Come produrre idrogeno

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'idrogeno è l'elemento chimico più diffuso nell'intero universo. Proprio per tale ragione, non è possibile crearne uno nuovo, come può avvenire per gli altri elementi, ma si può semplicemente isolare dall'acqua ed immagazzinare, magari per utilizzarlo come fonte di energia. Qui di seguito, vi proporrò una piccola guida illustrativa su come produrre l'idrogeno in casa sfruttando alcune reazioni chimiche.

26

Occorrente

  • Soda caustica
  • occhialini
  • guanti protettivi
  • foglio d'alluminio
  • acqua
  • bottiglia in vetro
36

Inserire la soda caustica nella bottiglia

Prima di tutto, sarà necessario svolgere quest'operazione in un ambiente ben arieggiato e possibilmente aperto, in modo da far bene attenzione che intorno non ci siano elementi che potrebbero provocare una combustione, dal momento che l'idrogeno può essere facilmente infiammabile. L'occorrente è indicato nella sezione dedicata, oltre che a tutte le precauzioni da adottare. Inoltre, ricordatevi di indossare sempre occhialini e guanti in maniera tale da evitare il contatto con la soda caustica. Per prima cosa, mettete due cucchiai di soda caustica dentro ad una bottiglia in vetro ed inserite un foglio di alluminio di circa 80 centimetri finemente avvolto su se stesso.

46

Raccogliere l'idrogeno con un palloncino

Riempiendo la bottiglia con acqua per circa un terzo della sua capacità, si svilupperà una reazione chimica che libererà l'idrogeno. Successivamente, per raccogliere l'idrogeno, utilizzate un palloncino legato al collo della bottiglia. Vedrete che la reazione sarà abbastanza lenta, della durata di circa 15 minuti. Una volta passato questo intervallo di tempo, maneggiate con molta cura la bottiglia per rimuovere il palloncino, dopodiché legatelo al fondo in modo da poter conservare il gas. Fate massima attenzione in quanto la soda caustica è molto pericolosa.

Continua la lettura
56

Lavorare in un ambiente aperto

Raccomandazione molto importante è quella di non toccare mai il composto all'interno della bottiglia. Se non vedete alcun effetto, è soltanto perché la reazione è lenta, quindi attendete con pazienza e vedrete tutti i frutti del vostro lavoro. Oltre a ciò, utilizzate una bottiglia in vetro e non mettete troppe quantità, poiché il gas e la reazione chimica potrebbero provocare un aumento di temperatura e di pressione. Come accennato precedentemente, cercate sempre di lavorare in una stanza ben arieggiata o in un ambiente molto aperto: un ambiente saturo di idrogeno è molto pericoloso ed altamente instabile, oltre ad essere tossico. Infine, dopo aver ottenuto il vostro palloncino pieno di idrogeno, non portatelo mai vicino a fonti di calore, in quanto è altamente infiammabile. Buon lavoro!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Effettuare il lavoro in ambiente aperto, arieggiato e stabile.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come produrre ghiaccio secco

Il ghiaccio secco è probabilmente molto conosciuto grazie alle sue qualità sceniche. È infatti molto utilizzato nel mondo del cinema per realizzare un vapore, molto simile al fumo, o il suggestivo effetto della pioggia finta. Il bellissimo effetto...
Casa

Come produrre dentifricio

Sono molte le persone che decidono per hobby, passione o semplicemente per la voglia di sperimentare di produrre in casa, saponi, detergenti e dentifrici o colluttori. Ne giova certamente la salute, poiché questi prodotti sono privi di conservati e di...
Casa

Come produrre il pellet a partire dalla segatura

Se avete scelto come metodo di riscaldamento la stufa a pellet ma volete risparmiare sull'acquisto di questo materiale potete, in poche semplici mosse realizzarlo in casa. Con il fai da te il processo non risulta per niente complicato ed anzi è alla...
Casa

Come fare l'elettrolisi dell'acqua

L'elettrolisi dell'acqua, letteralmente "elettricità" e "divisione", è il termine con cui si descrive il fenomeno attraverso cui, grazie all'apporto di energia elettrica, l'acqua viene scomposta dei due gas che la compongono, ovvero l'idrogeno e l'ossigeno....
Casa

Come installare un rilevatore di gas metano

Purtroppo ogni anno si verificano moltissimi incidenti, spesso letali, dovuti alla fuga di gas metano, la maggior parte dei quali potrebbe essere evitata, semplicemente dotandosi di un rilevatore apposito. Sono purtroppo spiacevoli situazione di allarme...
Casa

Come creare un impianto fotovoltaico fai da te

Ormai da molti anni produrre energia pulita è fondamentale per il nostro ecosistema. Esistono vari modi per creare energia pulita. Si possono sfruttare gli elementi naturali che uniti alla tecnologia creano un connubio perfetto. Per creare energia si...
Casa

Come eliminare la vernice dalle piastrelle

In seguito a dei lavori in uno o più ambienti della vostra casa, ristrutturazioni, ma anche semplice verniciatura alle pareti, vi potete trovare nella situazione, specialmente in cucina e in bagno, ma anche sui pavimenti, di dover rimuovere delle macchie...
Casa

Come decalcificare un bollitore

Il bollitore per rendere al massimo delle sue prestazioni, deve essere in perfette condizioni, quindi privo del calcare che si forma nel suo regolare utilizzo. Una manutenzione ordinaria e costante nel tempo, ci garantisce un minor spreco di energia per...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.