Come preparare il sapone con l'olio di scarto

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'olio di scarto è difficile da smaltire. Bisogna però evitare di gettarlo via attraverso le tubature di scarico, per non compromettere il corretto funzionamento delle fognature. Avete mai pensato che la soluzione più economica ed ecologica, sia quella di utilizzarlo nuovamente? L'olio di scarto è una buona base per la realizzazione del sapone, da impiegare in casa per il bucato. Se il progetto vi incuriosisce, munitevi di tutto l'occorrente e continuate a leggerci. Vedrete come preparare il sapone con l'olio di scarto in pochi semplici passi.

27

Occorrente

  • 800 gr d'olio di semi di scarto
  • 200 gr d'olio d'oliva
  • 1kg di strutto
  • 600 gr d'acqua
  • 272 gr di soda caustica
  • Essenza dalle note profumate per sapone
  • 1 recipiente di plastica rigida
37

Unite gli ingredienti

Il sapone che preparerete seguendo i passi di questa guida, è ideale per il bucato. La sua efficacia è già stata sperimentata e l'occorrente è facile da reperire. Iniziate con l'indossare dei guanti in gomma e degli occhiali protettivi. Versate la soda all'interno di un contenitore, diluendola poi con le dosi d'acqua indicate, senza invertire i passaggi. Dopodiché la temperatura del composto salirà sino a toccare i 90°C per poi scendere nuovamente. Quando la temperatura in calo è compresa tra i 45 ed i 50 gradi, unite gli oli, lo strutto ed amalgamate il tutto servendovi del frullatore a immersione.

47

Aggiungete l'olio essenziale

Da questo momento in poi il composto diventerà via via più cremoso. Quando la consistenza inizia ed essere densa, unite l'olio essenziale che avete scelto, per dare delle note profumate al sapone che otterrete. Al termine del procedimento versate il sapone ancora morbido all'interno degli appositi stampi, in modo tale che possa solidificarsi e trasformarsi in pratiche saponette. Quanto agli stampi, potete utilizzarne di vario genere, da quelli in legno a quelli in silicone, entrambi piuttosto adatti.

Continua la lettura
57

Coprite il sapone

Coprite il sapone riposto all'interno degli stampi con un panno, in modo tale che non sia a contatto con polvere o altri elementi. Il tempo di riposo per le saponette così realizzate, è di 24 ore. Man mano che il tempo scorre, il sapone inizierà a solidificarsi. Trascorse le 24 ore indossate nuovamente i guanti, poiché la soda potrebbe essere ancora presente. Con delicatezza togliete il sapone dagli stampini e fatelo a pezzi. Lasciatelo riposare per qualche giorno per poi iniziare ad utilizzarlo. Si declina ogni responsabilità per danni causati da disattenzioni o errori nell'esecuzione. Inoltre si sconsiglia di utilizzare dei recipienti o attrezzi in latta. Pur non trattandosi di un procedimento pericoloso, la temperatura che raggiunge la soda caustica diluita è considerevole, motivo per il quale dovrete eseguire il procedimento lontani dai bimbi. Ulteriori indicazioni potete reperirle in questa interessante fonte.

67

Guarda il video

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come eliminare gli afidi con aceto e sapone di marsiglia

Chi possiede un giardino può godere delle belle giornate di sole e vivere all'aria aperta. Tuttavia, sarà senz'altro capitato di imbattersi negli afidi, fastidiosissimi insetti, pidocchi delle piante che una volta prese di mira le piante le attaccano...
Giardinaggio

Come preparare per le piante un antiparassitario casalingo

Non è raro dover ricorrere ad alcuni rimedi fai-da-te per riparare a qualche danno causato dal tempo o al contrario, per prevenirlo. Le piante, per esempio, devono essere sempre difese dalle avversità del tempo e dagli insetti che possono provocare...
Giardinaggio

Come preparare un insetticida naturale

Chi ha il pollice verde, conosce bene il pericolo degli insetti. Capita infatti, che dopo tante cure e tempo dedicato alle nostre piante, tutto venga vanificato dall'attacco di questi parassiti. Invece di fare uso dei classici insetticidi che si trovano...
Giardinaggio

Come preparare un fungicida naturale

Le malattie fungine possono essere molto difficili da controllare e una volta che infettano una pianta, non è per nulla facile eliminarle. Se non è correttamente trattata, la malattia può diffondersi non solo su tutta la pianta, ma anche sulle piante...
Giardinaggio

Come preparare il giardino per la prossima primavera

Per preparare il giardino per la prossima primavera I lavori da eseguire sono veramente tanti. A gennaio, ad esempio, bisognerebbe potare le piante e pianificare le fioriture primaverili. Dato che questo è il periodo in cui solitamente si registrano...
Giardinaggio

Come preparare l'orto alla primavera

Marzo sta arrivando, e con esso la primavera. La bella stagione fa dunque capolino e ci dà, tra le altre cose, la possibilità di preparare l'orto per piantare le nuove colture. Ciò significa che si devono seguire alcuni passaggi per essere certi di...
Giardinaggio

Come preparare un concime naturale per le piante

Le piante hanno bisogno di molte attenzioni e sopratutto di accorgimenti particolari. Ma quando si decide di coltivare qualcosa nel proprio orto, la prima cosa da fare è quella di utilizzare dei concimi per proteggerli. L'orticoltura è un'attività...
Giardinaggio

Come preparare le talee semilegnose

Quando abbiamo un impianto floreale in un giardino, ed intendiamo riprodurre qualche esemplare a cui teniamo in modo particolare, possiamo adottare la cosiddetta tecnica per "talea". Si tratta di un metodo che consente di moltiplicare una pianta prelevando...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.