Come procedere per restaurare il legno

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Avete appena acquistato da un rigattiere un mobile in legno malconcio ma dalle potenzialità enormi. Oppure ne avete uno in casa che ha qualche anno di troppo sulle spalle: è oramai vecchio e logoro. Insomma, è chiaro che in tutti e due i casi il legno necessita di un restauro. Ma come farlo? Come ridare lucentezza e nuova linfa a questo mobile? C'è bisogno per forza di un esperto? Non sempre. Ecco dunque come procedere per restaurare il legno in tre fasi ben distinte: sverniciatura, stuccatura e lucidatura. Nulla è impossibile!

26

Occorrente

  • Trementina
  • Sverniciatore liquido
  • Stucco per legno
  • Pennelli
  • Spatole
  • Spazzole
36

Il primo e necessario passo da compiere per restaurare al meglio un mobile in legno è la sverniciatura, ossia il rimuovere il vecchio strato protettivo. Il legno viene trattato in due modi, o a cera o a vernice e a seconda del trattamento la sverniciatura andrà fatta con prodotti estremamente diversi. Per capirlo è sufficiente versare un po' di trementina: se il legno rimane intatto è stato trattato a vernice. Prima di tutto rimuovete o, se non è possibile farlo, coprite col nastro adesivo tutte le parti metalliche del mobile. Se il mobile era stato trattato a cera, basterà passarci sopra un prodotto commerciale per rimuoverla: in commercio se ne trovano moltissimi. Se invece è stato trattato a vernice, dovrete usare uno sverniciatore liquido. Lasciatelo sulla superficie per tutto il tempo che è indicato nella confezione, dopodiché con una spazzola metallica rimuovete il vecchio strato di vernice. Agite con delicatezza, altrimenti potreste intaccare il legno sottostante.

46

Eccoci alla stuccatura. Acquistate uno stucco per legno, il cui colore si avvicini il più possibile al vostro mobile da restaurare. Con una spatola specifica, passate lo stucco sull'intero mobile in modo che i graffi, le abrasioni, i buchi, i pori e le piccole spaccature presenti ne risultino completamente coperte. Una volta che siete riusciti a passare lo stucco sull'intera superficie del mobile, prendete uno straccio inumidito. Con questo dovete togliere tutto lo stucco in eccesso. Una volta che la superficie è pronta, possiamo passare al terzo punto: la lucidatura.

Continua la lettura
56

Per la lucidatura sistematevi in un luogo arieggiato e non dimenticate di infilarvi i guanti. Se intendete eseguire un trattamento a cera, preparate una miscela di gommalacca e mezzo litro di alcool, dopodiché prendete una pezza di lana avvolta in una di cotone. Iniziate a lucidare il mobile secondo la venatura del legno e non fermatevi: se sostate in un punto provocherete delle bruciature irrimediabili. Fate almeno tre passate a distanza di 48 ore. Se il trattamento è a vernice potete eseguire una classica verniciatura a spruzzo: anche qui date almeno due o tre passate.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Indossate sempre un paio di guanti

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come restaurare porte e finestre in legno

Porte e finestre in legno sono in genere costituite da materiali di alta qualità che durano nel tempo, e dotate di dettagli e modanature davvero uniche e affascinanti. Tali articoli sono molto richiesti dai proprietari di ville e abitazioni signorili,...
Casa

Come restaurare una vecchia poltrona

Il recupero di vecchi oggetti è senza ombra di dubbio un'opera di notevole pregio. Questo perché oltre all'eventuale riutilizzo ci cimenteremo in una operazione che ci permetterà l'ottenimento di molta soddisfazione. Infatti fare qualcosa con le proprie...
Casa

Come restaurare un candelabro

Il candelabro di legno col passare del tempo si deteriora. L'azione dei tarli provoca lesioni alla struttura; infatti, questi insetti scavano all'interno del legno delle gallerie. Inoltre, il candelabro può subire la perdita della vernice esterna. La...
Casa

Come Restaurare Un Vecchio Comodino

Generalmente, la maggior parte delle volte che un mobile con il passare del tempo si rovina, tendiamo a buttarlo via ed acquistarne uno nuovo, spendendo prima di tutto moltissimi soldi ed inoltre avremo creato rifiuti inutili. Per risparmiare qualcosa,...
Casa

Come restaurare lampadario in ferro battuto

Siamo ben propensi ad utilizzare in questo articolo, il metodo del fai da te, attraverso il quale poter essere in grado d'imparare come e cosa fare per poter restaurare un vecchio lampadario in ferro battuto. Ora mai in casa, specie se è moderna, questo...
Casa

Come Restaurare Una Specchiera

Le specchiere, in special modo quelle di antica lavorazione, hanno un valore economico ed affettivo davvero notevole. Sembra quasi che possiedano un fascino ed un'anima che nessun altro complemento d'arredo di moderna finitura è in grado di vantare....
Casa

Come restaurare un vecchio tavolo da pranzo

Anche un mobile che si trova in pessime condizioni può essere recuperato, restaurato e utilizzato nuovamente. Restaurare un vecchio tavolo da pranzo è un'operazione che richiede tempo e pazienza, ma a lavoro compiuto potrà tornare a splendere come...
Casa

Rimozione amianto: come procedere

In talune circostanze si rende necessario, anche per la tutela di se stessi, dell'ambiente e delle persone, rimuovere l'amianto in modo sicuro ed efficace. La legge, in questo ambito, è molto precisa e propone delle norme che vanno attentamente rispettate....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.