Come piantare le piante grasse

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

In questa guida verrà indicato un metodo semplice e rapido che vi permetterà di piantare le piante grasse. Come ben saprete, esse vengono impiegate spesso nelle case, sia negli interni che negli esterni, sia in vaso che in giardino. Queste piante particolari si distinguono da tutte le altre per la presenza di aghi pungenti, forme tondeggianti e per la facilità con cui si riescono a coltivare, sono originarie di luoghi desertici, e proprio per questo necessitano di pochissima acqua. Solitamente non possiedono grandi dimensioni, per cui potrete collocarle in diverse zone delle vostre stanze e dei vostri giardini.

26

Occorrente

  • Un vaso
  • Argilla espansa
  • Terriccio universale
  • Un frammento della pianta
36

Preparazione del vaso

Per prima cosa è necessario preparare adeguatamente il vaso per il trapianto della pianta. Le piante grasse non hanno particolari esigenze, perciò potremmo utilizzare sia un vaso in terracotta che in plastica, a seconda del nostro budget, anche se la terracotta è sempre da preferire. Coprite il fondo del vaso con uno strato di argilla espansa, di circa 1 cm; l'argilla possiede la capacità di drenare il terriccio, ed impedirà il ristagno dell'acqua che danneggerà le radici se troppo concentrata. Dopo aver fatto questo possiamo riempire il vaso di terriccio universale.

46

Inserimento all'interno del vaso

Terminata questa fase potrete cominciare a piantare la vostra pianta. Tutto quello che dovrete fare sarà quello di ottenere una parte della pianta; va bene qualunque parte, un ramo o una foglia; le piante grasse si riproducono in maniera eccellente per talea, e sono capaci di produrre radici molto velocemente. Fate attenzione a posizionarla mantenendola in parte dentro e in parte fuori dal terriccio stesso. Se è il vostro obiettivo è quello di creare una vera e propria composizione, dovrete ripetere il solito metodo in più punti, magari a una certa distanza, nello stesso vaso.

Continua la lettura
56

Cura della fase del radicamento

Dopo aver innestato ogni singolo pezzetto di pianta, ricordate di annaffiare per bene il terriccio. Questa fase dovrà essere eseguita analogamente nei giorni che seguiranno, badando comunque a non versare una quantità eccessiva di acqua, ma sufficiente affinché il terriccio rimanga perfettamente umido. Considerate che queste tipologie di piante possono incorrere in grossi fastidi dovuti al troppo freddo, possono morire molto facilmente con una gelata improvvisa. La crescita, prevede quindi un attento controllo dello sviluppo del corpo della pianta stessa. Nel caso in cui vi stiate occupando di un cactus, si consiglia di eliminare le eventuali foglie morte, in modo tale da garantire una maggiore crescita e sviluppo di quelle nuove. Infine, rinnovate il terriccio periodicamente e cercate di evitare la presenza di inopportuni insetti dannosi per la pianta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come allestire un giardino con piante grasse

La bellezza suggestiva di un giardino curato e in fiore è sempre uno spettacolo capace di sbalordire. Romantici e delicati, i fiori rendono gli open space piacevoli da vivere in ogni periodo dell'anno. Per rendere però il nostro giardino davvero particolare...
Giardinaggio

Come arredare il giardino con piante grasse

Le piante grasse sono tipicamente ornamentali e vengono, perciò, utilizzare largamente per arredare il giardino di casa. Ne esistono di molte specie diverse, e sono quasi sempre mixate tra di loro per creare bellissime composizioni floreali, che ben...
Giardinaggio

Come preparare la terra per piante grasse

Se avete delle piante grasse che vorreste piantare, questa guida fa certamente al caso vostro. Di seguito infatti vi sarà spiegato in maniera lineare come preparare il terriccio adatto per le vostre piante grasse. Tutto ciò che vi serve è la terra...
Giardinaggio

5 regole essenziali per curare le piante grasse

Le piante grasse sono le piante d'appartamento più diffuse. Non solo per le loro forme un po' particolari, ma anche per i colori vivaci e, soprattutto, riescono a sopravvivere anche in ambienti molto caldi. Inoltre, per curare le piante grasse non è...
Giardinaggio

Come proteggere le piante grasse in inverno

Esistono piante che in inverno esigono di una protezione adeguata. Tra le più a rischio troviamo le piante grasse. Una buona disposizione, quindi favorisce un'adeguata protezione per tutta la stagione fredda. Se amiamo coltivare le piante e soprattutto...
Giardinaggio

Come comporre un vaso di piante grasse

Le piante grasse sono amate dai più soprattutto per la loro facilita di coltivazione. Infatti hanno bisogno di poca acqua e, grazie alla loro crescita abbastanza lenta, durano veramente tantissimi anni, addirittura decenni. Ne esistono varie tipologie...
Giardinaggio

Come propagare le piante grasse

Le piante grasse rappresentano la soluzione "green" più adatta per chi vuole un giardino o un terrazzo sempre verde e curato e che non abbia bisogno di molti interventi di manutenzione. Ma occorre far sviluppare le piante nel modo migliore, mediante...
Giardinaggio

Piante grasse: come proteggerle dal freddo

Le piante grasse sono molto decorative ed arredano qualsiasi ambiente donando un tocco esotico alle vostre case. L'unico difetto di queste bellissime piante è che non sopportano le basse temperature. Per questo motivo è necessario adottare alcune precauzioni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.