Come prendersi cura della Stella di Natale

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

La Stella di Natale che in botanica ha il nome di Euphorbia pulcherrima, è originaria del Centro America e precisamente del Messico. Si tratta di un'esemplare che come si evince dal nome stesso, viene molto utilizzata nel periodo di Natale per addobbare aiuole e terrazzi ma anche appartamenti ed uffici. Prendersi cura di questa pianta e cercare di farla durare a lungo si può, per cui vale la pena seguire le linee descritte nei passi successivi.

26

Occorrente

  • Fertilizzante liquido, cesoie affilate per la potatura, un vaso nuovo a primavera
36

Conservarla in un luogo poco luminoso

Il nostro compito è dunque quello di mantenere la Stella quanto più rigogliosa possibile affinché si possano apprezzare al meglio i suoi colori anno dopo anno. Per farla fiorire a dicembre, deve essere conservata da fine settembre a fine novembre in un luogo poco luminoso, dove non abbia più di otto ore di luce al giorno. Invece, durante la fioritura, che va all'incirca da dicembre a febbraio, la sua posizione deve essere in un luogo molto luminoso al fine di conservare vivaci i colori. In primavera va invece portata all'aperto, dove resterà fino all'inizio dell'autunno, tenendola protetta però dal caldo sole estivo.

46

Usare un fertilizzante liquido

La temperatura ideale è fra i 14 e i 22 gradi. Perciò, durante l'inverno scegliamo con attenzione la collocazione nel nostro appartamento: deve essere un luogo luminoso ma lontano da termosifoni e caminetti. Evitiamo anche le correnti d'aria. Durante il periodo della fioritura e in primavera-estate la terra va bagnata ogni due o tre giorni. Quando la pianta sta perdendo le foglie a fine inverno e nel momento di riposo tra ottobre e novembre concediamo l'acqua per non più di una volta a settimana. La stella di Natale bisogna inoltre concimarla adeguatamente usando un fertilizzante liquido contenente di base potassio e fosforo. La somministrazione deve comunque avvenire nel periodo della fioritura e una volta ogni due settimane.

Continua la lettura
56

Effettuare la potatura primaverile

La potatura si effettua nel periodo primaverile, quando la fioritura è praticamente terminata e sono ormai cadute tutte le brattee rosse. Nello specifico si tratta di tagliare i rami a circa 12 centimetri dalla base e bagnare la zona di taglio con acqua calda per fermare la fuoriuscita di lattice. Dopo circa un mese, in cui abbiamo ridotto le innaffiature, la pianta comincerà a ricrescere. Usare della terra mista a torba per i travasi, è inoltre consigliato, per evitargli uno stress eccessivo. Se infine notiamo una crescita irregolare, possiamo effettuare delle altre piccole potature limitate però soltanto alle foglie che si trovano più in alto, lasciando invece intatte quelle piccole in prossimità del vaso.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • La Stella di Natale è una pianta molto decorativa, che sta bene da sola. Per una composizione, provate l'accostamento con la felce

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Arbusti di novembre: quali coltivare

Hai un giardino tutto tuo e vuoi iniziare a coltivare arbusti e piante? Desideri poter raccogliere i frutti e le bellezze della tua terra senza spendere molti soldi? Ormai l'inverno è alle porte ma non devi spaventarti! Tutto sta nello scegliere con...
Giardinaggio

10 fiori da coltivare se si ha un giardino molto assolato

I fiori da balcone, si sa, hanno esigenze molto diverse tra loro a seconda delle loro caratteristiche. Alcuni temono il caldo ossessivo dell'estate, altri hanno bisogno di grandi attenzioni per non rischiare di risentire delle stagioni più fresche.Ma...
Giardinaggio

Cosa piantare nel giardino in inverno

Anche in inverno il giardino mantiene una sua bellezza se corredato delle piante giuste. Inoltre i mesi invernali sono quelli in cui il giardino va curato di più e vanno piantati i semi per la fioritura primaverile. Novembre è il mese indicato per piantare...
Giardinaggio

Come stimolare la fioritura delle camelie

Se siete amanti dei fiori e delle piante in generale sicuramente conoscerete la camelia. Noi la conosciamo come una pianta ornamentale con fiori ma, principalmente, la camelia è un arbusto che può arrivare anche a dieci metri di altezza. Il fiore, che...
Giardinaggio

Come stimolare la fioritura delle peonie

In molti sognano di avere un terrazzo od un giardino ricco di piante rigogliose. Ogni singolo arbusto, necessita di cure particolari e differenti a seconda delle caratteristiche e qualità che possiede. In questa guida, tratteremo nello specifico delle...
Giardinaggio

Come coltivare le primule in giardino

Nonostante il freddo intenso dell'inverno, alcune piante sono già in fiore. Nelle zone meridionali il gelsomino fa già sentire il suo profumo. Tra i primi fiori a sbocciare non si possono certo dimenticare il bucaneve e la rosa di natale. I fiori della...
Giardinaggio

Come coltivare e prendersi cura di una glossinia

La glossinia (Sinningia speciosa) è una pianta tuberosa di piccole dimensioni originaria del Sud America. La sua principale caratteristica è che fiorisce per poi morire, ma, dopo un periodo di dormienza, ricresce nuovamente deliziando il suo proprietario...
Giardinaggio

Come anticipare la fioritura dei giacinti

I giacinti, come la maggior parte delle bulbose, possono essere indotti a germogliare prima del tempo. Se la questione ti interessa, allora dovresti leggere quest'articolo in cui ti sveleremo come è possibile ottenere un bel giardino fiorito anche in...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.