Come piantare i cavolini di bruxelles

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

I Cavolini di Bruxelles sono ortaggi diffusi nel nord Europa, dove il clima è idoneo alla loro coltivazione. Dal punto di vista nutrizionale sono una riserva di vitamina C e retinolo, fondamentali nelle stagioni più fredde in cui non sono a disposizione altri prodotti con le stesse caratteristiche. Inoltre contengono antiossidanti, fibre e in quantità minore potassio e ferro. Coltivarli durante la stagione estiva non permette lo sviluppo del duro involucro che ne caratterizza la consistenza e richiedono un lungo periodo di maturazione, infatti questo ortaggio dà il meglio se matura durante la stagione invernale. Per tutti questi motivi si consiglia come momento migliore per piantare i semi l'inizio di giugno, in modo da arrivare a maturazione prima delle gelate invernali.

26

Occorrente

  • semi (cavolini di Bruxelles)
  • terreno da coltivare (in alternativa vaso)
  • composto organico
  • fertilizzante a basso contenuto di azoto
36

Di fondamentale importanza è scegliere un posto fertile, con una buona idratazione del terreno, assolato durante il giorno. Fatto ciò passiamo alla pratica, verso l'inizio del mese di maggio lavora il terreno fino a 15 cm di profondità e poi copri con circa 5 cm di composto organico, questo consentirà ai cavolini di crescere con le sostanze nutritive necessarie. Il valore di Ph ideale deve essere compreso tra 6.5 e 7.

46

Due settimane prima di piantare i cavolini poni del fertilizzante con basso contenuto di azoto tutto intorno alla zona da coltivare, non scavare per far penetrare il composto in profondità. Pianta infine i cavolini a 2 cm di profondità distanziandoli tra loro di circa 3-4 cm. Innaffia l'area uniformemente ma non in modo esseccivo, senza impregnare il terreno. In questo modo i semi germineranno in 4-7 giorni. Controlla giornalmente se la coltivazione necessita di essere annaffiata.

Continua la lettura
56

Appena i rami iniziano a crescere e a toccare il terreno, taglia i più sottili e mantieni il terreno sempre umido. Quando le piantine avranno raggiunto l'altezza di circa 15 cm usa nuovamente il composto organico a basso contenuto di azoto. Come detto precedentemente, i cavolini di bruxelles sono ricchi di sostanze nutrienti ma se ricevono troppo azoto o se vengono fertilizzati oltre il periodo di crescita della pianta non riescono a sviluppare nel modo corretto la loro struttura perdendo le proprie caratteristiche nutritive e organolettiche. Arrivato il periodo della maturazione, raccogli i cavolini dal basso verso l'alto in modo da favorire la maturazione di quelli sull'apice della pianta favorendo una maggiore areazione. Se non possiedi un terreno da coltivare possiamo piantare i cavolini anche in vaso, meglio se condiviso con altri ortaggi che doneranno l'ombra giusta nel periodo più caldo o con piante aromatiche che allontano gli insetti nocivi per la salute della pianta. Dopo la raccolta non resta che mangiarli!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Mantenere il suolo umido e areato

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare il cavolo di Bruxelles

I cavoletti di Bruxelles sono i germogli ascellari dalla forma globulare di una varietà di Brassicacea che appartengono alla famiglia dei cavoli, ovvero alla parte edule della pianta: essi crescono alla base delle foglie principali e sono composte da...
Giardinaggio

Gli ortaggi da piantare a inizio primavera

Se avete un orto ed intendete coltivare determinate specie di ortaggi, è importante saper distinguere quelli che si possono piantare ad inizio primavera. Il calendario della semina infatti, prevede delle regole ben precise per quanto riguarda la coltivazione...
Giardinaggio

Cosa piantare nel giardino in inverno

Anche in inverno il giardino mantiene una sua bellezza se corredato delle piante giuste. Inoltre i mesi invernali sono quelli in cui il giardino va curato di più e vanno piantati i semi per la fioritura primaverile. Novembre è il mese indicato per piantare...
Giardinaggio

Come piantare nel terreno un ramoscello di un albero o pianta

In questo articolo vogliamo aiutarvi a capire in che modo poter piantare nel terremo un ramoscello di un albero o pianta, con le nostre mani e nel modo più naturale possibile. Se nel caso avessimo tagliato un ramoscello di un albero o di una pianta e...
Giardinaggio

10 bulbi da piantare in autunno

Avere un giardino ricco di fiori non è molto facile, bisogna conoscere bene il calendario della semina, studiare il tipo di pianta o bulbo che si vuole piantare. Generalmente la preparazione della fioritura primaverile avviene proprio in autunno, periodo...
Giardinaggio

Come Piantare una rosa

La rosa è senza dubbio una delle varietà di fiori più conosciuta al mondo. Solitamente, viene utilizzata come pianta ornamentale nei giardini, nelle aiuole, oppure più semplicemente, come decorazione per la casa. Tuttavia, prima di piantare una rosa,...
Giardinaggio

Come piantare i bulbi di cipolla

Le cipolle rappresentano un ortaggio indispensabile in cucina, pertanto non può mancare in un orto domestico un'aiuola dedicata alla loro coltivazione. In genere, due sono i modi per piantare le cipolle: usando i bulbi o i semi di cipolla. Appare preferibile...
Giardinaggio

Guida ai fiori da piantare in autunno

Nella seguente guida vogliamo far comprendere al meglio quali sono i fiori da piantare durante l'autunno. In questo modo il nostro giardino o balcone diventa veramente affascinante e colorato. La stagione autunnale fa da apertura al freddo inverno. Questo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.