Come potare una pianta malata

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se siamo degli amanti del verde e possediamo un giardino o un bel balcone, possiamo adornarlo con bellissime piante che però dovremo curare costantemente. Ogni pianta ha bisogno di cure particolari e diverse dalle altre e per capire quali operazioni eseguire per farle crescere sempre rigogliose, potremo seguire una delle moltissime guide presenti su internet. Nei passi successivi, in particolare, vedremo come fare per riuscire a potare correttamente una pianta malata.

25

Molte piante si ammalano a causa di attacchi di insetti e parassiti che proliferando sul fogliame, le impoveriscono delle sostanze nutritive, fino a distruggerle completamente. Per ovviare a questo inconveniente, bisogna dunque eseguire delle potature anche straordinarie.

35

Per una potatura efficace, è necessario tagliare le zone giuste o identificare quali sezioni sono più malate. Senza un'attenta potatura, la pianta come poc'anzi accennato, può soccombere definitivamente alla malattia e pregiudicare il nostro raccolto, specie se si tratta del pomodoro. I punti malati sono facilmente individuabili perché assumono una colorazione violacea e marroncina, quindi scoprirne le gemme non è difficile, per cui è importante visionare attentamente i gambi, le foglie i frutti ed infine le radici. Prima di iniziare la potatura su piante malate, bisogna innanzitutto sterilizzare la cesoia, mettendola in una soluzione a base di alcool (al 70%) e di acqua (30%). A questo punto, iniziamo a praticare dei tagli a 45 gradi, dove il gambo incontra il fusto principale della pianta. Se invece dobbiamo rimuovere la parte fruttifera, allora con le punte della cesoia, bisogna dare una spinta verso l'alto staccandolo con un colpo netto.

Continua la lettura
45

Passiamo adesso alla potature delle radici delle nostre piante. La cosa da fare in questo caso, è di scavare delicatamente con le mani una trincea in prossimità dello stelo della pianta, fino a testare con le dita la solidità delle radici e vedere se sono integre, o presentano segni di marciume. Qualora l'esito risultasse sfavorevole (quindi con la presenza della malattia) con la cesoia vanno tagliate (sempre con un taglio a 45 gradi), ed interrate di nuovo con l'aggiunta di fertilizzante liquido per rinvigorirle, ed aiutarle a superare il trauma da taglio.

55

A questo punto siamo finalmente giunti alla conclusione della nostra guida. Seguendo tutte le indicazioni riportate nei passi precedenti, potremo facilmente riuscire a potare tutte le nostra piante malate in modo da riuscire a curarle correttamente ed evitare che possano seccarsi. Per poter iniziare dovremo però acquistare tutti gli strumenti necessari recandosi presso un qualsiasi negozio di fai-da-te o di giardinaggio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come potare la pianta dell'uva fragola

Se siete degli appassionati di giardinaggio e possedete la pianta dell'uva fragola, allora dovrete assolutamente leggere la seguente guida, nella quale vi saranno forniti dei consigli molto utili e soprattutto molto pratici che vi permetteranno di potare...
Giardinaggio

Come potare una pianta di aloe vera

L'aloe vera cresce rigogliosa formando nuove foglie carnose con margine seghettato, boccioli, nuove germogli attorno alla pianta madre. Infatti la pianta non si sviluppa verso l'alto, ma col tempo aumenta solo le sue dimensioni: le foglie diventano sempre...
Giardinaggio

Come Potare La Pianta Di Melanzane

La Solanum melongena, più comunemente conosciuta con il nome di melanzana, è una pianta erbacea originaria dell'India, che si può trovare di diverse varietà, dalla Violetta lunga palermitana, che dà frutti di colore viola scuro ed allungati, alla...
Giardinaggio

Come e quando potare un melograno

La passione per il pollice verde comporta una conoscenza delle varie specie di pianta in modo da potersene prendere cura nel migliore dei modi, infatti ciascuna pianta necessita di differenti accorgimenti, in questa guida ci concerteremo sul melograno.il...
Giardinaggio

Come potare i rododendri

Il Rododendro è una pianta originaria dell'Asia, la quale appartiene esattamente alla famiglia delle Ericaceae. La parte più bella di questa specifica pianta riguarda i suoi meravigliosi fiori, considerati estremamente decorativi. La fioritura del Rododendro...
Giardinaggio

Come potare un oleandro

L'oleandro è una bellissima pianta molto profumata e colorata. I suoi fiori possono avere di colori che vanno dal bianco candido al rosa, sino al rosso e al ciclamino. Gli oleandri crescono velocemente e necessitano quindi di essere potati spesso per...
Giardinaggio

Come potare l'edera rampicante

L'edera rampicante è una pianta sempreverde, usata molto spesso per la decorazione e la copertura di muri divisori, di archi, di balconi, di facciate di palazzi e di pareti esterne. La particolarità dell'edera, consiste nella capacità di crearsi da...
Giardinaggio

Come potare il ciliegio

Gli alberi da frutto necessitano di regolari potature, e il ciliegio non fa eccezione. Se si esegue l'operazione nel modo idoneo, i vantaggi saranno evidenti. La pianta produrrà frutti in abbondanza, vivrà più a lungo e si manterrà sana. In pratica,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.