Come progettare un giardino zen

Tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Le persone appassionate di giardinaggio sono numerose e alcuni prediligono ricavare un orticello (anche in città) rubando una piccola quantità di spazio al balcone o terrazzo: gli altri, invece, adorano molto le piante grasse e succulente oppure preferiscono nascondersi dietro enormi siepi frangivento o pannelli frangivista (per mantenere a bada quei vicini maggiormente indiscreti).
Attualmente, parecchi italiani decidono di creare il meraviglioso giardino zen (magari dopo un soggiorno nell'Estremo Oriente), il quale rappresenta un luogo verde della propria casa e un microcosmo racchiudente significati, simboli e filosofie di vita.
Per progettare e dedicarsi alla cura di un qualsiasi giardino zen, sarà necessario sposare una forma mentis specifica: i tratti principali dovranno essere l'essenzialità, l'eleganza e la presenza di pochi elementi, collocati in modo precisa e ordinato.
Anche la filosofia di vita di colui che sceglie d'intraprendere questo percorso dovrà essere scarna di cose frivole: nella seguente pratica e interessante guida che verrà esplicata nei passaggi successivi, quindi, vi fornirò qualche indicazione su come bisogna progettare correttamente un magnifico giardino zen.

28

Occorrente

  • Giardiniere competente
  • Carta e penna
  • Muschio
  • Pietre
  • Laghetto o cascata
  • Piante e alberi
38

Qualora abbiate già letto svariati libri o numerose riviste sulla cultura giapponese e sul posizionamento dei vari elementi nel giardino zen, avreste l'opportunità di provare a progettarne uno in maniera completamente autonoma.
Comunque, sarebbe abbastanza utile osservare dal vivo alcune realizzazioni fatte molto bene, sia all'estero che nella Penisola Italiana: ad esempio, il giardino zen del Tempio di Daitoku-ji situato nella città giapponese di Kyoto è uno dei più spettacolari al mondo.
Nel caso in cui riteniate di non possedere le giuste competenze in materia, invece, potreste rivolgervi ad uno specialista del settore, ovvero un giardiniere che si intenda di queste tipologie di progettazioni.

48

Nella fase progettuale, sarà essenziale procedere con carta e penna, disegnando in modo scrupoloso la configurazione che dovrà avere l'area dedicata al giardino zen: precisamente, occorrerà fare un elenco degli elementi (oggetti, piante o sassi) che andranno a riempire ciascun spazio e scegliere accuratamente la propria collocazione, in maniera che possano donare la pace e l'armonia.
Per definizione, il giardino zen (meditazione) è minimalista, ovvero le piante e gli alberi non sono essenziali: basterà pensare che, in tanti giardini di questa tipologia, l'unica forma vegetale presente è rappresentata dal muschio, adagiato sulle rocce o sulla sabbia (cose solitamente molto ricorrenti).

Continua la lettura
58

Le pietre (sotto forma di sassi o mattonelle) devono essere messe secondo la simbologia che si desidera adottare: disposte lontane simboleggerebbero la solitudine, mentre accostate vicine avrebbero una sensazione di unione e buone relazioni sociali.
Una disposizione delle pietre a mò di sentiero, invece, rappresenterebbe la via da percorrere per raggiungere la totale armonia.
Un ulteriore elemento fondamentale del giardino zen è l'acqua e il proprio scorrere serve a rilassare il corpo e la mente: se avete uno spazio adeguato, vi consiglio di realizzare un laghetto o una piccola cascata, ma la cosa importante sarà cercare di formare un "paesaggio nel paesaggio", dove spicchino l'eleganza, la sinuosità, la serenità e l'essenzialità.

68

Con riferimento alle piante e agli alberi, si potrebbe iniziare dagli aceri, dal bambù, dal ginepro e dallo Ginkgo biloba: se intendete creare un'entrata ad effetto, vi consiglio di collocare una pianta maschile abbastanza grande e a foglia caduca davanti all'ingresso, in maniera che il vostro ospite sia obbligato a chinarsi di fronte alla meraviglia del giardino zen.
Le piante femminili rigorosamente da fiore andrebbero posizionate lungo il sentiero e costituiscono il simbolo di una bellezza effimera e fragile, data dallo sbocciare e dal conseguente appassire di un fiore.
L'esistenza di così pochi elementi nel giardino zen permette un grande vantaggio, ovvero una manutenzione facile che richiede una saltuaria potatura ed una raccolta tempestiva di fiori e foglie secche, per lasciare sempre intatto un piccolo angolo di paradiso.

78

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

10 piante da mettere in un giardino zen

Sempre più di moda stanno diventando i giardini zen: chiunque abbia spazio ed ami la cultura orientale non potrà non farsi affascinare da un giardino zen. Sinonimo di pace e relax, non si tratta solo design e di stile, ma di una vera filosofia, dove...
Giardinaggio

Come creare un piccolo giardino zen

Al giorno d'oggi si vivono delle vite sempre più frenetiche. Tutto questo ci può provocare un notevole stress che spesso può sfociare in piccole problematiche fisiche le quali è meglio evitare. Ritagliarsi dei piccoli spazi di tempo da dedicare al...
Giardinaggio

Come progettare un giardino botanico

Con il termine giardino botanico si intendere una sorta di museo di storia naturale all'aperto, ovvero un luogo dove è possibile ammirare specie di fiori e di piante, la cui conservazione è l'obbiettivo primario. Infatti all'interno di questa tipologia...
Giardinaggio

Come progettare un giardino all'italiana

Ampi spazi ben delineati, specchi d'acqua dalle forme geometriche e vegetazione ordinata sono i fondamenti dell'elegante giardino formale. Anche senza avere grandi pretese, tuttavia, possiamo iniziare a progettare il nostro giardino all'italiana per godere...
Giardinaggio

Come progettare un giardino roccioso in pendenza

Un terreno ampio e soleggiato è ideale per la creazione di un giardino roccioso, specie se presenta la giusta inclinazione; infatti, la naturale pendenza del suolo garantisce un buon drenaggio. I giardini costruiti su dei pendii soleggiati, consentono...
Giardinaggio

Come progettare un'Aiuola Rocciosa

Un' Aiuola Rocciosa è considerata la miniatura del giardino roccioso, o giardino zen, di origine giapponese, che prevede la creazione di un paesaggio in miniatura con rilievi rocciosi, piante, perfino corsi d'acqua, modellini architettonici ed alberi...
Giardinaggio

Come progettare e costruire un laghetto

Costruire un laghetto nel nostro giardino è un'idea utile e carina. Potremo attuarla anche se possediamo un fazzoletto di terreno. Un laghetto renderà più allegro l'ambiente e ci invoglierà ad organizzare delle divertenti serate ai suoi bordi. Purtroppo...
Giardinaggio

Come progettare un impianto di irrigazione

L'irrigazione costante del giardino è l'unico modo per renderlo bello e sempre rigoglioso. L'irrigazione e la manutenzione del giardino richiedono, però, molto tempo ed impegno. Quindi non tutti possono dedicarsi di persona al proprio giardino, per...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.