Come profumare l'armadio con i chiodi di garofano

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Che sensazione di freschezza proviamo nell'aprire le ante del nostro armadio! Naturalmente il profumo che si espande è dato dai profuma biancheria che abitualmente mettiamo dentro gli armadi e che troviamo negli scaffali dei supermercati. Tuttavia, questo profumo lo percepiamo per un massimo di due settimane e comunque in base a quanto noi apriamo l'armadio. Confezionare dei sacchetti per profumare l'armadio non è un'impresa impossibile, impariamo invece a ripristinare gli antichi metodi della nonna, che in via totalmente naturale e non tossica profumavano gli armadi in modo quasi permanente, ma con sostanze ed odori molto leggeri e gradevoli. Un rimedio naturale ed efficace, non aggressivo ne lesivo di tessuti, armadi e soprattutto non lesivi per l'uomo, infatti, una delle problematiche più gravi dei nostri tempi è l'eccessivo utilizzo di sostanze poco naturali e quindi tossiche, causa anche di molte allergie. Vediamo dunque attraverso i suggerimenti di questa guida come profumare l'armadio con i chiodi di garofano.

26

Occorrente

  • matita
  • frutta
  • chiodi di garofano
36

Per cominciare dobbiamo reperire tutto il necessario per raggiungere il nostro scopo e, se siamo nella stagione giusta sara' sicuramente un'operazione facile. Bisognerà procurarsi un'arancia, un limone ed un pugnetto di chiodi di garofano e per finire, una matita che sia possibilmente ben appuntita, ed ovviamente un sacchetto di lino dove collocarli che potrà essere già stampato e/o decorato a nostro piacere, oppure semplicemente bianco.

46

Siamo pronti per dare inizio al nostro profumatore, per prima cosa con la matita appuntita andremo a fare numerosi buchetti in tutta la superficie della buccia dei due frutti. Ecco perché più è appuntita e migliore sara' il risultato finale. Una volta ultimato il processo di foro delle bucce andremo a riempire con i chiodi di garofano i fori appena praticati nell'arancia e nel limone. Adesso il lavoro è stato ultimato, a noi la scelta di posizionarli dentro l'armadio, sul fondo, così come si presentano oppure dentro dei sacchetti di lino e collocarli nell'armadio.

Continua la lettura
56

Una volta collocati i frutti nell'armadio per profumare la nostra biancheria occorrerà attendere qualche giorno, quando questi si saranno seccati inizieranno a spargere un profumo gradevolissimo, sicuramente migliore di quello della canfora e, per unire l'utile al dilettevole, pare che questo aroma tenga lontano anche le tarme dal legno dell'armadio, un vero e proprio deterrente naturale per cattivi odori, muffe e tarme. E pensare che in natura esistono semplici elementi naturali che possono da soli risolvere problemi che spesso neanche prodotti più aggressivi riescono a fare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Idee per profumare le candele

Le candele profumate sono un' ottima idea per rendere più belle le stanze ed aromatizzarle piacevolmente. In particolare in quella da bagno, immergerci in acqua calda con oli essenziali, magari un idromassaggio, musica e tante candeline accese intorno...
Bricolage

Come piantare chiodi o avvitare viti più facilmente

Spesso vi sarà capitato di dover piantare un chiodo o di dover avvitare una vite, ma di riuscirci solo dopo mille tentativi e con molta difficoltà. Dopo aver piantato un chiodo può accadere che si stacchino pezzi di intonaco, che si sfili con facilità...
Bricolage

Come realizzare un sole con chiodi e fili colorati

La chiamano string art o string wall art, viene dai paesi anglosassoni ed è un perfetto antistress. "String" indica uno dei materiali impiegati cioè le stringe, le corde, i fili colorati o le cordicelle insieme a chiodi e chiodini, attraverso i quali...
Bricolage

Come piantare i chiodi

Piantare i chiodi in una parete di cemento o in un pezzo di legno è un lavoro che può sembrare semplice ed alla portata di tutti, ma in realtà si tratta di un'operazione piuttosto delicata che, se non viene eseguita in maniera corretta, può avere...
Bricolage

Come realizzare un armadio con la stoffa

Negli ultimi anni, l'arte del "fai da te" sembra risultare molto di tendenza. Sempre più di frequente la maggioranza delle persone non getta via niente con un po' di senso e fantasia. Questo è un aspetto davvero positivo, in quanto consente una soluzione...
Bricolage

Come smontare un armadio a ponte

Il fai da te è oggi molto di moda: un modo davvero originale di agire su oggetti e attrezzature di prima necessità senza rivolgersi a personale specializzato. Con un pizzico di buona volontà ed alcune conoscenze appropriate, oggi è possibile fare...
Bricolage

Come creare un armadio con i pallet

I pallet sono delle strutture in legno, molto utilizzate per l'appoggio e l'imballaggio dei mobili, elettrodomestici e macchinari industriali. Il loro riciclo, può ritornare utile per realizzare oggetti molto funzionali per la casa e tra questi persino...
Bricolage

Come realizzare un armadio a muro con ante scorrevoli

In casa e in camera da letto l'armadio è un elemento di arredo fondamentale. Il problema però è il grande spazio che richiede, con il rischio di portare ingombro. Per questo, negli ultimi anni, la soluzione dell'armadio a muro è diventata sempre più...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.