Come progettare un pannello giapponese

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Abbellire un soggiorno, un disimpegno o la camera da letto con un pannello giapponese (conosciuto anche come shoji) è senza dubbio un'ottima idea per donare personalità alla propria parete. In riferimento a ciò, nei prossimi passi di questa guida, sarà spiegato in maniera dettagliata come progettare un pannello giapponese.

27

Occorrente

  • Pannello giapponese
  • Acero
  • Tiglio
  • Montanti supplementari
  • Listelli
37

Posizionare il pannello giapponese in un disimpegno o in una parete rovinata

Lo shoji è un pannello di legno o bambù, in cui nel telaio vengono montati riquadri di carta di riso o pergamena. Generalmente, i pannelli giapponesi vengono utilizzati per separare gli ambienti: infatti, anziché utilizzare le classiche porte (che, in alcuni casi, tolgono la luce e lo spazio) lo shoji è un'alternativa davvero notevole. Il disimpegno, cioè lo spazio tra una stanza e l'altra, è un buon punto per installare il pannello. Un altro punto strategico in cui è possibile posizionare il pannello giapponese è una parete rovinata: se in soggiorno o lungo il corridoio si ha un muro il cui intonaco si sta staccando, lo shoji può essere un diversivo molto utile.

47

Decorare la superficie del pannello giapponese

Naturalmente, la struttura è molto delicata ed occorre prestare particolare attenzione, sia in fase di montaggio che in fase di uso quotidiano. Posizionarlo in un punto fisso per evitare di spostarlo spesso o di finirci addosso inavvertitamente. Se il pannello si trova in camera da letto e simboleggia un proprio spazio riservato, decorarlo con l'acero, che simboleggia appunto la riservatezza. Il tiglio, invece, è indicato per l'amore coniugale, soprattutto se dipinto sul pannello accanto al letto. La struttura è costituita dalla parte inferiore rivestita e dalla parte superiore che alloggia su dei listelli con incastri semplici, a metà legno e assemblati come delle finestrelle. Oltre ai listelli, la parte superiore comprende un riquadro mobile utilizzato come sportello, che permette di accedere alla parete nascosta, per ispezionare o eseguire degli interventi sull'impianto elettrico.

Continua la lettura
57

Discostare la struttura del pannello giapponese di qualche centimetro dal muro

La struttura si deve discostare di qualche centimetro dal muro, al fine di migliorare l'isolamento del locale (in particolare quando la parete è orientata a nord). La struttura è fissata tra due montanti, avvitati contro il muro alle due estremità. L'altezza del muro determina la lunghezza dei listelli. Quando la larghezza della parete provvisoria oltrepassa i 2 metri, è consigliabile aggiungere uno o più montanti centrali supplementari, in modo da conferire una buona stabilità all'insieme. Infine, prima di prendere le misure, converrebbe stabilire i punti di riferimento in loco, collocando direttamente i listelli che devono costituire i montanti.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come fare la pasta adesiva per pannelli Shoji

All'interno di questa guida, vedremo come fare la pasta adesiva adatta per i pannelli Shoji. Cercheremo di realizzare il tutto con le nostre mani e grazie al metodo del fai-da-te, che anche in quest'ambito, ci dà una mano d'aiuto. Iniziamo subito col...
Bricolage

Come fare una lampada shoji

Se siete alla ricerca di uno stile minimalista per arredare, in maniera del tutto originale, la vostra casa, questa è sicuramente la guida che farà al caso vostro. Nei passi a seguire, infatti, vi illustrerò come creare una lampada ispirata ai pannelli...
Giardinaggio

Come progettare un'Aiuola Rocciosa

Un' Aiuola Rocciosa è considerata la miniatura del giardino roccioso, o giardino zen, di origine giapponese, che prevede la creazione di un paesaggio in miniatura con rilievi rocciosi, piante, perfino corsi d'acqua, modellini architettonici ed alberi...
Bricolage

Come progettare una casa per bambole

Le case per bambole sono pezzi di puro collezionismo. Sono ricercatissime e ne esistono centinaia di tipi. Alcune volte è persino possibile acquistare i fascicoli in edicola e costruirle passo passo seguendo le dettagliate istruzioni. In modo da tenere...
Bricolage

Come costruire un pannello giapponese

Il pannello giapponese viene costruito per nascondere un muro o una parete poco estetica e poco decorativa o per nascondere il passaggio di tubazioni decisamente antiestetiche. Potrebbe anche servire a dare più luce ad un bagno o altro, ma anche per...
Casa

Come Progettare La Tecnica Di Lavorazione Del Mobile

Un mobile può dirsi finito solo quando attraverso una serie di tecniche di lavorazione vengono applicati i giusti materiali per farlo durare nel tempo ed esaltarne il pregio del legno stesso. Naturalmente esistono varie tecniche inerenti alla lavorazione...
Giardinaggio

Come creare un giardino zen in terrazzo

Se l'arte orientale della meditazione ci interessa, è ora di creare uno spazio Zen sul nostro terrazzo. È opportuno che il nostro terrazzo sia in un lato tranquillo della casa, senza rumori eccessivi e disturbi di varia natura. Prima di progettare un...
Giardinaggio

10 piante da mettere in un giardino giapponese

Se si ama lo stile orientale, si può disporre un giardino giapponese. In tal caso occorrerà tanta passione per le piante ed uno spazio verde. Non è necessario che l'area disponibile sia molto grande. Infatti il giardino giapponese prevede tradizionalmente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.