Come Potare un albicocco

Tramite: O2O 18/11/2016
Difficoltà: facile
17

Introduzione

L'albicocco è una pianta originaria della Cina, di media altezza e grande diffusione, che cresce soprattutto negli ambienti miti. Essa, infatti, ha bisogno di specifiche condizioni climatiche per potersi sviluppare al meglio. Chiunque possieda questo tipo di pianta sa bene che al momento di potare i rami bisogna applicare sì una tecnica particolare, ma al contempo minimamente impegnativa. Prima di compromettere la salute della vostra pianta, però, assicuratevi di saper effettuare questo tipo di lavoro e, se lo ritenete necessario, consultatevi con un professionista. Ecco, quindi, come potare un albicocco.

27

Occorrente

  • Guanti
  • Cesoia
37

La cosa migliore da fare, per chi si accinge ad acquistare un albicocco, è quella di acquistare una pianta piccola, di circa un anno, per intenderci. In questo modo sarà possibile iniziare ad agire con la potatura, facendo sì che l'albero possa crescere al meglio già dalla tenera età.
Anno dopo anno, potrete quindi procedere con una tecnica di potatura particolare, che mira alla produzione dei frutti per assicurare il giusto equilibrio tra vita della pianta ed attività vegetativa di produzione.

47

La suddetta azione prevede di tagliare il cosiddetto tronco a circa mezzo metro dal livello del mare, e quindi da terra. Questa misura, però, può essere variata a seconda del proprio gusto personale, in quanto va ad incidere profondamente sull'altezza della chioma e del tronco.

Continua la lettura
57

State attenti, però, ad evitare qualsiasi tipo di intervento troppo violento o drastico, in quanto si otterrebbe un effetto contrario e indesiderato. Un'azione del genere, infatti, farebbe accelerare la maturazione e l'invecchiamento della pianta, compromettendone nuovamente la produttività. In conclusione, ricordate di innaffiarlo almeno una volta al giorno dopo la potatura, e di piantarlo, o trapiantarlo, in un luogo in cui potrà fruire pienamente della luce naturale del sole.

67

Si consiglia oltretutto, di potare l'albero di albicocco per la prima volta, subito dopo la semina; questo aiuterà l'albero a sviluppare una struttura forte, raccogliendo molti benefici. Quando rimuovete un ramo, tagliatelo vicino alla giuntura con il tronco, che è l'area ispessita tra il tronco principale e il ramo. Quando accorciate un ramo, tagliatelo appena sopra il ramo laterale o il germoglio, ogni volta che è possibile. Rimuovete tutti i germogli e gli arti danneggiati o rotti. Rimuovete anche tutti i rami secchi. Accorciate i rami laterali rimanenti dai 5 ai 10 centimetri di lunghezza. Rimuovete i rami ribelli che crescono ad angoli dispari così come quelli che crescono in su o in giù.

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come potare gli alberi di albicocco

L'albicocco è un albero appartenente alla famiglia delle Rosacee, di origini cinesi e venne diffuso in Europa molti secoli fa dagli arabi. È alto circa sette metri e può arrivare intorno ai nove; ha foglie dal colore verde e dai margini merlati a forma...
Giardinaggio

Gli errori più comuni nella potatura dell'albicocco

Le albicocche sono i frutti più buoni dell'estate, morbide e gustose imbastiscono la tavola da maggio a giugno. L'albero che le produce (se collocato su un terreno idoneo e un clima adeguato), non ha bisogno di particolari cure, ma non bisogna mai sottovalutare...
Giardinaggio

Come coltivare un albero di albicocco

Le albicocche sono normalmente dei frutti deliziosi, pieni di succo e hanno un sapore delicato. Queste qualità sono ancora più accentuate soprattutto se vengono mangiate direttamente dall'albero, in quanto sono più gustose rispetto a quelle che vengono...
Giardinaggio

Come coltivare un albicocco

Coltivare l'albicocco è il desiderio di molti coltivatori per la bellezza della sua fioritura e per la morbidezza e il particolare gusto della sua frutta. Si tratta di un conosciuto albero da frutto che necessita di ampi spazi per la sua crescita e fioritura....
Giardinaggio

Come coltivare un albicocco nano in vaso

Se non abbiamo un giardino ed adoriamo le coltivazioni, non è il caso di disperarci, poiché è importante sapere che anche in vaso si possono coltivare alcune specie di piante da frutto e tra queste vale la pena citare l’albicocco nano. Si tratta...
Giardinaggio

Come potare gli alberi di melo

Il melo è uno degli alberi da frutto più diffusi in Italia, soprattutto nelle regioni settentrionali. Robusto e vigoroso, ha una crescita piuttosto lenta rispetto ad altri alberi da frutto. Una volta raggiunta l'età adulta, il melo offre una produzione...
Giardinaggio

Come potare il verde di un albero da frutto

Con la parola "potatura verde" ci si riferisce ad alcune specifiche pratiche della potatura attraverso la quale si va a sfoltire la chioma di tutte le piante da frutto. Questo serve a favorire il graduale rinnovamento di quest'ultima ed una maggiore produzione...
Giardinaggio

Come Potare Un Mirabolano

Il Mirabolano appartiene al genere Prunus (come ciliegio, albicocco ecc.), ed è originario della penisola Balcanica, chiamato anche rusticano grazie alla sua adattabilità. È un arbusto dalla chioma aperta che può raggiungere gli otto metri di altezza;...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.