Come piantare un pino

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il pino è una pianta straordinaria in grado di abbellire e arricchire i più estesi spazi. Tuttavia, vederlo crescere, oppure trovarlo già grande nei nostri giardini, non darà altro che un meraviglioso apporto per noi che lo pianteremo. In questa guida, quindi, approfondiremo maggiormente come piantare un pino rispettando quelle che sono le sue esigenze.

26

Occorrente

  • Pino, acqua, forbici, zappa, terreno.
36

La scelta del pino

Il pino è un albero a crescita estremamente lenta, quindi, se dovessimo avere fretta di ripararci sotto alle sue fronde, dovremmo evitare di partire dalla semina e scegliere una pianta che abbia già discrete dimensioni. In secondo luogo va precisato che esistono varietà molto diverse di pini, che ovviamente richiedono differenti tecniche di piantumazione. Ci riferiremo quindi esclusivamente al pino marittimo, spesso coltivato a fini ornamentali grazie alle sue chiome eleganti e al bel portamento. Avere le idee chiare sul tipo di pino che voliamo piantare, agevolerà notevolmente sulla nostra scelta, così da coltivarlo con un'obbiettivo ben preciso e tanto desiderato.

46

La preparazione del pino

Prima di procedere nella nostra operazione, controlleremo bene le radici dell'albero, eliminando quelle danneggiate. Quindi le lasceremo immerse nell'acqua per circa un'ora e, conclusa questa operazione preliminare, solleveremo l'albero sistemandolo bene al centro dello scavo, regolando, cosi, l'altezza del colletto della pianta con l'aggiunta o l'eliminazione di terra.
Fatto ciò, procederemo a riempire la buca con lentezza (per evitare la formazione di bolle d'aria) assestandola con maggiore calma così da non rischiare di comprimerla rovinandole radici capillari. Ricordiamo sempre che il pino necessita di un terreno morbido e spazioso, tenendo questo in mente eviteremo di scavare una buca eccessivamente profonda e stretta, che renderebbe stentato lo sviluppo della pianta. Così facendo, le radici si estenderanno lungo i lati del quadrato assestandosi agli angoli, favorendo, alla fine, lo sviluppo verticale del nostro pino.

Continua la lettura
56

Scegliere il posto adatto

Un'ultima accortezza da prendere in considerazione è quella di scegliere il posto adatto per la crescita e la salvaguardia del nostro pino. Tenendo conto che il pino marittimo predilige le esposizioni soleggiate, vorremmo coltivarlo dove c'è molta luce. I periodi migliori per la piantumazione sono la fine dell'autunno o l'inizio dell'inverno e, per procedere con successo nell'operazione, occorre trattare il terreno predestinato ad accogliere il pino.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prima di piantare un pino, ricordiamo sempre di prendere le giuste distanze da parti in muratura che potrebbero essere danneggiate dalla successiva crescita del pino.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare un pino marittimo

Il pino marittimo è tipico del mediterraneo e può essere coltivato con estrema facilità anche da chi è meno esperto nel campo. Esso si sviluppa notevolmente e dà grandi soddisfazioni a chi lo coltiva. Il suo caratteristico profumo resinoso è in...
Giardinaggio

Come potare gli alberi di pino giapponese

In questa bella guida, che vogliamo proporre a tutti i nostri lettori appassionati del fai da te ed in particolar modo di giardinaggio, vogliamo aiutarli ad imparare e capire, come poter potare gli alberi di pino giapponese, nel migliore dei modi ed in...
Giardinaggio

Come potare il pino

Gli alberi di pino sono tra i pochi che non richiedono cure particolari e possono crescere anche in condizioni di terreno non ottimali. Tuttavia la potatura è necessaria, per cui bisogna effettuarla correttamente, eliminando tutto ciò che si è essiccato,...
Giardinaggio

Come essiccare gli aghi di pino

La natura ci regala tantissimi prodotti e soprattutto semi e foglie da poter essiccare, per poi utilizzarli per preparare gustose e benefiche bevande e tisane, oltre che per alcune decorazioni per la casa come ad esempio cestini e corone ornamentali....
Giardinaggio

Come pacciamare il giardino con gli aghi di pino

Ogni terreno si deve, sempre saper mantenere, concimandolo perfettamente e proteggendolo dall'erosione e dai vari fenomeni atmosferici che, sicuramente provocano una crosta nella sua superficie e la crescita di erbacce che si potrebbero evitare se si...
Giardinaggio

Come combattere la processionaria del pino

I pini sono degli alberi bellissimi, che abitano la maggior parte delle campagne italiane, e non è infrequente trovarli come alberi nei giardini di ogni villetta. Purtroppo però questo splendido albero è abitato periodicamente da alcuni piccoli animaletti...
Giardinaggio

Cosa piantare nel giardino in inverno

Anche in inverno il giardino mantiene una sua bellezza se corredato delle piante giuste. Inoltre i mesi invernali sono quelli in cui il giardino va curato di più e vanno piantati i semi per la fioritura primaverile. Novembre è il mese indicato per piantare...
Giardinaggio

Come piantare nel terreno un ramoscello di un albero o pianta

In questo articolo vogliamo aiutarvi a capire in che modo poter piantare nel terremo un ramoscello di un albero o pianta, con le nostre mani e nel modo più naturale possibile. Se nel caso avessimo tagliato un ramoscello di un albero o di una pianta e...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.