Come potare un oleandro

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'oleandro è una bellissima pianta molto profumata e colorata. I suoi fiori possono avere di colori che vanno dal bianco candido al rosa, sino al rosso e al ciclamino. Gli oleandri crescono velocemente e necessitano quindi di essere potati spesso per essere gestiti e non sporcare eccessivamente il giardino. Se non sapete come fare scoprite in questa guida come potare un oleandro.

26

Occorrente

  • scala
  • forbici da potatura
  • maglia a maniche lunghe
  • guanti da giardinaggio
  • cappello
  • occhiali protettivi
36

Potare la pianta

Per potare un oleandro è fondamentale sapere che la pianta può essere distinta in tre tipologie differenti, che necessitano quindi di 3 potature differenti e dei trattamenti diversi. L'oleandro cresce piuttosto rapidamente, per cui sono necessarie potature che ne contengano l'eccessivo sviluppo sia in altezza che in larghezza, specialmente se si tratta di una coltivazione in vaso. Il taglio dell'oleandro ha ovviamente anche finalità estetiche e permette di far sì che la pianta abbia un aspetto più armonioso.

46

Eliminare le parti secche

Il primo obiettivo della potatura è quello di sfoltire una crescita abbondante dell'oleandro, per far sì che tutti i rami ricevano luce e aria e restino quindi sani e forti. La luce è necessaria per la formazione di nuove gemme e la circolazione dell'aria evita il suo deterioramento. Una corretta potatura dovrebbe eliminare anche parti secche, rivitalizzando gli arbusti vecchi o troppo rigogliosi. Essendo l'oleandro una pianta velenosa e che secerne una sostanza gelatinosa ed appiccicosa è opportuno indossare guanti, maglie a maniche lunghe e cappelli per intraprendere la potatura dei suoi rami. Quando l'oleandro inizia a fiorire si può procedere con una potatura massiccia, finalizzata a contenere l'espandersi del fogliame e dei rami, soprattutto in altezza. Attraverso questo sistema inoltre, l'oleandro risulterà più compatto, mantenendo quindi una forma di cespuglio visivamente molto gradevole.

Continua la lettura
56

Eseguire correttamente il taglio

Grazie ad una potatura ben eseguita una pianta di oleandro sarà capace di resistere meglio alle temperature più basse, proteggendosi più efficacemente dal freddo. Il taglio di un ramo deve avvenire subito sopra la gemma più in alto rivolta verso l'esterno della pianta. Eseguite il taglio del ramo del vostro oleandro utilizzando una forbice da potatura e posizionando la lama della stessa ad un angolo di 45°. Se vi accorgete di aver tagliato troppo lontano dalla gemma accorciate nuovamente il ramo altrimenti la pianta di oleandro sprecherà energia. La distanza migliore, per potare l'oleandro, è di circa 6 mm sopra la gemma.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prestate molta attenzione quando salite sulla scala per potare l'oleandro.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come trattare un oleandro con i parassiti

A chi non piacerebbe svegliarsi la mattina, uscire fuori in balcone e lasciarsi emozionare dalla bellezza e dal profumo dei fiori appena sbocciati. Non a caso, sono sempre di più le persone che rendono realtà questo loro desiderio e abbelliscono la...
Giardinaggio

Come moltiplicare l'oleandro

Originaria del Mediterraneo e dell'Asia sud-occidentale, la pianta dell'oleandro è un arbusto amante del tepore che fiorisce tutto l'anno. I suoi fiori extra-large, della grandezza che varia dagli otto ai venti centimetri di diametro, e dal colore rosso,...
Giardinaggio

Come coltivare l'oleandro

L'oleandro rappresenta un arbusto sempreverde dai fiori stupendamente colorati e, anche se la sua origine appare essere asiatica, è pressoché tipico delle aree mediterranee, in cui rallegra giardini e paesaggi con i suoi meravigliosi colori che vantano...
Giardinaggio

Come Moltiplicare Le Piante Di Oleandro E Fucsia

Siete degli appassionati di piante e fiori e vorreste averne sempre un numero maggiore sulla vostra terrazza? L'idea di spendere tanti soldi non vi aggrada molto e vorreste ricreare queste bellissime piante da voi? Se la risposta a queste domande è si,...
Giardinaggio

Come potare gli alberi di melo

Il melo è uno degli alberi da frutto più diffusi in Italia, soprattutto nelle regioni settentrionali. Robusto e vigoroso, ha una crescita piuttosto lenta rispetto ad altri alberi da frutto. Una volta raggiunta l'età adulta, il melo offre una produzione...
Giardinaggio

Come Potare Un Vigneto

Se possedete un vigneto da poco tempo, vi sarete già accorti di quanto impegno richiede la sua cura. L'uva e tutti i suoi derivati sono prodotti che se mantenuti in un certo modo avranno un sicuro buon risultato sia di sapore che, nel caso, economico....
Giardinaggio

Come potare le margherite sfiorite

Se siete degli amanti del giardinaggio e amate i fiori vi sarete senza dubbio ritrovati a dover curare delle margherite. In particolare capita spesso di dover potare delle margherite sfiorite. La potatura delle margherite si rende necessario quando queste...
Giardinaggio

Come potare l'albero di susino

I susini sono una bella aggiunta a tutto il paesaggio, ma senza un'adeguata manutenzione possono diventare un peso piuttosto che un vantaggio. Anche se la potatura di un susino non è difficile, è però molto importante soprattutto per quanto riguarda...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.