Come preparare il terriccio per le talee

Tramite: O2O 27/05/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

Per qualsiasi tipo di pianta è necessario preparare adeguatamente il terriccio, e a seconda della specie renderlo ben drenato. Questa condizione è specifica per piantare le talee, che necessitano di una costante umidità del suolo per propagarsi. In riferimento a ciò, ecco dunque una guida su come preparare il terreno per le talee.

26

Occorrente

  • Terreno tipo compost
  • Erbicida
  • Torba sminuzzata
  • Foglie secche
  • Vanga
36

Miscelare il terriccio con un compost

Se il terriccio scelto è di tipo argilloso e con una ricca percentuale di sabbia, è ottimale per piantare le talee, ma tuttavia per renderlo ancora migliore, conviene aggiungere delle sostanze organiche, oppure miscelarlo con uno già assortito detto comunemente compost e vendibile nei centri per il giardinaggio e nei vivai. Questo metodo di miscelazione del terriccio è particolarmente indicato per le talee da riprodurre in vaso, mentre se la scelta ricade sul terrapieno, allora bisogna seguire i consigli indicati nel passo successivo.

46

Usare degli erbicidi

Per ottenere da una talea un letto di fiori vivace e colorato, è importante lavorare adeguatamente il terriccio. Nello specifico se si tratta di piantarla nel terrapieno anziché in un vaso, non potendo miscelare quello comune con un buon compost e quindi renderlo ben drenato, bisogna innanzitutto rimuovere l'erbaccia con una vanga piatta, e nel caso ci sia un?eccessiva proliferazione conviene usare degli appositi erbicidi prima di modificare il terriccio stesso. Eseguire questo lavoro è molto importante, altrimenti c'è il rischio che la talea non riesca a radicare bene, trovando le radici come ostacolo. Una volta scavato in profondità e con un diametro di almeno trenta centimetri, conviene aggiungere a strati della torba sminuzzata mista a sabbia, e l?operazione va ripetuta almeno 4 volte o fin quando non si raggiunge la parte alta del foro. Fatto ciò, è possibile praticare dei forellini profondi almeno 10 centimetri (una matita va benissimo), per poi piantare le talee.

Continua la lettura
56

Ricoprire il terriccio con foglie e torba

Una volta compattato il terriccio opportunamente preparato e reso ideale per la riproduzione delle talee, è necessario ricoprirlo con foglie secche e tavolette di torba, in modo da massimizzare il risultato ai fini del drenaggio. In tal modo si consente all'acqua proveniente dalle innaffiature a tracimare lentamente, in modo da tenere sempre l'apparato radicale ben umido e con esso il terreno circostante, condizione questa (come accennato in fase introduttiva) per la buona riuscita dell'impianto e per ottenere soprattutto una fioritura rigogliosa delle talee.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come preparare il terriccio per gli agrumi

Avere il pollice verde non è cosa da tutti, ma per chi ha la fortuna di sapersi occupare di una pianta, si tratta di un piacevole hobby. Tra le tante tipologie di piante che potreste scegliere di coltivare ci sono le piante da agrumi: tipiche del periodo...
Giardinaggio

Come preparare le talee legnose

La talea è un particolare metodo di riproduzione delle piante, in quanto, sono dotate di ottime capacità riproduttive. Questo metodo comporta l’utilizzo di un fusto, di un ramo, di una radice o anche solo di una foglia e, il procedimento, avviene...
Giardinaggio

Come preparare un terriccio adeguato per grandi vasi

Vi sono degli ingredienti base necessari per la preparazione di un ottimo terriccio. Del resto, non bisogna dimenticare che le piante assorbono il nutrimento soprattutto dalla terra. Sarebbe consigliabile un mix di questi tre tipi di terreno: argilloso,...
Giardinaggio

Come moltiplicare le piante da talee di fusto

Molte piante possono essere moltiplicate per talee di fusto, il periodo più indicato è quello estivo in quanto le alte temperature favoriscono la radicazione delle talee. Se in casa si possiedono delle piante da appartamento verdi, come la Euonymus...
Giardinaggio

Come trapiantare le talee di lavanda

La lavanda è una delle piante più gradevoli e graziose, è molto amata per il suo dolce e delicato profumo, per il suo aspetto raffinato e per il suo elegante colore. Coltivare una pianta di lavanda in casa oppure in giardino può essere l'idea migliore...
Giardinaggio

Come fare il terriccio

Il terriccio che si utilizza generalmente per i vasi delle piante che teniamo sul balcone, sul terrazzo e in casa deve essere un po’ diverso da quello che le stesse piante originarie trovano in natura. Questo semplicemente perché le condizioni climatiche...
Giardinaggio

Come fare talee di rosa

Il fiore che più di tutti è presente nei giardini e nei balconi è certamente la rosa. Alcune specie di rose vengono coltivate all'interno di aiuole per creare un contrasto di colore, altre invece sono sfruttate per creare pergolati o in alternativa...
Giardinaggio

Come ottenere talee di sedum

Il Sedum è una pianta che si compone di oltre seicento specie ed appartiene alla famiglia delle Crassulaceae. Si tratta di un esemplare che proveniente sia da regioni con clima freddo che caldo sopporta bene qualsiasi temperatura. Il Sedum strutturalmente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.