Come piantare la canna da zucchero

Tramite: O2O 14/07/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

La canna da zucchero è una pianta che appartiene alle graminacee e necessita di un clima caldo e umido: i mesi in cui avviene il primo trapianto vanno, infatti, da giugno a luglio, durante i quali l'irrigazione deve essere abbondante. L' origine geografica della cDai residui dello zucchero, dopo lo schiacciamento della canna che lo produce, si ottiene per distillazione il rhum, un liquore alcolico. Piantare la canna da zucchero è semplice poiché la sua riproduzione avviene per talea, ossia attraverso pezzi di canna già sviluppati e messi in terra. Ecco come fare.

26

Tagliare i primi fusti

Dalla parte principale della canna che rimane sotto terra, partono i fusti che si sviluppano fuori dal terreno e possono raggiungere anche i sei metri d'altezza. Tali fusti hanno una forma cilindrica e hanno circa sette centimetri di diametro. Per la sua lavorazione, fino ad ottenere lo zucchero, devono passare più di due anni e mezzo durante i quali la canna cresce e, dopo un anno e mezzo, vengono tagliati i primi fusti, poi fatta ricrescere e dopo ancora un anno viene tagliata per la lavorazione.

36

Posizionare le talee

All'interno delle canne, lo zucchero si presenta sotto forma di succo che, con la lavorazione industriale, si trasforma in cristalli, così come si trova nei supermercati. Lo zucchero di canna biologico ha una colorazione scura tendente al marrone mentre invece quello bianco che si usa comunemente è il risultato di un processo di sbiancamento che ha subìto quello grezzo della canna stessa. La vita di una canna da zucchero dura per almeno sette oppure otto cicli di produzione e il procedimento di trapianto rimane sempre lo stesso. È molto importante sapere che le talee o il primo impianto devono essere posizionati su zolle di terra che permettano di assorbire una notevole quantità di acqua. La distanza tra una canna e l'altra deve essere di almeno un metro e mezzo.

Continua la lettura
46

Raccogliere lo zucchero

Proprio in questo ultimo processo, in cui vengono tagliati i fusti, si devono raccogliere le talee e trapiantarle. Dopo circa due mesi nasceranno i primi germogli e dopo ancora un mese e mezzo quelli secondari che partono dai fusti. Ogni estate successiva dopo il primo ciclo di produzione, la canna può essere lavorata, e proprio nel primo caldo estivo si ottiene la maggior concentrazione di zucchero. La sua lavorazione deve essere immediata, appena tagliata la canna, altrimenti la quantità di zucchero diminuisce. Attualmente i maggiori produttori di canna da zucchero sono gli asiatici e, in Europa, gli spagnoli. In Italia le regioni in cui si potrebbero coltivare le canne da zucchero sono la Calabria e la Sicilia ma in queste regioni si tende a coltivare più la barbabietola da zucchero.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

come coltivare la canna indica

Avete un balcone o un giardino da decorare ma non sapete quale pianta utilizzare? Eccovi la soluzione. Coltivare la canna indica è semplice e soddisfacente; riempirà in breve tempo il vostro giardino o il vostro balcone con fiori dalle diverse tonalità...
Giardinaggio

I fiori da piantare a inizio primavera

La primavera è la stagione in cui i fiori rinascono e l'aria si profuma e si colora di nuovo; inizia il 21 marzo e termina il 21 giugno con l'arrivo dell'estate. In natura esistono diverse specie di fiori, ma non tutti possono essere piantati lo stesso...
Giardinaggio

Cosa piantare nel giardino in inverno

Anche in inverno il giardino mantiene una sua bellezza se corredato delle piante giuste. Inoltre i mesi invernali sono quelli in cui il giardino va curato di più e vanno piantati i semi per la fioritura primaverile. Novembre è il mese indicato per piantare...
Giardinaggio

Come piantare i bulbi di cipolla

Le cipolle rappresentano un ortaggio indispensabile in cucina, pertanto non può mancare in un orto domestico un'aiuola dedicata alla loro coltivazione. In genere, due sono i modi per piantare le cipolle: usando i bulbi o i semi di cipolla. Appare preferibile...
Giardinaggio

Guida ai fiori da piantare in autunno

Nella seguente guida vogliamo far comprendere al meglio quali sono i fiori da piantare durante l'autunno. In questo modo il nostro giardino o balcone diventa veramente affascinante e colorato. La stagione autunnale fa da apertura al freddo inverno. Questo...
Giardinaggio

Come e quando piantare i bulbi da fiore

Per gli hobbisti del giardinaggio e per tutti coloro che hanno il "pollice verde", piantare i bulbi da fiore è un'attività indiscutibile: i più famosi sono quelli che si coltivano in autunno, ma altrettanto noti sono quelli 'estivi'. In commercio è...
Giardinaggio

Come piantare le canne di bambù

Le piante di Bambù appartengono alla famiglia delle Poaceae (Graminaceae). Sono originarie dell'Estremo Oriente e furono introdotte in Europa solo nell'Ottocento. La loro principale particolarità è quella di essere una pianta sempreverde, dalla struttura...
Giardinaggio

5 cose da sapere prima di piantare un albero da frutto

Se nel nostro giardino intendiamo piantare degli alberi, si tratta di un'idea eccellente poiché se ben curati, possono dare dei frutti che compensano i soldi spesi per l'investimento iniziale. Tuttavia, per evitare di commettere errori che potrebbero...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.