Come potare un albero di mango

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

La coltivazione del mango, richiede condizioni climatiche particolarmente miti, pertanto non è possibile praticarla in tutti i terreni. La maggiore produzione di tale frutto si trova in modo particolare in Sicilia e Sardegna proprio per le caratteristiche delle loro temperature. Potare l'albero di mango in modo corretto, rappresenta un aspetto fondamentale per la vita della pianta in quanto, oltre a mantenerla in salute, garantisce la produzione di frutti. In questa breve guida, provvederemo ad illustrare come procedere per eseguire correttamente questa operazione.

25

Prima di occuparci nel dettaglio su come effettuare la potatura del mango, è doveroso fare una breve premessa sulla motivazione di tale azione. Gli obbiettivi della potatura dell'albero sono sostanzialmente tre: controllare la forma della chioma per anticipare la produzione di frutti il più possibile, anche a partire dal terzo o quarto anno di vita; gestire la ramificazione per evitare sconcamenti nei rami principali; consentire alla pianta di sviluppare 3 o 4 branche, ben distribuite nello spazio, permettendo una crescita uniforme e ben strutturata in proporzione.

35

La posizione del primo taglio è fondamentale, poiché a partire da esso si origina la germinazione dei nuovi rami. Quando avviene l'acquisto, il mango presenta un unico germoglio centrale. Il nostro compito è quello di individuare in modo adeguato, verso la sommità dell'esile tronco verde, un nodo, ovvero un punto in cui le foglie appaiono disposte a corona. Tagliando leggermente sopra ad esso, vengono stimolate le gemme "dormienti" che sono presenti alla base di ciascuna foglia. In questo modo, esse si sviluppano originando i nuovi rami permettendo un ampliamento della pianta stessa. È importante che queste vengano potate man mano che crescono, arrivando a selezionare solo i quattro getti "migliori". Questi ultimi, sono facilmente riconoscibili in quanto appaiono i più vigorosi e hanno orientamento a 45° rispetto all'orizzonte.

Continua la lettura
45

Successivamente si andranno sviluppando getti dalle branche principali. È di fondamentale importanza, che anche questi vengano potati al fine di migliorare ed anticipare lo sviluppo della pianta e si sincronizza il processo di fioritura in tutto l'albero. La cimatura può essere realizzata fino al terzo nodo, partendo dalla cima. Oltre, la quantità di germogli generati sarebbe eccessiva e la crescita dei rami diventerebbe eccessivamente folta e disordinata se tale operazione non verrà eseguita in modo corretto ed in tempo con la stagione.

55

Seguendo quanto descritto nella guida, la pianta svilupperà una chioma a forma piramidale, con un tronco libero di almeno 100 cm. Il periodo ottimale per potare è la metà di aprile, perché permette di sfruttare al meglio la stagione primaverile per lo sviluppo dei rami, e quella estiva per la fruttificazione. Come avete potuto dedurre dalla lettura, si tratta di un operazione estremamente semplice ed alla portata di tutti, unico aspetto fondamentale da rispettare è il punto esatto della parte da potare e chiaramente rispettare i giusti tempi naturali.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come potare l'albero di susino

I susini sono una bella aggiunta a tutto il paesaggio, ma senza un'adeguata manutenzione possono diventare un peso piuttosto che un vantaggio. Anche se la potatura di un susino non è difficile, è però molto importante soprattutto per quanto riguarda...
Giardinaggio

Come potare un albero alto

Effettuare i corretti interventi di potatura per gestire il verde nel proprio giardino è estremamente gratificante. Non solo si risparmia, ma si impara a conoscere meglio le caratteristiche delle specie vegetali che popolano lo spazio intorno alla casa....
Giardinaggio

Come potare un albero di mimose

In questa guida, vogliamo proporre un argomento veramente interessante, per tutti coloro che amano il fai da te ed in particolar modo la natura ed hanno il pollice verde.Infatti vogliamo proporre il modo per capire come poter potare, nella maniera corretta...
Giardinaggio

Come potare un albero di ginkgo

Il Ginkgo è una delle piante arborie più belle tra le conifere. L'albero appartiene alla famiglia delle Ginkgoaceae e ha origini molte antiche. La sua altezza varia dai 30 ai 40 metri ed è molto longevo. Il suo tronco è eretto e robusto. Quando la...
Giardinaggio

Come potare un albero di cactus

Se intendete coltivare un albero di cactus è importante sapere che necessita di una potatura, che tuttavia deve essere effettuata solo se necessaria, quindi se le sue dimensioni sono eccessive o perché ha una parte malata. In riferimento a ciò,...
Giardinaggio

Come potare un albero

La potatura rappresenta uno dei momenti più delicati ed importanti nella coltura degli alberi. Una potatura errata può causare alla pianta danni difficilmente reversibili, compromettendone la crescita e la fioritura. Solitamente l'obiettivo del potare...
Giardinaggio

Come Potare L'Albero Dei Cachi

L'albero di cachi, conosciuto anche come "loto del Giappone", è tipico dell'Asia orientale. Generalmente la pianta produce i suoi primi frutti nei mesi autunnali. Il cachi è in grado di adattarsi a varie tipologie di terreno e non è raro che possa...
Giardinaggio

Come potare un albero di platani

L'estate è il periodo ideale per iniziare a coltivare un piccolo appezzamento di terreno. L'abbondanza di luce e le calde temperature sono un toccasana per una serie di piante e ortaggi che germoglieranno in autunno o al più tardi in inverno. Le piante...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.