Come prendersi cura dei fiori di alisso

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'Alisso è una pianta appartenente alla famiglia delle Crucifere; viene spesso piantata nelle aiuole o ai margini dei vialetti per dare un tocco di colore; inoltre cresce anche in prossimità delle zone rocciose ed è ideale per dare qualche sfumatura cromatica in più al giardino. Se anche voi amate questa pianta ma vi state chiedendo come piantarla, e soprattutto come prendervene cura, lungo questa guida vi spiegheremo come fare. Vediamo, dunque, come prendersi cura dei fiori di Alisso; seguite i prossimi passi per i dettagli.

27

Occorrente

  • Vaso o aiuola; terreno sabbioso e ben drenato; acqua priva di calcare per le annaffiature; concime universale
37

Cespi ricadenti e piuttosto fitti, di grandezza approssimativa di 30 cm: sono queste, insieme alla foglia di colorazione grigio-verde, le caratteristiche principali di questa pianta. Inoltre possiede dei fiori che si uniscono in piccoli grappoli, le cui sfumature di colore sono molto belle da vedere: si hanno infatti in giallo limone, in viola o in un candido bianco. Il profumo dei fiori dell'Alisso ricorda un po' quello del miele; essi fanno capolino nel periodo tra maggio ed ottobre.
Se intendete coltivare questa pianta, dovete scegliere una zona al riparo dal vento, che sia però raggiunta dalla luce del sole, indispensabile per una buona crescita. Assicuratevi che il terreno sia abbastanza sabbioso con un buon livello di drenatura; annaffiate moderatamente, quando osservate che la terra inizia ad asciugarsi. Potete inoltre aiutare la crescita dell'Alisso con un po' di concime universale, da somministrare nel periodo primaverile ogni 20 giorni. Optate per una potatura cosiddetta "basale" per favorire la moltiplicazione dell'Alisso in nuovi steli floreali.

47

Non abbiate timore dell'aggressione da parte dei parassiti, poiché si tratta di una pianta particolarmente resistente a questa minaccia. Se notate che una o più parti dell'Alisso si seccano, provvedete alla loro rimozione ed optate, se necessario, ad un rinvaso quando lo spazio e la terra a disposizione non sono più sufficienti per le radici.

Continua la lettura
57

Per la coltivazione potete optare, come accennato, sia per l'aiuola, sia per il vaso, da posizionare esclusivamente all'aperto. Sono piuttosto indicati per essere posizionati nei davanzali dei balconi, in modo da rendere più allegra la facciata della casa e beneficiare dei loro fantastici colori e del sublime profumo, non appena uscite di casa per prendere una boccata d'aria. Come potete vedere, coltivare l'Alisso non è complesso, e si tratta di un'operazione alla portata di tutti, anche di coloro che non hanno il pollice verde.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Seguite con costanza le vostre piante, in maniera tale da riconoscere ed eliminare le parti danneggiate e dar loro un giusto apporto d'acqua ed una sede abbastanza ampia per contenere il giusto apporto di terra
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come prendersi cura del potos

Oggi parleremo di una delle piante più diffuse nei nostri appartamenti: il Potos. Questa pianta pur essendo tanto diffusa, molti non ne conoscono le tecniche corrette per prendersene cura. Tra le varie specie, quello più diffuso è sicuramente il Potos...
Giardinaggio

Come coltivare l'alisso

Quella del giardinaggio è una passione che richiede non solo spazio da dedicare alla coltivazione delle proprie piante, ma anche soprattutto una conoscenza molto specifica e approfondita. Esistono tantissime tipologie e varietà di piante che possiamo...
Giardinaggio

Come coltivare e prendersi cura di una glossinia

La glossinia (Sinningia speciosa) è una pianta tuberosa di piccole dimensioni originaria del Sud America. La sua principale caratteristica è che fiorisce per poi morire, ma, dopo un periodo di dormienza, ricresce nuovamente deliziando il suo proprietario...
Giardinaggio

Come prendersi cura della pianta di cicuta

La Cicuta è una pianta, o per meglio dire, un albero, d'origine americana, conosciuta in gran parte del mondo per il suo essere estremamente velenosa. Nonostante ciò, sono parecchie le persone che decidono di inserire nel proprio giardino un alberello...
Giardinaggio

Come prendersi cura di una pianta di aucuba

L'aucuba, originariamente denominata aucuba japonica, è un arbusto sempreverde originario del Giappone. Le sue foglie a macchie color oro la rendono perfetta come ornamento da giardino o come pianta da davanzale. Durante il periodo estivo, sopraggiungono...
Giardinaggio

Come prendersi cura dei gerani

Il Geranio è una delle piante più comuni nei giardini o sui balconi e con i suoi colori dona vita in qualsiasi angolo della tua casa. È una pianta molto resistente al freddo ed è essenzialmente facile prendersene cura. In questa guida vedremo come...
Giardinaggio

Come prendersi cura dell'Albero del gelso

Il gelso è conosciuto soprattutto per due varietà ovvero il nero e il bianco, ed in entrambi i casi può essere considerato a tutti gli effetti un albero da frutto. Se dunque nel nostro giardino abbiamo deciso di piantare uno di questi meravigliosi...
Giardinaggio

Come coltivare e prendersi cura di una Pilea Cardierei

La voglia di creare un angolo verde in casa o sul terrazzo, interessa la maggior parte di noi, in quanto, piante e fiori, oltre ad essere ottimi complementi d'arredo, trasmettono tranquillità e pace nelle nostre giornate all'insegna dello stress. Nel...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.