Come piantare un castagno

Tramite: O2O 14/08/2016
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Ti stai chiedendo come piantare un castagno? Non sai il periodo preciso in cui farlo? In questa guida di indicherò passo dopo passo tutte le istruzioni per piantare il tuo castagno e per ottenere così delle castagne di ottima qualità. Ricordati solo di scegliere la pianta adatta al tuo terreno! Il Castagno è un albero fantastico appartenente alla famiglia delle Fagaceae, una delle specie più rilevanti dell'Europa meridionale.

26

Occorrente

  • terreno acido o sub acido
  • con buona permeabilità privo di ristagni persistenti d'acqua negli strati superficiali
  • precludere zone predisposte a rischio gelate
36

Scegliere i semi

Per prima cosa devi sapere che è buona norma scegliere la pianta di castagno in base alle condizioni del terreno. Per far ciò fatti consigliare dal tuo vivaista di fiducia. Spesso gli alberi di castagno li trovi in vendita sia in vaso che a radice nuda. Ti consiglio vivamente di acquistare quelle in vaso, in quanto sono molto più facili da piantare. Il periodo migliore per piantare il castagno va dall'inizio di marzo alla fine di aprile. Di fatto il castagno apprezza molto ambienti umidi, con temperature miti, tollerando dignitosamente, però, anche temperature più rigide. Puoi prelevare il seme nei boschi, dopo una bella passeggiata, evitando di seminare quelle prese dal supermercato, perché vi è il forte rischio che siano prese da celle frigorifere e per di più siano dell'anno passato. Evitiamo!

46

Scavare una buca nel terreno

La seconda cosa che dovrai fare è quella di scavare una buca di 30-40 cm di profondità in cui andrai a posizionare la pianta di castagno. Insieme al castagno metti anche un paletto di legno che farà da tutore alla pianta. Successivamente riempi la buca con un bel po' d'acqua e aspetta che il terreno l'assorbi tutta. Quando l'acqua sarà completamente assorbita riempi la buca con la terra e comprimila con i piedi.

Continua la lettura
56

Proteggere la pianta e innaffiare regolarmente

Ora la fase di piantagione è finita, ma dovrai stare attento e provvedere a eseguire due successive operazioni, la posa di una protezione contro la selvaggina e potare, se è necessario, i rami troppo vicini al suolo. Ricordati che durante i periodi caldi dovrai innaffiare costantemente la tua pianta in quanto l'assenza di acqua impedisce la crescita della pianta, riducendola ad un cespuglietto, oltre a eliminare le erbacce. In caso ci siano dei tagli sul tronco proteggili con del mastice ai fini di evitare il cancro corticale. Tra i pericoli per il castagno c'è proprio il "cancro della corteccia" che penetra nella corteccia del castagno. Risulta pericoloso anche il "mal d'inchiostro" cioè l'eccesso di umidità dovuto all'accumulo di foglie o altre sostanze organiche attorno al ceppo. Proprio per questo motivo, per la salute del nostro castagno, i ceppi vanno sempre puliti e disinfestati periodicamente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come riconoscere la pianta del castagno

Il castagno è una bellissima pianta. I suoi frutti, le buonissime ed autunnali castagne, sono una gioia per il palato di molti. Un castagno è il simbolo dell'autunno, dei suoi colori caldi e dei suoi profumi accoglienti. Un castagno è una pianta davvero...
Giardinaggio

Come effettuare un innesto ad un castagno

Il castagno, come l'ulivo e la vite, è un arbusto molto diffuso in Italia. Cresce spontaneamente nelle medie altitudini e si sviluppa creando delle zone boscose. Il legno viene ampiamente utilizzato in falegnameria perché abbastanza resistente e leggero....
Giardinaggio

Cinipide del castagno: cos'è e come combatterlo

Il cinipide del castagno è un parassita "importato" dall'estero, minacciando la grande ricchezza dei castagni del "Belpaese", che corrispondono a più di 780.000 ettari nonché al 7,5% dei boschi nazionali. A causa di questo parassita, la produzione...
Giardinaggio

5 alberi mediterranei da piantare in giardino

Un giardino ben allestito è sempre quello dove crescono alberi e fiori di ogni genere. In natura le specie si classificano per ordine, tra cui quella delle zone dove crescono. Appartengono a questa lista anche gli alberi mediterranei. Questi sono un...
Giardinaggio

Cosa piantare nel giardino in inverno

Anche in inverno il giardino mantiene una sua bellezza se corredato delle piante giuste. Inoltre i mesi invernali sono quelli in cui il giardino va curato di più e vanno piantati i semi per la fioritura primaverile. Novembre è il mese indicato per piantare...
Giardinaggio

Come piantare i bulbi di cipolla

Le cipolle rappresentano un ortaggio indispensabile in cucina, pertanto non può mancare in un orto domestico un'aiuola dedicata alla loro coltivazione. In genere, due sono i modi per piantare le cipolle: usando i bulbi o i semi di cipolla. Appare preferibile...
Giardinaggio

Guida ai fiori da piantare in autunno

Nella seguente guida vogliamo far comprendere al meglio quali sono i fiori da piantare durante l'autunno. In questo modo il nostro giardino o balcone diventa veramente affascinante e colorato. La stagione autunnale fa da apertura al freddo inverno. Questo...
Giardinaggio

Come e quando piantare i bulbi da fiore

Per gli hobbisti del giardinaggio e per tutti coloro che hanno il "pollice verde", piantare i bulbi da fiore è un'attività indiscutibile: i più famosi sono quelli che si coltivano in autunno, ma altrettanto noti sono quelli 'estivi'. In commercio è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.