Come posare un pavimento in cotto

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Fra i materiali usati per i pavimenti, il cotto è uno dei più antichi e tradizionali. Anche se non perfetto cromaticamente, è l'ideale per un pavimento rustico. Che sia esterno o interno, un pavimento in cotto è resistente e durevole nel tempo. Le piastrelle in cotto si producono con un impasto a base di acqua ed argilla. Successivamente si cuociono. La cottura avviene in forni adatti, con altissime temperature. Posare un pavimento in cotto è piuttosto difficoltoso, con un lungo procedimento. Qui di seguito, ecco le indicazioni per scoprire come posare un pavimento in cotto.

27

Occorrente

  • Collante, distanziatori in materiale plastico, malta, spatola flessibile, panno, acqua, detergente per cotto, spugna, soluzione impregnante antimuffa ed anti assorbimento.
37

Utilizzare la tecnica del collante

Un pavimento in cotto è la scelta ottimale per delle atmosfere calde ed accoglienti. Per posare un pavimento in cotto, la tecnica del collante è la migliore. In questo caso, per evitare la secchezza della superficie, si stenderà un po' di collante prima della posa di ogni mattonella. Quindi disporre le piastrelle, una alla volta, premendo bene con le mani. Verificare la perfetta adesione alla superficie e l'assoluta mancanza di bolle d’aria. È infatti il loro formarsi la ragione di eventuali rotture delle mattonelle posate. Provocando anche il rischio di un cattivo esito finale dell'intera posa del pavimento. Nella disposizione delle piastrelle, occorre lasciare degli appositi spazi: le cosiddette fughe. Per ottenere una loro distanza uniforme, in commercio sono disponibili dei distanziatori adatti. Si rimuoveranno dopo aver finito il lavoro.

47

Rifinire le linee di fuga

Per posare correttamente un pavimento in cotto, dopo la posa bisogna attendere ventiquattro ore. Quindi si procederà a stuccare le fughe. Ma, prima di sigillarle, è consigliabile bagnare l'intera superficie con acqua. In questo modo, si eviterà ogni assorbimento di umidità del materiale di riempimento. E si consentirà la sua uniforme e corretta essiccazione. Per stuccare il cotto, solitamente si usano delle apposite malte. Si trovano facilmente in commercio nei negozi specifici. Basterà applicarle fra una piastrella e l'altra, tramite l'uso di una spatola flessibile.

Continua la lettura
57

Impermeabilizzare il pavimento

Completata la fase della stuccatura su tutta la superficie, è necessario ripulirla. Pertanto, prima che si secchi, con un panno umido si rimuoverà ogni sbavatura di malta. Trascorso qualche giorno, con una soluzione detergente adatta, si laverà il pavimento in cotto. Poi risciacquerà con abbondante acqua pulita. È il momento di trattare il pavimento per l'impermeabilizzazione del cotto. Occorrerà una soluzione impregnante molto liquida, oltre che antimuffa ed anti assorbimento. La si potrà stendere con l'uso di una spugna morbida. Dopo l'asciugatura, il pavimento si potrà finalmente calpestare.  

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prima di stuccare il cotto, non usare l'applicazione di idrorepellenti.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come restaurare un pavimento in cotto fiorentino

Quando si parla di ristrutturare casa, si pensa subito al peggio, ovviamente, da un lato è presente la parte economica e dall'altro il disturbo che può causare. Purtroppo, però, se si evita un disagio, non si può evitare anche il secondo, vale a dire,...
Casa

Come posare un pavimento in legno

Il parquet non è altro che un rivestimento in legno del pavimento. Utilizzato soprattutto nelle camere da letto ma anche nei soggiorni o salotti, il parquet oltre a rendere l'ambiente più raffinato e confortevole, è in grado di donare una temperatura...
Casa

Come posare un pavimento di vetro

Realizzare una pavimentazione in vetro non è come costruire una parete o una finestra. Tra tutti i tipi di pavimentazione, questa è di sicuro quella che presuppone maggiori conoscenze hi-tech: questi particolari pavimenti, infatti, vengono prodotti...
Casa

Come posare un pavimento laminato

A donare una maggiore bellezza ad una stanza può contribuire indubbiamente un elemento molto spesso sottovalutato: il pavimento; tuttavia, nella maggior parte dei casi bisogna spendere cifre considerevoli per ottenere un risultato eccellente. In alcuni...
Casa

Come fare manutenzione di un pavimento in cotto d'este

La pavimentazione in cotto d'Este riscontra favori sempre crescenti per tante ragioni. Esteticamente di grande effetto, perfetta per le soluzioni in stile rustico, calde, accoglienti ma, allo stesso tempo, anche per gli amanti dello stile moderno, in...
Casa

Come posare un pavimento in PVC in bagno

Il PVC è un tipo di materiale che dopo l'ampio uso nel mondo industriale, ha un ruolo importante anche nel settore edilizio, dove è utilizzato per realizzare pavimentazioni. Ha numerose caratteristiche che ne hanno garantito la diffusione: è elastico,...
Casa

Come posare lame o piastrelle in PVC adesive

Rinnovare un pavimento da soli è possibile! Esistono, infatti, sistemi che permettono di posare lame o piastrelle in PVC adesive facilmente ed in poco tempo. La tecnica consiste nella posa e nell'incollare al pavimento preesistente le piastrelle in pvc....
Casa

Come posare le piastrelle ad incastro in PVC

Per rinnovare un pavimento rovinato non occorre fare grandi manovre. Infatti, esistono tipi di piastrelle che si possono posare sopra quelle vecchie. In commercio sono disponibile delle piastrelle in PVC, che permettono di eseguire perfettamente questo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.