio di giardinaggio. Leggete molto bene le istruzioni presenti sulla confezione e non eccedete mai nella quantità, per non rischiare di ottenere l'effetto opposto.

Continua la lettura
57

Aggiungere gli sminuzzamenti

Gli aghi di pino, pur essendo utilissimi per la pacciamatura, da soli soffocherebbero il terreno ed ecco perché è importante attuare una pacciamatura mista grazie all'utilizzo di altri componenti naturali come le foglie di altre piante, la paglia e tutti i vari pezzetti e sminuzzamenti vegetali che si ricavano dalla potatura delle diverse coltivazioni. Tutti questi elementi devono essere mescolati insieme al prodotto alcalinizzante, e la proporzione deve essere la seguente: 50% aghi di pino, 20% barba di mais, 30% di sminuzzamenti vegetali misti. Queste sono le quantità ideali per ottenere un buon risultato. Gli aghi di pino, così come gli sminuzzamenti, devono ricoprire il terreno per almeno trenta centimetri.

67

Arieggiare il terreno

Vi suggerisco di utilizzare l'erpice a mano, in modo da stendere perfettamente il tutto in superficie, poiché il terreno, leggermente smosso, risulta ben arieggiato. È molto importante non avvicinarsi troppo al fusto di ogni vegetale piantato per evitare che possano sopraggiungere infezioni fungine. Dovete anche sapere che esistono piante che hanno bisogno di crescere in terreni acidi, come le ortensie, i mirtilli, le fragole, i frutti di bosco, le eriche ed i lamponi, ed in tal caso è possibile attuare la tecnica con i soli aghi di pino, utilizzando in più dei fondi di caffè, considerati perfetti acidificanti. La decomposizione degli aghi di pino non avviene in poco tempo ed io vi consiglio di toglierli appena avete terminato il raccolto, poiché la maggior parte degli ortaggi ha bisogno di calcio e quindi non risulta molto adatta a restare a lungo in contatto con un terreno acido, dato che esso impedisce a questo minerale di formarsi. Per terminare, vi ricordo che la pacciamatura in generale si esegue ricoprendo un'area pari all'estensione dell'apparato radicale.

77
Consigli
Non dimenticare mai:
  • Potete aggiungere agli aghi di pino dei gusci di noci o nocciole, per migliorare ulteriormente la protezione del terreno
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
Potrebbe interessarti anche
Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come piantare un pino

Il pino è un albero straordinario in grado di abbellire e arricchire degli ampi spazi, e vederlo crescere è davvero meraviglioso. Questo esemplare di tipo sempreverde appartiene alla famiglia delle Pinaceae e si contraddistingue in circa 120 specie....
Giardinaggio

Come potare il pino

Gli alberi di pino sono tra i pochi che non richiedono cure particolari e possono crescere anche in condizioni di terreno non ottimali. Tuttavia la potatura è necessaria, per cui bisogna effettuarla correttamente, eliminando tutto ciò che si è essiccato,...
Giardinaggio

Come coltivare un pino marittimo

Il pino marittimo è tipico del mediterraneo e può essere coltivato con estrema facilità anche da chi è meno esperto nel campo. Esso si sviluppa notevolmente e dà grandi soddisfazioni a chi lo coltiva. Il suo caratteristico profumo resinoso è in...
Giardinaggio

Come combattere la processionaria del pino

I pini sono degli alberi bellissimi, che abitano la maggior parte delle campagne italiane, e non è infrequente trovarli come alberi nei giardini di ogni villetta. Purtroppo però questo splendido albero è abitato periodicamente da alcuni piccoli animaletti...
Giardinaggio

Come potare le giuggiole

Le giuggiole sono delle piante a foglia appartenenti alla famiglia delle Rhamnacee e, come tutte le piante, anche queste hanno bisogno di occasionali operazioni di potatura e manutenzione. La potatura, in particolare, è uno dei più semplici e più efficaci...
Giardinaggio

Come eliminare le erbacce e foglie secche dal vostro giardino

Nel nostro giardino troviamo, quasi sempre, delle erbacce stagionali e molte foglie secche che cadono abbondantemente dagli alberi, specialmente durante il periodo autunnale, ricoprendo prati e pavimentazioni e rendendo in questo modo l'estetica dell'ambiente...
Giardinaggio

10 piante da mettere in un giardino giapponese

Se si ama lo stile orientale, si può disporre un giardino giapponese. In tal caso occorrerà tanta passione per le piante ed uno spazio verde. Non è necessario che l'area disponibile sia molto grande. Infatti il giardino giapponese prevede tradizionalmente...
Giardinaggio

10 piante da mettere in un giardino zen

Sempre più di moda stanno diventando i giardini zen: chiunque abbia spazio ed ami la cultura orientale non potrà non farsi affascinare da un giardino zen. Sinonimo di pace e relax, non si tratta solo design e di stile, ma di una vera filosofia, dove...