Come preparare le talee legnose

Tramite: O2O 30/07/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

La talea è un particolare metodo di riproduzione delle piante, in quanto, sono dotate di ottime capacità riproduttive. Questo metodo comporta l?utilizzo di un fusto, di un ramo, di una radice o anche solo di una foglia e, il procedimento, avviene mettendo un pezzo di pianta, da riprodurre, nel terreno, e curarlo fino a che non germoglierà. Esistono tre tipi di talea quella erbacea, la legnosa e la semilegnosa. Nella seguente guida, passo dopo passo, vedremo proprio come preparare correttamente le talee legnose.

26

Prelevare il ramo

Per realizzare una talea legnosa, le parti della piante devono essere raccolte, generalmente nel periodo autunno ? inverno; se però, decidiamo di tagliarle prima, le dobbiamo tenere sotto terra fino a che non inizi la stagione primaverile. Possiamo, quindi, procedere con la preparazione. La prima cosa da fare è valutare la pianta che abbia una talea legnosa, ossia deve essere priva di parti verdi, quali foglie. Individuata la pianta, preleviamo il ramo della stessa, basta che sia sottile. A questo punto, tagliamo il ramo con una cesoia, curando bene il taglio che deve essere il più possibile obliquo, inoltre la talea deve essre lunga tra gli 8 e i 10 cm.

36

Preparare il composto di torba e sabbia

Preparati i rami, andiamo a prendere un contenitore per talee e prepariamo un composto di torba e sabbia in parti uguali, mescolandoli adeguatamente. Prima di inserire la talea, dobbiamo fare un buco con un punteruolo e inserire la talea in modo molto delicato. Accostare poi la terra per far in modo che sia abbastanza salda al terreno. Quindi, inserire il contenitore per talee in altro contenitore con dell?acqua in modo che il terreno si ammorbidisca con l?umidità. La percentuale di umidità deve essere abbastanza alta, in quanto, non avendo le radici, l?assorbimento è più difficoltoso. .

Continua la lettura
46

Posizionare la talea nella terra

Prima di posizionarle nella terra dobbiamo ricordarci di polverizzarle con un prodotto a base di polvere di ormoni radicanti, così da favorire la radicazione. Molto importante, soprattutto nei primi tempi, fargli un? abbondante cura di ormoni in modo da aumentare le possibilità di sviluppo delle radici. Dopo averle piantate bisogna innaffiarle, sempre tramite il sottovaso, in modo che l'acqua salga per capillarità e, tenerle in luogo luminoso e fresco. Per controllare il grado di umidità possiamo porre sopre una bustina di plastica. Il gioco è fatto. Ricordatevi inoltre che le talee legnose si possono prelevare da alberi di frutta, alberi con foglie caduche e alberi a fusto.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come preparare le talee semilegnose

Quando abbiamo un impianto floreale in un giardino, ed intendiamo riprodurre qualche esemplare a cui teniamo in modo particolare, possiamo adottare la cosiddetta tecnica per "talea". Si tratta di un metodo che consente di moltiplicare una pianta prelevando...
Giardinaggio

Come moltiplicare le piante da talee di fusto

Molte piante possono essere moltiplicate per talee di fusto, il periodo più indicato è quello estivo in quanto le alte temperature favoriscono la radicazione delle talee. Se in casa si possiedono delle piante da appartamento verdi, come la Euonymus...
Giardinaggio

Come trapiantare le talee di lavanda

La lavanda è una delle piante più gradevoli e graziose, è molto amata per il suo dolce e delicato profumo, per il suo aspetto raffinato e per il suo elegante colore. Coltivare una pianta di lavanda in casa oppure in giardino può essere l'idea migliore...
Giardinaggio

Come fare talee di rosa

Il fiore che più di tutti è presente nei giardini e nei balconi è certamente la rosa. Alcune specie di rose vengono coltivate all'interno di aiuole per creare un contrasto di colore, altre invece sono sfruttate per creare pergolati o in alternativa...
Giardinaggio

Come ottenere talee di sedum

Il Sedum è una pianta che si compone di oltre seicento specie ed appartiene alla famiglia delle Crassulaceae. Si tratta di un esemplare che proveniente sia da regioni con clima freddo che caldo sopporta bene qualsiasi temperatura. Il Sedum strutturalmente...
Giardinaggio

Come fare le talee per le piante grasse

La riproduzione vegetativa è un tipo di riproduzione che permette di ottenere da una pianta originaria, detta pianta madre, altre piante "figlie", in tutto e per tutto uguali a quella di partenza: ciò presenta un indubbio vantaggio quando, per esempio,...
Giardinaggio

Come moltiplicare le piante con le talee di foglia

Volete un giardino molto più ampio o una balconata più ricca delle vostre piante preferite? Il giardinaggio richiede tempo, fatica e molta pazienza, curare ogni pianta è sinonimo di impegno ed attenzione, esiste però un metodo molto semplice e soprattutto...
Giardinaggio

Come Preparare una talea di legno tenero

Le piante sono esseri viventi e in quanto tali si riproducono. Come ben sappiamo la riproduzione può avvenire per via sessuale o vegetativa. Nella prima fase, la produzione avviene per seme e nella seconda invece, si utilizza una parte della pianta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.