Come prendersi cura dell'Albero del gelso

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Il gelso è conosciuto soprattutto per due varietà ovvero il nero e il bianco, ed in entrambi i casi può essere considerato a tutti gli effetti un albero da frutto. Se dunque nel nostro giardino abbiamo deciso di piantare uno di questi meravigliosi e nobili esemplari, nei passi successivi vediamo come prendersi cura dell'albero di gelso e quali sono gli accorgimenti da adottare per coltivarlo sempre in buona salute.

24

L'aspetto dell'albero di gelso è quello di una bella pianta che produce bacche che non solo sono commestibili, ma anche buonissime: il loro gusto, infatti, è un perfetto connubio di dolcezza ed acidità. Questi frutti sono ottimi come spuntino e deliziosi se utilizzati per la preparazione di vini, marmellate e torte.

34

Le varietà più conosciute di gelso sono due: il gelso bianco e quello nero. Il nome è stato attribuito in base al colore dei frutti, infatti il nero produce delle specie di more di colore violaceo tendente al nero di sapore molto dolce e viene chiamato anche moro. Tuttavia anche il gelso bianco dà degli ottimi frutti che hanno una colorazione più chiara. Per ottenere i frutti dal gelso occorre che i fiori vengano impollinati. Il gelso bianco è un albero monoico, cioè presenta sulla stessa pianta sia fiori femminili che maschili, quindi provvede da sé alla fecondazione. Il gelso nero invece, spesso si presenta come albero dioico, quindi per essere certi di avere una fruttificazione occorrerà impiantare almeno due alberi, uno maschile e uno femminile. Il gelso si adatta a ogni tipo di clima, quindi non soffre dei geli invernali e può essere piantato tranquillamente anche nelle zone dell'Italia settentrionale. Anche per quel che riguarda il terreno non ha particolari esigenze; infatti, si adatta anche a quelli molto poveri, purché sia ben esposto al sole pieno.

Continua la lettura
44

il gelso deve essere messo a dimora alla fine dell'inverno o all'inizio della primavera, evitando i periodi troppo piovosi e poiché la chioma ha uno sviluppo molto rapido e rigoglioso è bene mantenere una distanza di cinque o sei metri da altri alberi o dalle costruzioni in cemento. In compenso, dopo la messa a dimora non occorrono concimazioni, anche se una buona pacciamatura con fogliame ai piedi dell'albero non guasta se non altro per favorire il drenaggio dell'acqua piovana nelle giornate invernali. Infine è doveroso aggiungere che il gelso per crescere sano e rigoglioso e soprattutto fruttificare nel migliore dei modi, ha bisogno di regolari innaffiature, che vanno eseguite giornalmente al calar del sole.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come prendersi cura del potos

Oggi parleremo di una delle piante più diffuse nei nostri appartamenti: il Potos. Questa pianta pur essendo tanto diffusa, molti non ne conoscono le tecniche corrette per prendersene cura. Tra le varie specie, quello più diffuso è sicuramente il Potos...
Giardinaggio

Come prendersi cura del bonsai mandarino

Il mandarino è una delle varietà di bonsai più ornamentali in quanto unisce al verde acceso del suo fogliame anche il bel colore arancione dei suoi frutti. Se quindi decidiamo di acquistarne uno in un vivaio, ed intendiamo godercelo a lungo, è necessario...
Giardinaggio

Come prendersi cura dei gerani

Il Geranio è una delle piante più comuni nei giardini o sui balconi e con i suoi colori dona vita in qualsiasi angolo della tua casa. È una pianta molto resistente al freddo ed è essenzialmente facile prendersene cura. In questa guida vedremo come...
Giardinaggio

Come coltivare e prendersi cura di una glossinia

La glossinia (Sinningia speciosa) è una pianta tuberosa di piccole dimensioni originaria del Sud America. La sua principale caratteristica è che fiorisce per poi morire, ma, dopo un periodo di dormienza, ricresce nuovamente deliziando il suo proprietario...
Giardinaggio

Come prendersi cura delle piante da appartamento

In questo tutorial sul giardinaggio vedremo come prendersi cura delle piante "da appartamento", chiamate così quelle piante (ornamentali) che non necessitano di un giardino e che con cure e attenzioni possono vivere in casa anche molti anni. Ne esistono...
Giardinaggio

Come prendersi cura di una pianta di aucuba

L'aucuba, originariamente denominata aucuba japonica, è un arbusto sempreverde originario del Giappone. Le sue foglie a macchie color oro la rendono perfetta come ornamento da giardino o come pianta da davanzale. Durante il periodo estivo, sopraggiungono...
Giardinaggio

Come prendersi cura delle peonie

La peonia è un tipo di fiore perenne con fogliame lussureggiante per tutta l'estate. Queste piante, pur non essendo dei grandi arbusti, possono vivere anche per 100 anni; richiedono poca manutenzione purché siano piantate correttamente e stabilite in...
Giardinaggio

Come prendersi cura della Stella di Natale

La Stella di Natale che in botanica ha il nome di Euphorbia pulcherrima, è originaria del Centro America e precisamente del Messico. Si tratta di un'esemplare che come si evince dal nome stesso, viene molto utilizzata nel periodo di Natale per addobbare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.