Come potare le piante d'acquario

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le piante d'acquario sono un elemento decorativo d'importanza biologica. Si sviluppano in altezza ed abbastanza rapidamente, pertanto vanno controllate con regolarità. L'eccessiva crescita renderebbe il paesaggio poco attraente e pieno di insidie per i pesci. Potare le piante d'acquario è molto importante. Sono necessarie delle speciali forbici in acciaio inox, con estremità molto affilate, grande maneggevolezza e manici allungati. Queste cesoie, infatti, sono lunghe circa quaranta centimetri e potano le piante d'acquario in modo semplice e funzionale. In alcuni casi, a seconda della pianta, vanno utilizzate le forbici a punta curva. Di contro, sono più difficili da usare e quindi sconsigliate per i principianti. Vediamo quindi, a tal proposito, come potare correttamente le piante d'acquario.

26

Occorrente

  • Forbici speciali, lunghe circa 40 cm
  • Per le piante più basse, forbici con punte ricurve
36

Controllate la lunghezza delle piante

Le piante d'acquario vanno potate prima che raggiungano la superficie. La lunghezza ideale è di dieci centimetri sotto il livello dell'acqua. In caso contrario, continueranno a crescere, indeboliranno la parte sommersa, mentre quella emersa seccherà. Particolare attenzione va rivolta al contorno degli arredi fissi, come sassi o legni. Questi elementi vanno ripuliti accuratamente da tutta la vegetazione. A questo punto, potete intervenire sui lati, dando alla piantina la forma desiderata. Per ottenere un cespuglio da piante a stelo occorreranno circa due o tre settimane. La vegetazione va sempre controllata. Recidete prontamente tutti i germogli, come per i bonsai.

46

Per le felci tagliate le foglie più grandi

Oltre alle piante a stelo, l'acquario può ospitare altre vegetazioni. Per potare le felci, ad esempio, bisogna tagliare le foglie più grandi. Queste tendono a fuoriuscire dal recipiente. Tuttavia, bisogna prestare particolare attenzione al muschio. Solitamente esso cresce sul legno ed è un infestante. Si sviluppa molto rapidamente, pertanto si può agire diversamente. I metodi di intervento sono duplici: si può recidere solo la parte superiore e sfoltire il muschio con la cesoia o, in alternativa, si può strappare direttamente con le mani, in modo drastico.

Continua la lettura
56

Strappate le piante eccessivamente secche

La parte inferiore degli steli, invecchiando, non offre più nuovi germogli. Pertanto si potrebbero rinforzare le piante d'acquario con degli ormoni naturali. Se la vegetazione dovesse risultare troppo secca oppure le radici uscissero dal terriccio, va strappata e magari sostituita. Bisogna acquistare piante giovani e meno soggette a malattie. Questo consentirà un ambiente naturale subacqueo sempre in ordine, rigoglioso ed elegante.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Potate le piante attorno agli arredi fissi dell'acquario.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come scegliere il fondo per un acquario

Un acquario può diventare un meraviglioso e sorprendente elemento di arredo per un appartamento moderno ed affascinante. Curare un acquario con tanti pesci colorati è rilassante ed interessante, e di certo un acquario curato e ben decorato può veramente...
Altri Hobby

5 accessori indispensabili per l'acquario

Il mondo acquatico ha, da sempre, attirato e affascinato l'uomo. Qualcuno ha provato a ricrearlo e così sono nati gli acquari. Contrariamente a quello che si può pensare, allestire un acquario degno di essere chiamato con questo nome, non è così facile...
Altri Hobby

Come spostare un acquario nel modo corretto

Un acquario rappresenta un oggetto molto pesante da trasportare, oltre che un complemento di arredo da trattare in modo molto delicato. Quando si rende necessario, per una qualsivoglia ragione, lo spostamento di un acquario, occorre sempre sapere in quale...
Altri Hobby

Come trasformare un terrario in acquario

Se in casa avete un terrario ed intendete trasformarlo in acquario, potete farlo purché le misure siano adeguate; infatti, è importante sottolineare che specie per i pesci tropicali, deve essere di almeno 60X50X50 riferite rispettivamente ad altezza,...
Altri Hobby

Come scegliere l'acquario

Molte sono le persone appassionate di pesciolini da tenere in casa e se ci piace l'idea di voler arredare un angolo della nostra casa con un acquario di piccole, medie o grandi, non dobbiamo fare altro che leggere questa guida per sapere come sceglierlo,...
Altri Hobby

Le migliori pietre per l'acquario

Se ci apprestiamo ad allestire un acquario tropicale dovendo inserire delle pietre, è importante sapere che in natura ce ne sono tantissime compatibili con questo ecosistema. Si tratta in genere di materiali granitici e di origine vulcanica, disponibili...
Altri Hobby

Come montare il filtro interno dell'acquario

Chiunque ha la passione per gli acquari, conosce bene, che questo ha bisogno sempre di molta manutenzione e soprattutto di un'accurata progettazione. Difatti, per poter scegliere tutto il "contenuto" del nostro futuro acquario, dovremo fare una scrupolosa...
Altri Hobby

Acquario: manutenzione e pulizia

L'acquario è l'habitat naturale per i pesci che vivono in cattività. I pesci rossi sono piuttosto semplici da curare, non richiedono particolari manutenzioni, per cui la pulizia si può limitare al solo cambio dell'acqua. L'acquario tropicale, invece,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.